Salute 5 Novembre 2021 18:23

Come rinnovare la sanità dopo la pandemia? Roversi-Monaco: «Istituire organismo rappresentativo dei dirigenti del SSN»

L’ideatore del Festival della Scienza Medica traccia i punti fermi di una sanità moderna ed efficiente: «Prevenzione, assistenza territoriale, tecnologia, formazione e competenze manageriali»

Come rinnovare la sanità dopo la pandemia? Roversi-Monaco: «Istituire organismo rappresentativo dei dirigenti del SSN»

Investire nella prevenzione e potenziare l’assistenza territoriale e domiciliare. Sfruttare tecnologia e innovazione, migliorare la qualità della formazione e acquisire competenze manageriali.

Il mix perfetto per costruire un SSN di valore sull’eredità del Covid-19. È questo, in sintesi, il pensiero di Fabio Roversi-Monaco, ideatore del Festival della Scienza Medica, l’annuale appuntamento con la cultura medico scientifica che si tiene ogni anno a Bologna. La settima edizione, in programma il 6 novembre, è dedicata alla pandemia ed accoglierà scienziati ed esperti da tutto il mondo nella ricerca e innovazione.

Come rinnovare la sanità pubblica?

Il professor Roversi-Monaco nell’intervista a Sanità Informazione esprime la sua idea di rinnovamento, cercando di rispondere alle domande più urgenti: “Cosa abbiamo imparato dalla pandemia”? “Come riconsiderare la sanità pubblica del nostro paese”? Delinea le fondamenta di una sanità moderna ed efficiente, tematica da affrontare con urgenza: «La pandemia è stata un danno profondo da cui trarre insegnamenti – spiega -. Il SSN ha reagito grazie alla professionalità e all’impegno dei sanitari e con pratiche operative innovative. Il primo punto da cui ripartire – precisa è la prevenzione che non è stata sufficientemente curata negli ultimi anni. In secondo luogo, bisogna ripristinare l’assistenza sul territorio con presidi nuovi – case e ospedali di comunità – e quella domiciliare con la telemedicina».

La riforma di Medicina, Fabio Roversi-Monaco: «Percorso innovativo, rapido e completo»

La terza questione riguarda la riforma delle Università, in particolare Medicina che «va rivista per assicurare ai giovani un percorso accademico rapido e completo. Gli studenti sanno poco di prevenzione – sostiene il professore – si trovano ad operare dopo la laurea e la specializzazione a 30 anni». Gli obiettivi da raggiungere, secondo colui che è stato per 15 anni magnifico rettore dell’università di Bologna, sono: «Sfruttare al massimo le nuove tecnologie, creare nuovi insegnamenti e strutture di docenza per immettere nel sistema giovani competenti e già formati».

Potenziare l’ECM: «Formazione determinante per incrementare competenze»

Secondo Fabio Roversi-Monaco è necessario implementare l’innovazione tecnologica e formare i professionisti sanitari in modo adeguato per poter sfruttare al meglio le potenzialità degli strumenti offerti dalla digitalizzazione. «Le materie insegnate a Medicina rappresentano la base ma di fronte all’avanzamento continuo della tecnologia e delle scoperte scientifiche i medici professionisti hanno il dovere di incrementare le loro competenze. Per tenere il passo, c’è bisogno di strutture in grado di operare al meglio per la formazione continua. E’ bene aggiornarsi dal punto di vista medico e organizzativo».

«Istituire un organismo strutturato e rappresentativo dei dirigenti del SSN»

Non ultimo, come richiesto dal PNRR, è importante acquisire competenze manageriali per i sanitari «al fine di prepararli a fronteggiare le sfide attuali e future». A questo proposito «l’ipotesi di istituire un organismo strutturato e rappresentativo dei dirigenti del SSN al massimo livello, che ne garantisca la validità a tutti, dovrebbe essere attentamente considerata» sottolinea il professore.

«La presenza di dirigenti importanti con funzioni tecniche e ammnistrative è necessaria. Uno dei modi per garantire un’identità di atteggiamenti e una parificazione di istituzioni tra nord e sud è questo. Il fine è coinvolgere tutti in una struttura partecipativa che passa attraverso i soggetti che hanno il potere di gestire a livello regionale le strutture sanitarie. Del potere decisionale effettivo in sanità se ne è appropriata la politica – conclude Fabio Roversi-Monaco – il merito non viene riconosciuto a sufficienza. Riportare il SSN a qualcosa che abbia scarso rapporto con la politica e abbia una sua intrinseca autonomia sarebbe auspicabile».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
“Stare bene aiuta a fare meglio”: al via la campagna Enpap per il benessere globale delle persone
Prosegue la raccolta firme su change.org per l’istituzione del bonus psicologico, dopo il flop dell’emendamento in Manovra. Torricelli (Enpap): «Con la nostra iniziativa vogliamo rimarcare l’importanza, anche appellandoci ai decisori politici, di offrire un sostegno psicologico diffuso e non limitato a coloro che hanno la possibilità di pagarsi le sedute di tasca propria»
Covid-19, variante Omicron sfugge ai tamponi rapidi. Rasi: «Quasi 1 su 2 è un falso negativo»
Guido Rasi, direttore scientifico di Consulcesi: «In questo contesto, il ruolo degli operatori sanitari sarà ancora più centrale nella valutazione dei pazienti. Fondamentale tenersi aggiornati»
Niente copertura assicurativa senza aggiornamento, Formazione nella Sanità: «Soddisfatti, ora applicazione rapida»
Il presidente dell'Associazione dei Provider Colombati: «Finalmente riconosciuta anche dal Parlamento l’importanza della formazione continua in medicina. Ora chiediamo che la nuova legge venga resa operativa al più presto»
Quali criteri deve adottare il Provider in riferimento alla sponsorizzazione commerciale?
Gli eventi possono essere sponsorizzati, mediante apposito contratto, da imprese commerciali operanti anche in ambito sanitario purché ciò non influenzi i contenuti formativi dell’evento. Non è consentito indicare lo sponsor commerciale nell’esposizione dei contenuti formativi, se non indicando il logo dello Sponsor prima dell’inizio e dopo il termine dell’evento. Lo sponsor può essere coinvolto nella […]
Il ministro Speranza celebra i 43 anni del SSN
L'anniversario che celebra i tre principi fondanti: universalità, uguaglianza ed equità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre