Sanità internazionale 8 Novembre 2021 12:47

In Austria entra in vigore il “lockdown dei non vaccinati”

Vietato l’ingresso in ristoranti, alberghi, palestre, parrucchieri e attività ludiche. Limitazioni al via a dicembre dopo una fase di transizione che prevede il tampone come lasciapassare. Solo il 62% degli austriaci è vaccinato

In Austria entra in vigore il “lockdown dei non vaccinati”

Sono entrate in vigore in Austria le misure per contenere i contagi da Covid-19. Da oggi e per il prossimo futuro solo le persone vaccinate e i guariti dall’infezione potranno recarsi al ristorante, dal parrucchiere, in palestra, in albergo, nei luoghi di svago e assistere agli eventi sportivi. Vietato anche l’ingresso per chi non ha il vaccino nelle strutture mediche private e nelle Rsa come visitatori. Le autorità austriache l’avevano promesso e hanno attuato il “lockdown dei non vaccinati”, che però non consiste nell’impedire a chi non è immunizzato da Covid di uscire di casa, ma nel limitare le attività che prevedono contatti non necessari con le persone.

Come inizierà

Prima ci sarà una fase di transizione di quattro settimane, in cui basterà esibire la certificazione della prima dose o l’esito negativo del tampone che in Austria è gratuito. Un po’ come il Green pass italiano, quindi. Ma si tratta solo della prima fase appunto. In seguito, a partire da dicembre, l’esito del tampone non sarà più utilizzabile a garanzia per frequentare le attività elencate. Lo scopo è quello di convincere tutti i cittadini indecisi a fare il vaccino, la popolazione vaccinata in Austria è solo il 62,39% del totale e si spera così di poter alzare i numeri.

Chi sarà escluso

I bambini sotto i 12 anni sono esclusi dalle nuove disposizioni, mentre nella fascia d’età 13-15 è sufficiente il test con esito negativo. Chi per condizioni mediche non può vaccinarsi contro Covid-19 avrà bisogno di un certificato e del test. A livello nazionale l’incidenza settimanale è a 599,6 casi ogni 100mila abitanti e il paese si trova alle soglie della sua quarta ondata. Già nel weekend, hanno fatto sapere le autorità austriache, il numero di vaccinazioni prenotate è aumentato sensibilmente. La popolazione indecisa sembra rispondere alla decisione del governo, anche se non sono mancate proteste.

«Il vaccino anti-Covid è la nostra cintura di sicurezza, come quando saliamo in macchina», ha detto il cancelliere Alexander Schallenberg, che poi ha citato Papa Francesco per ribadire che la vaccinazione è «un atto d’amore».

In Italia l’idea di imitare l’Austria divide gli esperti: per alcuni il Green pass obbligatorio ha già migliorato la situazione e l’ha posta sotto controllo, dunque non rende necessaria l’applicazione di una misura così severa. Per altri invece potrebbe segnare la vera svolta nel controllo della situazione epidemiologica che in caso contrario potrebbe raggiungere il suo picco a Natale.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La Cina comincia a vaccinare contro Covid-19 i bambini dai 3 anni in su
Dopo l'approvazione di giugno, la Cina ha deciso di dare inizio alla campagna di vaccinazione per i bambini dai 3 anni in su, la misura si aggiunge a tutte quelle implementate dal paese per ridurre a zero i contagi da Covid. Ad oggi i vaccinati sono il 76%
La campagna vaccinale punta alle donne incinte. Migliore (Fiaso) «Iniziative in tutte Italia per intercettare attraverso i ginecologi»
Sportelli informativi nei reparti di Ostetricia, hub vaccinali e open day dedicati alle future mamme, counseling telefonico per le donne in gravidanza, opuscoli distribuiti nei reparti e punti rosa con specialisti a disposizione. Sono le iniziative messe in campo dalle Aziende sanitarie pubbliche per promuovere la vaccinazione contro il Covid-19 tra le donne incinte ancora […]
«Dottore’, li convinco io a vaccinarsi». Come ho riscoperto l’importanza della comunità
di F.D.N, Dirigente medico di organizzazione servizi sanitari di base e vaccinatrice
di F.D.N, Dirigente medico di organizzazione servizi sanitari di base e vaccinatrice
La proposta FNOMCeO: chiedere status vaccinale a chi accede a SSN e provare a convincere indecisi
Come convincere chi non vuole fare il vaccino? Prima di pensare all'obbligo il presidente della Federazione degli Ordini dei Medici Anelli fa una proposta a Speranza
Covax, quante dosi sono arrivate nei paesi più poveri? Un bilancio
Vaccini ai paesi non industrializzati per sconfiggere la pandemia: lo scopo di Covax è il più nobile di tutti. Ma dove siamo arrivati finora? Le cifre aggiornate
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 novembre, sono 260.208.307 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.185.296 i decessi. Ad oggi, oltre 7,54 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano