Salute 23 Ottobre 2020 11:43

Cos’è la pandemic fatigue? L’esperto ci spiega perché ne soffre il 60% degli europei

Spossatezza e sfiducia nelle regole, nella seconda ondata tanti sentono la pandemic fatigue. Cosa succede nel nostro cervello? Il professor Vitiello (coordinatore “Lavoro” OdP Lazio) spiega come contrastarla

Cos’è la pandemic fatigue? L’esperto ci spiega perché ne soffre il 60% degli europei

Stanchezza, sfiducia e svogliatezza nel rispetto delle regole. Se anche voi vi siete sentiti così e avete cercato di trovare un nome a questa sensazione, ora c’è. Si chiama “pandemic fatigue” e l’Organizzazione mondiale della Sanità la definisce «la tendenza a sentirsi demotivati nel seguire i comportamenti raccomandati per proteggere sé stessi e gli altri dal virus Sars-CoV-2». In una recente conferenza Hans Kluge, direttore Oms per la regione europea, ha annunciato che oltre il 60% degli europei ne soffre al momento. E sta diventando un problema per la gestione della salute pubblica in questo momento di crisi.

Ma come si riconosce la pandemic fatigue e c’è un modo per contrastarla? Sanità Informazione lo ha chiesto al professor Marco Vitiello, psicologo del lavoro e delle organizzazioni e coordinatore “Lavoro” per l’Ordine degli psicologi del Lazio.

COS’È LA PANDEMIC FATIGUE

«Nella stessa definizione – spiega – c’è il termine “fatica” che funziona sia sul campo fisico che mentale». Il meccanismo che si attua nel nostro cervello, durante la convivenza prolungata con questa emergenza sanitaria, trasmette una sensazione di sconfitta che distrae dall’impegno necessario contro il contagio e affatica anche fisicamente. «La nostra psiche può generare delle sostanze che hanno un effetto fisiologico sul nostro corpo. La melatonina e il cortisolo ad esempio: la prima che porta a spossatezza e appesantimento fisico e il secondo che invece induce l’eccessivo stress», analizza tecnicamente l’esperto.

«L’esplosione di queste due polarità genera quasi un burnout proprio perché non è possibile vedere un orizzonte chiaro di miglioramento di questa situazione», aggiunge. La pandemic fatigue dunque, dipende più di tutto dal tempo. Un valore a cui la modernità ci ha abituato a dare il massimo peso e che adesso ci scorre davanti lasciandoci impotenti, tra quarantene e isolamenti. Un’esposizione prolungata sconfigge anche la paura. Quella che la professoressa Cornelia Betsch dell’università di Erfurt in Germania descrive come il principale motivatore al comportamento protettivo. Ma «la paura si cancella quando la popolazione si abitua alla minaccia e si ripetono le stesse abitudini nel tempo», è chiarito sul sito Oms.

SECONDA ONDATA E SFIDUCIA: COSA CI SUCCEDE?

«La seconda ondata ha risvegliato questo meccanismo – insiste Vitiello – che le riaperture estive avevano sopito, e qui c’è stato lo “schianto” per molti». Su ognuno di noi, infatti, ha effetto la difficoltà in cui si trova di nuovo il sistema sanitario che preannuncia una situazione già vista. «Le persone, anche se non provano più lo stesso stress di prima, come in sovra-apprendimento sanno già a cosa questo porta e sentono gli effetti psichici ancora prima che arrivi il pericolo vero e proprio», spiega ancora. I casi di positività sempre più vicino casa, la mancanza di zone più a rischio di altre, e lo «slalom continuo tra isolamenti fiduciari e quarantene imposte dal lavoro e dalle scuole dei figli» innescano il processo mentale.

Potrebbe la pandemic fatigue e la relativa “stanchezza da misure restrittive” aver portato al rialzo dei contagi? Su questo Vitiello è cauto, specifica che non c’è mai una sola causa per una conseguenza così grande. «Di certo però l’affaticamento generale ha avvicinato molti più soggetti a posizioni fataliste o addirittura negazioniste», specifica.

«Esiste una dimensione dentro di noi, di nome locus of control, che stabilisce come siamo posizionati rispetto all’incidenza che possiamo avere sugli accadimenti. In questo momento chi aveva maggiormente il controllo sul futuro e sugli eventi sente che quell’atteggiamento non è corrisposto dalle cose che accadono, si sente in balia degli eventi» e si rompe.

