Salute 5 Novembre 2021 18:44

Cancro, indagine mostra il reale impatto della pandemia sui pazienti oncologici

La survey condotta dal Collegio Italiani Primari Oncologi (CIPOMO) pubblicata su European Journal of Cancer: «Riduzione screening e interventi chirurgici, necessario semplificare procedure di follow up»

Cancro, indagine mostra il reale impatto della pandemia sui pazienti oncologici

Trasformare l’esperienza pandemica in opportunità individuando tra le diverse soluzioni per la gestione del paziente oncologico, adottate nelle Regioni italiane, quelle da implementare anche in futuro in forma strutturata. Sanare le criticità emerse, quali la mancanza di piattaforme digitali in grado di gestire le visite a distanza: solo l’11% di oncologie mediche ha potuto usufruirne. Sono questi gli obiettivi della prima edizione del CIPOMO DAY, il virtual meeting dal titolo “L’Oncologia nonoSTANTE il Covid” che si svolge oggi. Un convegno promosso dal CIPOMO, il Collegio Italiano dei Primari Oncologi Medici Ospedalieri, che annovera più di 250 soci in tutta Italia e al quale partecipano non solo i soci CIPOMO, ma anche oncologi non iscritti al Collegio e infermieri, figure fondamentali in oncologia. Un’ occasione per presentare inoltre i risultati aggiornati dell’indagine pubblicata nella prestigiosa rivista European Journal of Cancer, che ha valutato l’impatto della pandemia sull’attività clinica delle unità di oncologia medica.

Covid e pazienti oncologici: come si sono organizzate le Regioni

La pandemia da Sars-CoV-2 ha enormemente condizionato le dinamiche di gestione delle malattie oncologiche in tutte le fasi del percorso diagnostico terapeutico. In un momento in cui si parla molto di “deospedalizzazione “e di “oncologia territoriale”, al di là delle modificazioni strutturali e organizzative che verranno istituite, CIPOMO ha voluto esplorare e analizzare quello che è stato un banco di prova per la presa in carico territoriale del paziente oncologico: la necessità di ridurre gli accessi in ospedale, la domiciliazione di alcuni farmaci, l’utilizzo dei letti di cure intermedie, l’esecuzione di controlli di follow-up a livello territoriale, il ricorso alla televisita o al teleconsulto. Per questo, protagoniste del Convegno sono le realtà regionali e le diverse modalità organizzativo-gestionali adottate per affrontare l’emergenza: al Convegno presieduto dai prof. Livio Blasi, Luigi Cavanna, Gianfranco Filippelli, Teresa Gamucci, Monica Giordano e Graziella Pinotti sono quindi presenti tutti i Coordinatori regionali, veri e propri “sensori” sul territorio. La parola d’ordine è quindi individuare le migliori soluzioni da adottare – o mantenere – anche in futuro.

L’impatto del Covid sulla presa in carico oncologica

Dal Convegno emerge che la conversione di molti reparti ospedalieri (e a volte di interi ospedali) in reparti Covid ha comportato ritardi nell’assistenza ai pazienti oncologici. La necessità di garantire le terapie antitumorali durante la pandemia ha avuto un notevole impatto sui carichi di lavoro, per la riduzione del personale – in parte impegnato nei reparti Covid – per l’aumento della complessità dei casi e per le maggiori difficoltà di gestione della relazione medico-paziente. È stato anche osservato che nel 2020 il numero degli interventi chirurgici per tumore è diminuito rispetto al 2019; per esempio per il tumore della mammella il calo è stato del 12%, pari a 805 casi. Per quanto riguarda gli interventi al colon retto il calo è stato del 13% (464 casi). Inoltre i tumori operati nel 2020 sono risultati in stadio più avanzato rispetto all’anno precedente, probabilmente per effetto della sospensione dei programmi di screening.

