Salute 12 Ottobre 2020

Covid-19, Iss: ecco i quattro possibili scenari per l’inverno in Italia

A seconda del livello di rischio, il documento condiviso con il Ministero della Salute, mostra scenari con restrizioni sempre più importanti, fino al lockdown generale. L’Italia per ora si trova nella situazione 2

Immagine articolo

Un documento che illustra alle Regioni i quattro possibili scenari da affrontare nell’autunno/inverno che arriverà. Realizzato dall’Istituto Superiore di Sanità (Iss) con il Ministero della Salute e riportato dal Corriere della Sera, delinea come la circolazione di Sars-CoV-2 in contemporanea con l’influenza, potrebbe trasformare l’Italia. «Prevenzione e risposta a Covid-19, evoluzione della strategia e pianificazione nella fase di transizione per il periodo autunno-inverno» prova a rispondere ai dubbi sui prossimi mesi.

Le quattro situazioni variano in base all’indice Rt, che misura la riproducibilità del virus ovvero il possibile numero di contagiati in caso di infezione. Nello scenario 1 l’indice sarebbe superiore all’1,0 con una trasmissione fatta principalmente di cluster e focolai e un’incidenza bassa, assimilabile al periodo luglio/agosto. Nello scenario 2, invece, la trasmissione è più sostenuta ma ancora con una diffusione gestibile. Con indice Rt tra 1 e 1,25. Attualmente, l’Italia si trova in questa situazione rispetto agli ultimi monitoraggi, classificata come “a rischio moderato”.

GLI SCENARI PIÙ GRAVI

La situazione 3 scatta quando l’indice Rt si stanzia tra 1,25 e 1,50. Questa situazione mostrerebbe, in parallelo, una veloce crescita sia dell’incidenza dei casi che della gravità clinica degli stessi. I focolai sarebbero sempre più spesso indistinti e si troverebbero casi non legati a catene di trasmissione note. Da qui l’aumento di pressione per i servizi assistenziali. In questo caso si creerebbero le condizioni per lockdown temporanei, di 2 o 3 settimane, e circoscritti, con istituzione di zone rosse e monitoraggio costante. Le attività culturali, sociali e sportive a rischio di assembramento sarebbero interrotte, così come la mobilità regionale e interregionale.

Lo scenario 4 si configura come il più duro da affrontare. Con Rt maggiore di 1,5o e incidenza e gravità clinica elevate, i focolai non sarebbero più distinti tra loro e la pressione sull’assistenza estremamente sostenuta. Questa è la situazione tipo per un lockdown generale con durata da stabilirsi in base all’evoluzione epidemiologica. Scuole e attività notturne verrebbero chiuse, la mobilità di conseguenza limitata. Una reazione più forte fino all’allentarsi della curva e alla diminuzione del rischio da alto a moderato e ancora a scendere.

Il documento Iss ricorda, inoltre, che una volta raggiunta l’immunità di gregge data dal vaccino, quando dunque sarà possibile sospendere le misure di distanziamento, la preparazione per la prossima epidemia sarà obbligata. Dunque lo studio delle situazioni emergenziali del futuro dovrà fare parte concreta delle misure di sicurezza. Per non rischiare mai più di farsi trovare impreparati, com’è accaduto a inizio anno.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Covid-19, Conte firma un nuovo DPCM: ecco cosa prevede e il testo completo
Bar e ristoranti chiusi dalle 18.00, didattica a distanza per il 75% delle attività alle superiori, giù le serrande di palestre e piscine. Conte: «I medici di famiglia saranno preziosi alleati nella strategia di contrasto al Covid-19. Sul tavolo c'è un rinnovo contrattuale che servirà anche a motivarli per coinvolgerli in nuovi compiti» 
Covid, Ecdc: «In Europa interventi inefficaci, situazione ad alto rischio. Servono misure immediate»
Situazione preoccupante secondo gli esperti del Centro europeo per il controllo delle malattie: le misure sono arrivate in ritardo e l'adesione non è stata ottimale
La Fimp replica a D’Amato: «Nel Lazio i Pediatri sono 757 e non 1100»
«Le critiche rivolte al nostro operato ci amareggiano, ma non ci abbattono perché il nostro ruolo e il nostro compito principale rimane quello di tutelare la salute dei bambini e di sostenere le famiglie» così il Segretario della F.I.M.P Teresa Rongai
«Futuri medici o solo studenti senza voce?»
di Sofia Salvetti, studentessa di Medicina
di Sofia Salvetti, studentessa di Medicina
Cos’è la pandemic fatigue? L’esperto ci spiega perché ne soffre il 60% degli europei
Spossatezza e sfiducia nelle regole, nella seconda ondata tanti sentono la pandemic fatigue. Cosa succede nel nostro cervello? Il professor Vitiello (coordinatore "Lavoro" OdP Lazio) spiega come contrastarla
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...