Salute 19 Settembre 2019 14:19

Congresso Sinuc, tre giorni dedicati alla nutrizione clinica. Invecchiamento e malattie croniche, il ruolo dell’alimentazione

Ad Ancona il quarto Congresso nazionale della Società italiana di nutrizione clinica e metabolismo. Il Presidente Muscaritoli: «Non è sempre facile riconoscere la malnutrizione, per questo è fondamentale il ruolo della formazione»

Congresso Sinuc, tre giorni dedicati alla nutrizione clinica. Invecchiamento e malattie croniche, il ruolo dell’alimentazione

Combattere la malnutrizione spesso può significare aiutare a sconfiggere o quantomeno arginare tante patologie, da quelle croniche a quelle oncologiche. Ma troppo spesso sia tra i medici che tra i pazienti c’è poca consapevolezza dell’importanza di questo aspetto. Del rapporto tra stato di nutrizione e salute si occupa la nutrizione clinica, e su questo accende i riflettori la Sinuc, Società italiana di nutrizione clinica e metabolismo, che sta celebrando ad Ancona il suo quarto Congresso nazionale.

Dalla dieta mima-digiuno alla sindrome dell’intestino irritabile, dall’infiammazione cronica alla nutrizione in oncologia, tanti i temi del Congresso che si svolge nella Facoltà di Medicina dell’Università di Ancona.

La giornata inaugurale ha visto la lettura magistrale di Roberto Bernabei, geriatra e presidente di Italia Longeva, che ha posto l’attenzione sulla malnutrizione dei pazienti anziani e con multimorbilità, che spesso sfocia nella sarcopenia, ovvero la riduzione della massa muscolare.

LEGGI ANCHE: INVECCHIAMENTO ATTIVO, ITALIA LONGEVA PROMUOVE SPOT PER LA VACCINAZIONE DEGLI ANZIANI

Bernabei ha ricordato i dati sull’invecchiamento della popolazione italiana: nel 2050 saremo 2,5 milioni in meno a causa del crollo delle nascite con 8 milioni di anziani che avranno almeno una malattia cronica grave. «La vera emergenza saranno le disabilità. Tra le 10 città più vecchie d’Europa 7 sono italiane. Vorrei che il nuovo Governo facesse una riflessione su questo – ha sottolineato Bernabei, che poi è andato sul tema della sarcopenia -: invecchiamento vuol dire diminuzione di massa magra, per questo è importante fornire benzina ai muscoli. La sarcopenia è una tipica sindrome geriatrica». Bernabei ha annunciato uno studio europeo sul tema con un gruppo di pazienti sottoposti a un programma di regolare attività fisica, nutrizione personalizzata e monitoraggio. A novembre i risultati.

Al Congresso sono stati rilanciati i Fogli di Roma, documento finale del Forum Nutrendo del dicembre 2018 che punta a sensibilizzare opinione pubblica e istituzioni sull’importanza della nutrizione clinica.

I dati fanno riflettere: il 50% dei ricoverati in ospedale è a rischio malnutrizione, il 50% dei malati oncologici è malnutrito. Questo significa aumento della morbilità e della mortalità. «La disciplina è giovane e stenta a decollare. A fronte della sua vitalità, non è sufficientemente compresa. Spesso i pazienti non sono consapevoli – sottolinea il presidente Sinuc Maurizio Muscaritoli -. Uno degli aspetti della poca applicazione della nutrizione clinica dipende dallo scarso insegnamento universitario delle materie nutrizionali. Ci sono novità importanti peró: all’università Sapienza di Roma è stato attivato un progetto sperimentale che prevede l’inserimento di tematiche nutrizionali nel curriculum del laureando in Medicina».

LEGGI ANCHE: ANORESSIA, SINUC: «LA PERDITA DI APPETITO ACCOMUNA FREQUENTEMENTE MALATTIE ACUTE, CRONICHE E ONCOLOGICHE

Occhi puntati anche sulla formazione specifica in nutrizione clinica, elemento che dovrebbe coinvolgere non solo i medici ma tutte le professioni sanitarie. E che per la Sinuc dovrebbe essere materia di studio in tutte le specializzazioni mediche.

Altro tema del Congresso quello della correlazione tra processo infiammatorio cronico e invecchiamento di organi e tessuti: alcuni studi sui centenari hanno messo in luce che il profilo del loro microbioma intestinale è caratterizzato da un aumento dei Protobacteria, una diversità che potrebbe conferire un certo tipo di protezione. «Nuove interpretazioni della immunosenescenza parlano di un rimodellamento e un adattamento a nuove condizioni. Una analisi filogenetica sul microbioma di un gruppo di italiani tra i 22 e i 109 anni ha dimostrato che con il passare degli anni diminuiscono sia la diversità batterica che la quantità, ma non è un fenomeno negativo in assoluto» sottolinea Paolo Orlandoni, presidente del IV Congresso Sinuc e responsabile nutrizione clinica INRCA di Ancona.

Articoli correlati
Salute e rintracciabilità, Poligrafico e Zecca dello Stato creano il Passaporto digitale a tutela dell’agroalimentare italiano
L’obiettivo è combattere le contraffazioni più o meno mascherate e far sì che il gusto e la qualità italiane siano premiate dal mercato, anche garantendo a chi nel mondo cerca un prodotto italiano, che sia effettivamente tale
Con Health Masterchef School la prevenzione inizia a tavola
Dodici istituti alberghieri si sono misurati nella ideazione di quattro ricette sane e gustose realizzate dallo chef stellato Danilo Di Vuoto nell’ambito di una iniziativa promossa da Ail, Cittadinanza Attiva e ANDeA per insegnare sin da piccoli a prevenire alcune malattie della pelle con una cucina equilibrata
di Federica Bosco
Alimentazione e luce solare: un binomio salutare
di Stefania Tempesta, psicologa Odp Lazio
di Stefania Tempesta, psicologa Odp Lazio
Alimentazione, l’estate è la stagione giusta per disintossicarsi
Avoledo (nutrizionista): «Proteine fondamentali anche nei periodi caldi. Quelle che si trovano in carne, uova, pesce e latticini sono di alto valore biologico: più nutrienti, complete e digeribili»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...