Follow up e studi clinici: in ritardo ma aperture a nuove modalità

Anche le visite di follow-up dei pazienti oncologici hanno subìto ritardi e sono state spesso svolte con modalità nuove, sia telefoniche che telematiche. Questo cambiamento ha però anche evidenziato che le visite di follow-up possono essere da un lato semplificate e dall’altro limitate in base alle evidenze di reale efficacia, coinvolgendo anche i Medici di medicina generale e il territorio. Infine, anche l’arruolamento dei pazienti negli studi clinici ha subìto un rallentamento e sono state messe in atto modalità di monitoraggio “a distanza” che, in parte, potranno essere mantenute anche al di fuori dell’emergenza COVID. In definitiva, l’organizzazione delle singole realtà ospedaliere nelle varie Regioni è stata molto differente e sono stati messi in atto percorsi e strategie autonome: «Inoltre – affermano gli organizzatori e i vertici del Collegio – pensiamo che sarebbe stato opportuno un maggior coinvolgimento degli oncologi medici nelle Unità di crisi delle Aziende Sanitarie per cercare soluzioni condivise a tutela dei pazienti ricoverati per patologie spesso più gravi del COVID. Forte di questa esperienza il CIPOMO intende lavorare con le Regioni e le Istituzioni per perseguire soluzioni condivise a tutela dei pazienti oncologici, al fine di recuperare il ritardo accumulatosi e per predisporre un modello organizzativo che possa reggere l’impatto di eventuali emergenze future».

I dati che emergono dalla survey

I risultati aggiornati dell’indagine sull’impatto della pandemia nei reparti oncologici pubblicata nello European Journal of Cancer evidenziano questo: non solo i sanitari sono costantemente monitorati per il contagio da COVID mediante tamponi nasali periodici (oltre l’85%, specialmente al Sud e al Nord, meno al Centro) ma lo sono anche i pazienti che eseguono terapie oncologiche in day hospital. Ciò avviene maggiormente nelle strutture del Sud (85%) rispetto a quelle del Centro-Nord (54% e 53% rispettivamente), una questa differenza è probabilmente dovuta alla mancanza di procedure comuni. Nota dolente è la mancanza di piattaforme digitali in grado di gestire le visite a distanza, solo l’11% delle oncologie mediche ha potuto usufruirne. «Questo è un argomento importante da cui ci aspettiamo risposte in tempi rapidi – dice il Prof. Francesco Grossi dell’Università dell’Insubria (Varese), coordinatore della Survey – perché la telemedicina è una realtà che deve essere messa a disposizione dei sanitari specialmente in situazioni come questa della pandemia».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
I bambini nati da embrioni congelati sono più a rischio cancro
Uno studio pubblicato sulla rivista Plos Medicine mostra che i bambini nati da embrioni congelati sono più a rischio cancro dei bambini concepiti naturalmente
Biopsia liquida: la nuova strategia per battere il cancro sul tempo
Secondo lo studio italiano Chronos, grazie ad un semplice prelievo di sangue è possibile avere informazioni precise sul tumore di cui un paziente è affetto, rilevando le alterazioni che possono renderlo più sensibile o resistente alle terapie oncologiche
Oncologia, Cavanna (Cipomo): «Limitare gli spostamenti dei malati, siano i medici a farlo»
Per il presidente del Collegio Italiano Primari Oncologi Ospedalieri Luigi Cavanna la sfida del futuro è quella di una oncologia del territorio efficace. «Ora è essenziale che i malati di Covid vengano curati a casa il più possibile e che si trovino dei percorsi riparati per i malati oncologici perché possano fare i loro esami» spiega Cavanna
di Francesco Torre
Piano oncologico nazionale, dal Senato ok bipartisan a Odg
Il Senato ha approvato un ordine de giorno unitario sul Piano Oncologico Nazionale con 187 voti a favore e 2 astenuti. Il Sottosegretario di Stato per la salute Pierpaolo Sileri ha comunicato che il Governo ha trasmesso il piano oncologico nazionale alla Conferenza Stato-Regioni e che una riunione tecnica è prevista il prossimo 8 luglio
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi