Salute 5 Novembre 2021 18:23

Come rinnovare la sanità dopo la pandemia? Roversi-Monaco: «Istituire organismo rappresentativo dei dirigenti del SSN»

L’ideatore del Festival della Scienza Medica traccia i punti fermi di una sanità moderna ed efficiente: «Prevenzione, assistenza territoriale, tecnologia, formazione e competenze manageriali»

Come rinnovare la sanità dopo la pandemia? Roversi-Monaco: «Istituire organismo rappresentativo dei dirigenti del SSN»

Investire nella prevenzione e potenziare l’assistenza territoriale e domiciliare. Sfruttare tecnologia e innovazione, migliorare la qualità della formazione e acquisire competenze manageriali.

Il mix perfetto per costruire un SSN di valore sull’eredità del Covid-19. È questo, in sintesi, il pensiero di Fabio Roversi-Monaco, ideatore del Festival della Scienza Medica, l’annuale appuntamento con la cultura medico scientifica che si tiene ogni anno a Bologna. La settima edizione, in programma il 6 novembre, è dedicata alla pandemia ed accoglierà scienziati ed esperti da tutto il mondo nella ricerca e innovazione.

Come rinnovare la sanità pubblica?

Il professor Roversi-Monaco nell’intervista a Sanità Informazione esprime la sua idea di rinnovamento, cercando di rispondere alle domande più urgenti: “Cosa abbiamo imparato dalla pandemia”? “Come riconsiderare la sanità pubblica del nostro paese”? Delinea le fondamenta di una sanità moderna ed efficiente, tematica da affrontare con urgenza: «La pandemia è stata un danno profondo da cui trarre insegnamenti – spiega -. Il SSN ha reagito grazie alla professionalità e all’impegno dei sanitari e con pratiche operative innovative. Il primo punto da cui ripartire – precisa è la prevenzione che non è stata sufficientemente curata negli ultimi anni. In secondo luogo, bisogna ripristinare l’assistenza sul territorio con presidi nuovi – case e ospedali di comunità – e quella domiciliare con la telemedicina».

La riforma di Medicina, Fabio Roversi-Monaco: «Percorso innovativo, rapido e completo»

La terza questione riguarda la riforma delle Università, in particolare Medicina che «va rivista per assicurare ai giovani un percorso accademico rapido e completo. Gli studenti sanno poco di prevenzione – sostiene il professore – si trovano ad operare dopo la laurea e la specializzazione a 30 anni». Gli obiettivi da raggiungere, secondo colui che è stato per 15 anni magnifico rettore dell’università di Bologna, sono: «Sfruttare al massimo le nuove tecnologie, creare nuovi insegnamenti e strutture di docenza per immettere nel sistema giovani competenti e già formati».

Potenziare l’ECM: «Formazione determinante per incrementare competenze»

Secondo Fabio Roversi-Monaco è necessario implementare l’innovazione tecnologica e formare i professionisti sanitari in modo adeguato per poter sfruttare al meglio le potenzialità degli strumenti offerti dalla digitalizzazione. «Le materie insegnate a Medicina rappresentano la base ma di fronte all’avanzamento continuo della tecnologia e delle scoperte scientifiche i medici professionisti hanno il dovere di incrementare le loro competenze. Per tenere il passo, c’è bisogno di strutture in grado di operare al meglio per la formazione continua. E’ bene aggiornarsi dal punto di vista medico e organizzativo».

«Istituire un organismo strutturato e rappresentativo dei dirigenti del SSN»

Non ultimo, come richiesto dal PNRR, è importante acquisire competenze manageriali per i sanitari «al fine di prepararli a fronteggiare le sfide attuali e future». A questo proposito «l’ipotesi di istituire un organismo strutturato e rappresentativo dei dirigenti del SSN al massimo livello, che ne garantisca la validità a tutti, dovrebbe essere attentamente considerata» sottolinea il professore.

«La presenza di dirigenti importanti con funzioni tecniche e ammnistrative è necessaria. Uno dei modi per garantire un’identità di atteggiamenti e una parificazione di istituzioni tra nord e sud è questo. Il fine è coinvolgere tutti in una struttura partecipativa che passa attraverso i soggetti che hanno il potere di gestire a livello regionale le strutture sanitarie. Del potere decisionale effettivo in sanità se ne è appropriata la politica – conclude Fabio Roversi-Monaco – il merito non viene riconosciuto a sufficienza. Riportare il SSN a qualcosa che abbia scarso rapporto con la politica e abbia una sua intrinseca autonomia sarebbe auspicabile».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
Tre anni da Ministro della Salute, il bilancio di Roberto Speranza
Dal PNRR alla formazione continua, dalle esigenze del personale sanitario alla riforma del Numero chiuso. Alla vigilia delle elezioni, il quadro generale del Ministro uscente
Non tornare indietro sul tema della sicurezza del lavoro
Il Dr. Maurizio Martinelli, componente dell’Osservatorio sulla qualità della formazione in sanità - Regione Lazio, esprime il proprio dissenso circa il Decalogo sul lavoro sicuro, redatto e pubblicato dall’Associazione professionale AIAS network
di Dr. Maurizio Martinelli, componente dell’Osservatorio sulla qualità della formazione in sanità - Regione Lazio
 A chi compete la certificazione dei crediti formativi erogati dal Provider?
La certificazione compete esclusivamente all’Ordine, Collegio o Associazione professionale di appartenenza del partecipante all’evento. Spetta al Provider, oppure nel caso della sperimentazione, all’ente accreditante, inviare i dati al COGEAPS che li rende disponibili alle suddette istituzioni per la certificazione (cfr.: Accordo Stato-Regioni 5 novembre 2009).
Corruzione in Sanità, sottoscritto protocollo di intesa fra AGENAS e ANAC
Il protocollo ha l’obiettivo di rafforzare la cultura della trasparenza e della legalità nel settore sanitario e di garantire la corretta attuazione e applicazione della normativa in materia di contratti pubblici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi