Salute 4 Giugno 2020

Covid-19, Crisanti: «Virus a Vo’ Euganeo già dai primi di gennaio. E l’Austria fa bene a non aprire le frontiere»

Nel Comune veneto il 5% degli abitanti ha sviluppato anticorpi da Sars-Cov-2, per l’esperto il rischio c’è ancora. Dall’Iss arriva il “no” alla disinfezione delle strade con ipoclorito di sodio: «Possono formarsi sostanze pericolose»

Immagine articolo

A Vo’ Euganeo il virus esisteva già dalla prima-seconda settimana di gennaio. Andrea Crisanti, direttore di Microbiologia e Virologia presso l’A.O. dell’Università di Padova, ha illustrato i risultati di tre nuovi studi fatti sulla popolazione del Comune veneto ad Agorà, su Rai3.

Gli abitanti sono stati prima sottoposti tutti al tampone, poi hanno effettuato il test sierologico e ora è in corso il completamento dell’analisi genetica, senza registrare nuovi casi positivi. «Il test sierologico ha rivelato sorprese interessanti – ha fatto presente Crisanti –, abbiamo visto che c’è un numero importante di persone che al primo campionamento, del 24-25 febbraio, erano negative al tampone e stavano bene, ma hanno sviluppato gli anticorpi. È emerso che circa il 5% della popolazione di Vo’ Euganeo ha anticorpi contro il virus. Questo ci permette di datare l’entrata del virus a Vo’ Euganeo nella prima-seconda settimana di gennaio».

I primi due casi trovati, due anziani, erano stati segnalati intorno al 20 febbraio pensando a un focolaio creato da un bar della zona. «Questo virus – ha spiegato Crisanti – per ragioni che ancora non conosciamo, si diffonde senza creare malattia finché raggiunge una massa critica di persone che si infettano e a quel punto esplode con tutta la sua violenza, quindi questi casi che ci sono in Italia non vanno sottovalutati».

LEGGI ANCHE: TERAPIA CON PLASMA IPERIMMUNE CON PLASMA DEI GUARITI DA COVID-19, IL VIROLOGO CRISANTI: «DUE PAZIENTI GRAVI SU TRE MIGLIORANO IN 36 ORE»

Per il professore, facendo un rapporto di comparazione tra i risultati di Vo’ e i numeri lombardi, c’è una forte possibilità che in alcune zone della regione più colpita si arrivi anche al 30% di persone con anticorpi. «Se il professor Zangrillo fosse andato a Vo’ nella prima settimana di gennaio e avesse visto le persone che magari erano positive al virus avrebbe detto che il virus clinicamente non esisteva», Crisanti ha commentato così l’affermazione del collega che aveva fatto discutere la settimana scorsa.

Il rischio c’è ancora, ha ribadito: «In questo momento c’è poca trasmissione ma questo non vuol dire che non ci sia pericolo. Il problema non è se in questo momento c’è poca trasmissione o meno; il problema è se siamo attrezzati, nel caso si manifesti di nuovo, a spegnere rapidamente questi focolai. Non esiste rischio zero in questo momento».

Secondo Crisanti, quindi, l’Austria ha fatto bene a non riaprire i confini con il nostro Paese: «Ci sono ancora un sacco di casi in Italia – ha detto -, e anzi io penso che anche noi dovremmo implementare misure di controllo nei confronti di quei Paesi dove l’epidemia è ancora attiva, come quelli americani. Stabilirei dei criteri – ha aggiunto -: entri in Italia, ti controlliamo la  temperatura, ti facciamo il tampone e verifichiamo che tu sia rintracciabile. Se sei positivo ti mettiamo in isolamento, non è che si può riaprire tutto così».

La prevenzione resta la strada migliore per contrastare una nuova ondata, per cui è necessario lavare spesso le mani e disinfettare le superfici. Anche se è di questa mattina l’invito di Rosa Draisci del Centro nazionale sostanze chimiche dell’Istituto Superiore di Sanità, a non sanificare le strade o altre grandi superfici con ipoclorito di sodio. A contatto con altri materiali organici depositati sul terreno, ha specificato, si possono formare sostanze pericolose.

Anche il tracciamento via app potrebbe essere uno strumento, ma Crisanti si dice poco convito dal possibile impatto dell’app “Immuni”, per ora in prova in alcune regioni italiane. «Così come è concepita e con i livelli di identificazione dei casi penso che abbia un impatto molto basso – ha chiarito –. Per avere un impatto dovrebbe essere scaricata dal 90% degli italiani».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Arrivi da Paesi extra Ue ed extra Schengen, Speranza: «Urgenti nuove misure rigorose»
La lettera del ministro della Salute al Commissario Ue Stella Kyriakides e al presidente del Consiglio dei ministri della Salute Jens Spahn: «Serve maggior coordinamento tra gli Stati membri»
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
All’8 luglio, sono 11.838.384 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 544.414 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 8 luglio: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 8 luglio, il totale delle persone che hanno contratto il virus […]
Il software intelligente che monitora la salute per tornare in ufficio in sicurezza
Ideato e promosso da un gruppo di aziende sotto il coordinamento di Technogenetics, il kit prevede test sierologico rapido e software per rilevare temperatura, saturazione dell’ossigeno e battito cardiaco
di Federica Bosco
Assistenza Domiciliare Integrata, solo il 2,7% degli over 65 ne beneficia. Bernabei (Italia Longeva): «Investire in formazione e tecnologia»
Al webinar "Assistenza Domiciliare Integrata (ADI): ripensare modelli e strumenti a partire da quanto imparato in emergenza” anche la Sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa: «Nel Dl Rilancio stanziamento senza precedenti di 734 mln di euro»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

All’8 luglio, sono 11.838.384 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 544.414 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 8 luglio: nell’ambi...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)