I PIÙ COLPITI DALLA PANDEMIC FATIGUE

Ci sono categorie più esposte di altre alla pandemic fatigue e, spesso, sono le più vicine al problema. Chi affronta il virus in prima linea e non si sente aiutato da chi cerca di aiutare, sente l’impotenza e la paura contemporaneamente. «Come fascia di età sicuramente soffre quella tra i 35 e i 55 anni, che è contemporaneamente genitore e figlio, e sente il peso di dover proteggere e tranquillizzare tutti senza sapere come», approfondisce Vitiello.

C’è un modo per contrastare questa diffusa problematica? «Bisogna sfidarsi a mantenere alta la soglia dell’attenzione – insiste il professore – e crearsi delle piccole progettualità realizzabili con queste nuove regole. Inseguire nuovi spunti e tornare ad avere una propensione per il futuro. Così fa quel 40% di europei che non vive la pandemic fatigue. Non si fermano e provano a guardare oltre». Il consulto psicologico, inoltre, deve essere una soluzione a cui ricorrere, anche con le limitazioni. Le tele-sedute funzionano e fanno sentire meno soli.

PARTECIPARE CONTRO LA SFIDUCIA

Ai governi di un’Europa penalizzata dal suo stesso benessere, che ora non sa come affrontare una difficoltà inattesa, la raccomandazione da dare è quella di «coinvolgere i cittadini». «Le nuove strategie – conclude Vitiello – possono e devono essere condivise. Con numeri di difficoltà psicologiche così grandi i piccoli esempi e le isole felici non bastano più. Bisogna tornare a sentirsi una comunità che lavora per un obbiettivo comune. La voglia di partecipazione e quella di aiutare combattono per definizione sfiducia e spossatezza».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Morbillo: allarme Oms Europa, 30 volte più casi nel 2023
"La regione europea sta registrando un aumento allarmante dei casi di morbillo". E' il monito dell'ufficio regionale dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per l'Europa. "Tra gennaio e ottobre 2023 sono stati segnalati oltre 30mila casi da 40 dei 53 Stati membri della regione. Rispetto ai 941 segnalati in tutto il 2022, è un aumento di oltre 30 volte", avverte l'agenzia Onu per la salute
di V.A.
Oms: «Da diete malsane 8 milioni di morti». Schillaci: «Alimentazione mediterranea va studiata a scuola»
In occasione della sessione «Healthy Diets, Cultures and Tradition: Lessons from the Mediterranean Diet», prevista nell'ambito del vertice sui sistemi alimentari delle Nazioni Unite, il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus sottolinea l'importanza di seguire una dieta sana
Covid, Oms Europa: sono 36 milioni i cittadini con Long Covid, continuare con vaccini
La pandemia è stata ufficialmente dichiarata conclusa, ma ancora oggi ci sono ben mille morti a settimana in Europa. Nel frattempo, sale anche il conteggio delle vittime del Long Covid, la sindrome post-infezione, che in 3 anni è arrivata a colpire 36 milioni di persone, sempre in Europa, 1 persona su 30. Questi sono alcuni dei dati presentati questa mattina da Hans Kluge, direttore dell'Ufficio regionale europeo dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms)
Covid: Oms, Acrux diventa variante sotto monitoraggio
L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha inserito dal 18 maggio la variante XBB.2.3 di Sars-CoV-2, battezzata Acrux dagli esperti sui social, fra le varianti sotto monitoraggio (Vum), dopo che questo mutante è cresciuto nell’arco di 5 settimane, da 1,8% del totale sequenze rilevate nel mondo a 4,64% (ultimo dato, relativo al 24-30 aprile). E’ quanto […]
Gli italiani consumano troppo sale, il doppio rispetto ai limiti OMS
Gli italiani mangiano ancora troppo rispetto a quanto raccomandato dall'Organizzazione mondiale della sanità, la quale indica come dose massima 5 grammi al giorno. E' quanto riportato dal ministero della Salute, in occasione della Settimana mondiale di sensibilizzazione per la riduzione del consumo alimentare di sale (15-21 maggio)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.