Salute 19 Settembre 2019

Congresso Sinuc, tre giorni dedicati alla nutrizione clinica. Invecchiamento e malattie croniche, il ruolo dell’alimentazione

Ad Ancona il quarto Congresso nazionale della Società italiana di nutrizione clinica e metabolismo. Il Presidente Muscaritoli: «Non è sempre facile riconoscere la malnutrizione, per questo è fondamentale il ruolo della formazione»

Immagine articolo

Combattere la malnutrizione spesso può significare aiutare a sconfiggere o quantomeno arginare tante patologie, da quelle croniche a quelle oncologiche. Ma troppo spesso sia tra i medici che tra i pazienti c’è poca consapevolezza dell’importanza di questo aspetto. Del rapporto tra stato di nutrizione e salute si occupa la nutrizione clinica, e su questo accende i riflettori la Sinuc, Società italiana di nutrizione clinica e metabolismo, che sta celebrando ad Ancona il suo quarto Congresso nazionale.

Dalla dieta mima-digiuno alla sindrome dell’intestino irritabile, dall’infiammazione cronica alla nutrizione in oncologia, tanti i temi del Congresso che si svolge nella Facoltà di Medicina dell’Università di Ancona.

La giornata inaugurale ha visto la lettura magistrale di Roberto Bernabei, geriatra e presidente di Italia Longeva, che ha posto l’attenzione sulla malnutrizione dei pazienti anziani e con multimorbilità, che spesso sfocia nella sarcopenia, ovvero la riduzione della massa muscolare.

LEGGI ANCHE: INVECCHIAMENTO ATTIVO, ITALIA LONGEVA PROMUOVE SPOT PER LA VACCINAZIONE DEGLI ANZIANI

Bernabei ha ricordato i dati sull’invecchiamento della popolazione italiana: nel 2050 saremo 2,5 milioni in meno a causa del crollo delle nascite con 8 milioni di anziani che avranno almeno una malattia cronica grave. «La vera emergenza saranno le disabilità. Tra le 10 città più vecchie d’Europa 7 sono italiane. Vorrei che il nuovo Governo facesse una riflessione su questo – ha sottolineato Bernabei, che poi è andato sul tema della sarcopenia -: invecchiamento vuol dire diminuzione di massa magra, per questo è importante fornire benzina ai muscoli. La sarcopenia è una tipica sindrome geriatrica». Bernabei ha annunciato uno studio europeo sul tema con un gruppo di pazienti sottoposti a un programma di regolare attività fisica, nutrizione personalizzata e monitoraggio. A novembre i risultati.

Al Congresso sono stati rilanciati i Fogli di Roma, documento finale del Forum Nutrendo del dicembre 2018 che punta a sensibilizzare opinione pubblica e istituzioni sull’importanza della nutrizione clinica.

I dati fanno riflettere: il 50% dei ricoverati in ospedale è a rischio malnutrizione, il 50% dei malati oncologici è malnutrito. Questo significa aumento della morbilità e della mortalità. «La disciplina è giovane e stenta a decollare. A fronte della sua vitalità, non è sufficientemente compresa. Spesso i pazienti non sono consapevoli – sottolinea il presidente Sinuc Maurizio Muscaritoli -. Uno degli aspetti della poca applicazione della nutrizione clinica dipende dallo scarso insegnamento universitario delle materie nutrizionali. Ci sono novità importanti peró: all’università Sapienza di Roma è stato attivato un progetto sperimentale che prevede l’inserimento di tematiche nutrizionali nel curriculum del laureando in Medicina».

LEGGI ANCHE: ANORESSIA, SINUC: «LA PERDITA DI APPETITO ACCOMUNA FREQUENTEMENTE MALATTIE ACUTE, CRONICHE E ONCOLOGICHE

Occhi puntati anche sulla formazione specifica in nutrizione clinica, elemento che dovrebbe coinvolgere non solo i medici ma tutte le professioni sanitarie. E che per la Sinuc dovrebbe essere materia di studio in tutte le specializzazioni mediche.

Altro tema del Congresso quello della correlazione tra processo infiammatorio cronico e invecchiamento di organi e tessuti: alcuni studi sui centenari hanno messo in luce che il profilo del loro microbioma intestinale è caratterizzato da un aumento dei Protobacteria, una diversità che potrebbe conferire un certo tipo di protezione. «Nuove interpretazioni della immunosenescenza parlano di un rimodellamento e un adattamento a nuove condizioni. Una analisi filogenetica sul microbioma di un gruppo di italiani tra i 22 e i 109 anni ha dimostrato che con il passare degli anni diminuiscono sia la diversità batterica che la quantità, ma non è un fenomeno negativo in assoluto» sottolinea Paolo Orlandoni, presidente del IV Congresso Sinuc e responsabile nutrizione clinica INRCA di Ancona.

Articoli correlati
Malnutrizione, Molfino (Sinuc): «Percorsi nutrizionali nelle Asl per aiutare a combattere cancro e altre patologie»
Al Congresso della Società italiana di Nutrizione clinica è stata ribadita l’importanza di combattere la malnutrizione: «Essere malnutrito significa avere meno chance di risposta a molte terapie in particolare in campo oncologico: i dati sono ormai molto solidi» sottolinea Alessio Molfino, docente di Medicina interna de La Sapienza
Alimentazione, Traversetti (nutrizionista): «Sono i salumi i veri alleati degli sportivi»
L’esperto: «Non ci sono salumi vietati ed altri da preferire: come per tutti gli alimenti l’equilibrio sta nella giusta quantità. Sono ideali nel post-allenamento: quando finiamo l’attività fisica il nostro corpo ha fame di proteine ed è quindi questo il momento giusto per assumerle»
di Isabella Faggiano
Anoressia, Sinuc: «La perdita di appetito accomuna frequentemente malattie acute, croniche e oncologiche
Una “mancanza di appetito patologica che non è rifiuto consapevole del cibo ma la perdita del senso di fame e del desiderio di mangiare con un persistente senso di pienezza” è la definizione della 17ma edizione dal prestigioso testo Principles of Internal Medicine di Harrison’s. La malnutrizione calorico proteica (MCP) è una condizione che caratterizza […]
Integratori alimentari, Muscaritoli (Sinuc): «Non servono a tutti. Puntare su stile di vita corretto e dieta sana»
Il Presidente Sinuc affida il suo pensiero a Sanità Informazione a margine del convegno "Gli integratori alimentari nell'attuale quadro normativo" che si è svolto al Ministero della salute. «È importante identificare le fasce di popolazione, sia sana che malata, in cui è possibile che la somministrazione dell'integratore abbia un effetto positivo e misurabile sul mantenimento della salute o sulla prevenzione di alcune patologie degenerative»
Diabete: sana alimentazione, movimento fisico e adeguata terapia i pilastri fondamentali per la cura
«Serve approccio globale. È importante la conoscenza e la condivisione con il medico curante e il coinvolgimento con le associazioni di pazienti» così la diabetologa e presidente IBDO Foundation, Simona Frontoni, in occasione del 12° Italian Diabets Barometer Forum
di Lucia Oggianu
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...