Salute 13 Settembre 2018

Chat Yourself, la memoria digitale che aiuta i malati di Alzheimer. Bernabei (Italia Longeva): «Sfruttare tecnologia in prime fasi della diagnosi»

Il servizio attivo su Messenger è in grado di memorizzare tutte le informazioni relative alla vita di una persona, restituendole su richiesta all’utente. «Fondamentale per fare una vita il più possibile normale», spiega il docente della Cattolica

La ricerca sull’alzheimer attraversa una fase di stallo ed ecco allora che a fianco dei pazienti scende in campo la tecnologia. È il caso di ‘Chat yourself’, un chatbot, cioè un assistente virtuale che si avvale dell’intelligenza artificiale a supporto delle persone. Sviluppato su Messenger, Chat Yourself è in grado di memorizzare tutte le informazioni relative alla vita di una persona, restituendole su richiesta all’utente, che ha anche la possibilità di impostare notifiche personalizzate. Naturalmente, è indirizzato ai pazienti che vedono la malattia agli esordi e può rappresentare un valido aiuto per il miglioramento della loro qualità della vita e di quella di familiari e caregiver. Il progetto è promosso da Italia Longeva, la Rete nazionale di ricerca sull’invecchiamento e la longevità attiva del dicastero della Salute, ed è nato da un’idea di Y&R, con il supporto tecnico di Nextopera e di Facebook e perfezionato grazie ad un team di neurologi, geriatri e psicologi per rispondere in maniera più efficace alle esigenze dei pazienti, è disponibile e accessibile a tutti gratuitamente sulla pagina Facebook di Chat Yourself (@chatyourselfitalia). «L’Alzheimer – ha rilevato il presidente di Italia Longeva Roberto Bernabei durante l’incontro di presentazione al Ministero della Salute – oggi interessa quasi il 5% degli over 65, ma secondo le proiezioni elaborate dall’ISTAT nel 2030 la percentuale si triplicherà e saranno colpiti dalla malattia ben oltre 2 milioni di pazienti. In attesa di cure efficaci contro l’Alzheimer, una strada percorribile nelle prime fasi dopo la diagnosi è proprio quella di sfruttare le risorse della tecnologia».

LEGGI ANCHE: ALZHEIMER, E’ ITALIANA LA RICERCA CHE DA’ SPERANZA: SCOPERTO RUOLO DELLA DOPAMINA NEI MECCANISMI DELLA MEMORIA

Professor Bernabei, Chat Yourself è la nuova frontiera per aiutare i malati di Alzheimer?

«Direi anche l’unica, visto che non è che abbiamo altre cose, non ci sono molecole. Attraverso il cellulare uno in tasca c’ha la propria memoria e si può permettere quindi di fare una vita il più possibile normale. Tenga presente che dentro Chat Yourself ci sono tutte le informazioni facilmente ritrovabili attraverso appunto il cellulare sulle pillole che devi prendere, cosa conviene che mangi quel giorno, come ritornare a casa se ti sei perso perché ti guida per mano utilizzando le mappe che tutti quanti conosciamo ma che vengono applicate ai problemi di memoria e di organizzazione mentale che ha un malato di Alzheimer».

Ci sono studi che testimoniamo la bontà di questo strumento?

«No, l’abbiamo cominciato, non c’è uno studio formale ma ci rendiamo tutti conto che di fatto avere questa possibilità è già di per se un’innovazione positiva».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

Articoli correlati
Malattie neurodegenerative: calciatori più colpiti? Tedeschi (SIN): «Microtraumi e tossine presenti sull’erba possibili cause di Alzheimer e Sla»
Il Presidente della Società italiana di Neurologia: «Si è calcolato che in una singola partita di calcio un atleta professionista tocca la palla di testa dalle 6 alle 12 volte, quindi nella sua vita calcistica la toccherebbe migliaia di volte». Sulla Sla: «L’ipotesi più verosimile è che il tutto sia dovuto a tossine che un tempo erano presenti sui campi di calcio e che si trovano nelle piante dell’isola di Guam»
di Federica Bosco
In un’Italia che invecchia e sempre più fragile il ruolo centrale degli Homecare Provider
La predisposizione di una nuova offerta di cure non può che avvenire sulla base dei bisogni di questi pazienti fragili. Se n'è parlato oggi a Roma in occasione dell'incontro "Le cure domiciliari e il ruolo degli Homecare provider – Integrazione dei servizi, valore per il paziente”
Scandalo in Francia, test clinici selvaggi su oltre 350 malati di Parkinson e Alzheimer
«Siamo ai confini della ciarlataneria – ha commentato il ministro della Sanità Buzyn -. Si è abusato della fiducia dei pazienti. Si tratta di un fatto gravissimo»
Alzheimer, sbarca negli Stati Uniti il primo kit per la diagnosi precoce
Ogni anno 9,9 milioni di nuovi casi della malattia. Nel mese dedicato dall’Organizzazione mondiale della sanità all’auto-cura, via al programma che permette di diagnosticare la presenza di fattori di rischio della malattia tra cui il Rame Libero
di Federica Bosco
Anziani cronici, Bernabei (Italia Longeva): «Un oliato percorso di continuità assistenziale è una forma di efficientamento del sistema e un servizio concreto per il cittadino»
La rete dell’assistenza a lungo termine agli anziani, per funzionare bene, deve disporre di servizi di assistenza domiciliare (ADI) e residenzialità assistita (RSA) adeguati e diffusi sul territorio. Essi rappresentano uno dei pilastri su cui si fondano sostegno e cure offerte agli anziani, eppure risultano ancora carenti rispetto ai 14 milioni di anziani residenti in […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...