Salute 24 Gennaio 2020

Coronavirus, rientra allarme su caso sospetto a Bari: «La paziente non ha più febbre, a casa tra pochi giorni»

In Cina sono 25 i morti e oltre 800 i contagi. Ma per l’OMS è troppo presto per parlare di emergenza sanitaria globale

Immagine articolo

Sta meglio la paziente che ieri a Bari ha fatto scattare l’allarme coronavirus. Fonti del Policlinico del capoluogo pugliese, in cui è ricoverata in isolamento, riferiscono a Sanità Informazione che la donna non ha più la febbre e che, in assenza di altri batteri, potrebbe tornare a casa già tra qualche giorno. Le prime analisi condotte dal Policlinico hanno infatti verificato la presenza di un batterio diverso dal coronavirus, un micoplasma. Risultati che sono stati poi confermati dalle verifiche condotte dall’Istituto Nazionale Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani, a cui è stato immediatamente inviato un campione biologico della paziente.

Tirano un sospiro di sollievo, allora, medici e operatori sanitari della struttura, che hanno gestito la situazione seguendo le procedure previste dal ministero della Salute. La donna si era recata al Pronto soccorso del Policlinico barese riportando sintomi influenzali, ma il sospetto che potesse trattarsi del primo caso di coronavirus in Italia è nato non appena la paziente ha riferito di essere tornata da pochi giorni da una tournée in Cina che ha toccato anche la regione di Wuhan, focolaio dell’epidemia.

La donna è stata immediatamente trasportata, tramite un percorso protetto, all’interno del reparto di Malattie infettive, dove è stata ricoverata in isolamento, ed il caso è stato segnalato all’Istituto Superiore di Sanità. Le direttive ministeriali e le profilassi da seguire erano state trasmesse la mattina stessa, ed il percorso era quindi già stato attivato. Per questo non si sono verificate reazioni allarmistiche o di panico, né da parte degli operatori sanitari né dei pazienti.

PER L’OMS NON È EMERGENZA INTERNAZIONALE

L’Organizzazione mondiale della sanità, che si è riunita ieri per analizzare la situazione, ha deciso di non dichiarare l’epidemia un’emergenza internazionale di salute pubblica perché sono ancora poche le conferme della presenza del virus al di fuori della Cina, e ha diramato agli Stati alcune raccomandazioni che sono risultate in linea con le misure adottate nei giorni scorsi dall’Italia.

IN CINA 25 MORTI E 830 CONTAGI. 13 CITTÀ ISOLATE E 41 MILIONI DI CINESI BLINDATI

Continua a salire, invece, il bilancio dell’epidemia in Cina. In base a quanto riporta l’Ansa, sarebbero 25 le vittime accertate e oltre 800 i casi di contagio. Per cercare di far fronte all’emergenza, le autorità cinesi hanno disposto lo stop ai trasporti in 13 città della provincia di Hubei, bloccando così oltre 41 milioni di cittadini. In molte di queste città è stata disposta anche la chiusura di luoghi aperti al pubblico come teatri o locali per il karaoke. Chiuse anche alcune sezioni della Grande Muraglia e, temporaneamente, anche Disneyland Shanghai.

Articoli correlati
Coronavirus, Ordine biologi: «Non è più grave di un’influenza»
“Il coronavirus non è più grave di un’influenza. Nelle altre nazioni d’Europa non si registrano casi perché non li cercano”. Lo ha detto il presidente dell’Ordine nazionale dei biologi, Vincenzo D’Anna, ospite del programma i Lunatici di Rai Radio 2. “In Italia mancano scienziati coraggiosi – ha affermato – molti non parlano perché hanno paura […]
Medici di famiglia, pediatri, farmacisti: da Codogno le storie degli eroi silenziosi in prima linea ogni giorno
Tre mascherine a testa, tanto coraggio e tanta pazienza. Tra psicosi da arginare e dotazioni quasi inesistenti. «Ma domani andrà meglio di oggi: non possiamo permetterci di non avere fiducia»
Coronavirus e bambini, lo psicoterapeuta: «Hanno paura se vedono adulti spaventati senza conoscerne il motivo. Diciamo loro la verità»
Alberto Pellai fornisce consigli su come gestire angoscia e preoccupazione: «Partire da fatti e dati oggettivi. La probabilità reale che ognuno di noi ha di morire a causa del coronavirus è forse l’equivalente di morire in un incidente stradale. Eppure continuiamo a prendere la macchina»
Coronavirus, Tecnologia e Formazione a Distanza per superare l’immobilismo da psicosi
Il presidente di Consulcesi Massimo Tortorella: L’importanza strategica della formazione a distanza e dell’utilizzo delle tecnologie più avanzate si conferma valore aggiunto in campo sanitario. Il nostro docufilm ECM formerà operatori sanitari a gestire il nuovo virus ed a contrastare psicosi e fake news»
La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 25 febbraio 2020 sono 80.248 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 27.768 mentre i morti sono 2.704. I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 12.00 del 25 febbraio: Contagiati: 283 (compresi i deceduti e i guariti) Deceduti: 7 Guariti: 1 Divisione territoriale: Lombardia: […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 febbraio 2020 sono 80.248 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 27.768 mentre i morti sono 2.704. I CASI IN ITALIA Bollettino delle or...