Salute 4 Giugno 2020

Covid-19, Crisanti: «Virus a Vo’ Euganeo già dai primi di gennaio. E l’Austria fa bene a non aprire le frontiere»

Nel Comune veneto il 5% degli abitanti ha sviluppato anticorpi da Sars-Cov-2, per l’esperto il rischio c’è ancora. Dall’Iss arriva il “no” alla disinfezione delle strade con ipoclorito di sodio: «Possono formarsi sostanze pericolose»

Immagine articolo

A Vo’ Euganeo il virus esisteva già dalla prima-seconda settimana di gennaio. Andrea Crisanti, direttore di Microbiologia e Virologia presso l’A.O. dell’Università di Padova, ha illustrato i risultati di tre nuovi studi fatti sulla popolazione del Comune veneto ad Agorà, su Rai3.

Gli abitanti sono stati prima sottoposti tutti al tampone, poi hanno effettuato il test sierologico e ora è in corso il completamento dell’analisi genetica, senza registrare nuovi casi positivi. «Il test sierologico ha rivelato sorprese interessanti – ha fatto presente Crisanti –, abbiamo visto che c’è un numero importante di persone che al primo campionamento, del 24-25 febbraio, erano negative al tampone e stavano bene, ma hanno sviluppato gli anticorpi. È emerso che circa il 5% della popolazione di Vo’ Euganeo ha anticorpi contro il virus. Questo ci permette di datare l’entrata del virus a Vo’ Euganeo nella prima-seconda settimana di gennaio».

I primi due casi trovati, due anziani, erano stati segnalati intorno al 20 febbraio pensando a un focolaio creato da un bar della zona. «Questo virus – ha spiegato Crisanti – per ragioni che ancora non conosciamo, si diffonde senza creare malattia finché raggiunge una massa critica di persone che si infettano e a quel punto esplode con tutta la sua violenza, quindi questi casi che ci sono in Italia non vanno sottovalutati».

LEGGI ANCHE: TERAPIA CON PLASMA IPERIMMUNE CON PLASMA DEI GUARITI DA COVID-19, IL VIROLOGO CRISANTI: «DUE PAZIENTI GRAVI SU TRE MIGLIORANO IN 36 ORE»

Per il professore, facendo un rapporto di comparazione tra i risultati di Vo’ e i numeri lombardi, c’è una forte possibilità che in alcune zone della regione più colpita si arrivi anche al 30% di persone con anticorpi. «Se il professor Zangrillo fosse andato a Vo’ nella prima settimana di gennaio e avesse visto le persone che magari erano positive al virus avrebbe detto che il virus clinicamente non esisteva», Crisanti ha commentato così l’affermazione del collega che aveva fatto discutere la settimana scorsa.

Il rischio c’è ancora, ha ribadito: «In questo momento c’è poca trasmissione ma questo non vuol dire che non ci sia pericolo. Il problema non è se in questo momento c’è poca trasmissione o meno; il problema è se siamo attrezzati, nel caso si manifesti di nuovo, a spegnere rapidamente questi focolai. Non esiste rischio zero in questo momento».

Secondo Crisanti, quindi, l’Austria ha fatto bene a non riaprire i confini con il nostro Paese: «Ci sono ancora un sacco di casi in Italia – ha detto -, e anzi io penso che anche noi dovremmo implementare misure di controllo nei confronti di quei Paesi dove l’epidemia è ancora attiva, come quelli americani. Stabilirei dei criteri – ha aggiunto -: entri in Italia, ti controlliamo la  temperatura, ti facciamo il tampone e verifichiamo che tu sia rintracciabile. Se sei positivo ti mettiamo in isolamento, non è che si può riaprire tutto così».

La prevenzione resta la strada migliore per contrastare una nuova ondata, per cui è necessario lavare spesso le mani e disinfettare le superfici. Anche se è di questa mattina l’invito di Rosa Draisci del Centro nazionale sostanze chimiche dell’Istituto Superiore di Sanità, a non sanificare le strade o altre grandi superfici con ipoclorito di sodio. A contatto con altri materiali organici depositati sul terreno, ha specificato, si possono formare sostanze pericolose.

Anche il tracciamento via app potrebbe essere uno strumento, ma Crisanti si dice poco convito dal possibile impatto dell’app “Immuni”, per ora in prova in alcune regioni italiane. «Così come è concepita e con i livelli di identificazione dei casi penso che abbia un impatto molto basso – ha chiarito –. Per avere un impatto dovrebbe essere scaricata dal 90% degli italiani».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
In Italia il contact tracing non funziona. Le Asl in difficoltà da nord a sud
Solo 9 mila tracciatori nel nostro paese e oltre il 33% dei nuovi casi senza un link epidemiologico, ovvero fuori dal contact tracing. Nelle Asl emergono le criticità su tamponi e gestione posti letto, a Napoli non c'è più posto
Napoli, Zuccarelli (Omceo): «La città è malata, serve responsabilità o presto ci saranno centinaia di morti»
Lancia un forte appello alla responsabilità collettiva Bruno Zuccarelli, vice presidente dell’Ordine dei Medici di Napoli. «Non rendiamo vana la sofferenza dei mesi scorsi, altrimenti molto presto saremo costretti a vedere sfilate di carri militari impegnati a trasportare altrove le bare dei nostri cari. Il Covid non lascia seconde occasioni, i nostri medici lo sanno bene»
Emergenza Covid-19, Mattarella consegna onorificenze al merito ai cittadini che si sono distinti
«Tutti siamo chiamati a contribuire a sconfiggere la pandemia e la diffusione del contagio e del virus». Così il Presidente Mattarella in occasione della consegna al Quirinale delle onorificenze di Cavaliere dell'OMRI ai cittadini che si sono distinti durante la pandemia
Pronto soccorso, Manca: «File più lunghe di prima. Siamo la risposta alle inefficienze del territorio e dei reparti Covid»
Il presidente della Società italiana della medicina di emergenza-urgenza: «Da noi anche pazienti per tamponi o test sierologici e casi sospetti Covid che non trovano posto nei reparti dedicati. Ma in alcune aree d’Italia è stato dismesso il percorso differenziato, quindi in presenza di un solo positivo rischiamo di chiudere tutto il pronto soccorso»
di Isabella Faggiano
Covid-19, Senior Italia: «Anziani terrorizzati. Dilagano ansia e depressione. E il 55,7% ha problemi di accesso alle cure»
Anziani in auto lockdown. Le più grandi paure? Contagiare o essere contagiati dai propri cari e morire da soli. Ma il 72,4% ripone fiducia nelle scelte delle Istituzioni. TV e carta stampata le principali fonti per i comportamenti da adottare rispetto al Covid, e il 7,9% va a caccia di informazioni online
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 20 ottobre, sono 40.403.537 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.118.293 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 20 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...