Mondo 2 Novembre 2021 17:15

FDA USA autorizza vaccino Pfizer per bimbi da 5 a 11 anni. Ma molti Paesi hanno già cominciato

L’FDA americana ha autorizzato Pfizer per i bambini dai 5 anni in su. L’8 novembre dovrebbero iniziare le somministrazioni che interesseranno 28 milioni di soggetti. Intanto in Argentina e Cile si vaccina da un mese sopra i 6 anni

FDA USA autorizza vaccino Pfizer per bimbi da 5 a 11 anni. Ma molti Paesi hanno già cominciato

Dopo quasi un anno dall’inizio delle prime somministrazioni alla popolazione adulta, la US Food and Drug Administration ha autorizzato l’uso di emergenza del vaccino anti-Covid Pfizer-BioNTech per i bambini dai 5 agli 11 anni negli Stati Uniti. Nello scorso mese le case farmaceutiche, Pfizer per prima, hanno provveduto a fornire i dati dei trial di riferimento che hanno portato risultati molto positivi.

I test clinici su bambini

Resi noti anche al grande pubblico, i dati hanno mostrato come la risposta immunitaria di questa nuova fascia di età fosse del tutto comparabile con quella mostrata dai soggetti tra 16 e 25 anni. L’efficacia di Comirnaty nella prevenzione della malattia Covid-19 nei più piccoli è stata calcolata a 90,7%. Ai test hanno partecipato 3100 bambini che non hanno mostrato effetti collaterali gravi alla somministrazione o nelle settimane successive. Dopo l’incontro dei CDC (Centers for Disease Control and Prevention) con le eventuali raccomandazioni cliniche, il giorno di inizio per gli shot alla popolazione infantile statunitense è stabilito all’8 novembre 2021. Pur avendo gli stessi ingredienti e le stesse tempistiche di somministrazione, il vaccino sarà «solo un terzo della dose per adulti», ha garantito la dottoressa Allison Arwady, membro della Commissione del dipartimento di salute pubblica di Chicago.

«I bambini hanno corpi più piccoli – ha detto – e negli studi sviluppano lo stesso numero di anticorpi e protezione, ma una dose più bassa ne rende meno probabili gli effetti collaterali». Per ora gli effetti rilevati dai 5 agli 11 anni non superano bracci doloranti, fastidi muscolari e febbre.

Chi seguirà gli USA

L’approvazione dell’uso del vaccino Pfizer in una nuova fascia di popolazione, che finora era rimasta scoperta, è sotto i riflettori non solo per i 28 milioni di bambini interessati dal provvedimento in USA, ma anche per il resto del mondo che utilizza il prodotto nelle proprie campagne vaccinali. L’Australia infatti, potrebbe seguire a breve le decisioni americane e iniziare la vaccinazione anche per i più piccoli, dopo aver coperto la popolazione adulta. È opinione comune che lasciare una fetta ampia di soggetti senza vaccino possa far riaccendere nuovi focolai nelle scuole e nei nuclei familiari.

Cina, Argentina, Cile e Cambogia

Intanto, un settimana fa era stata la Cina a dare inizio alle vaccinazioni dai 3 anni in su dopo l’autorizzazione dell’Autorità locale per i vaccini Sinopharm e Sinovac. Un’operazione che era stata anticipata da Cambogia, Argentina e Cile dove da un mese si procede alle somministrazioni dai 6 anni in su. In Cile, attesta il Rio Times, il 75% dei bambini tra 6 e 17 anni ha già ricevuto la prima dose. In comune tra questi paesi c’è l’intenzione di abbassare e portare sotto controllo i numeri in rialzo della pandemia. La Cina con la sua policy “0 cases”, applica chiusure e rigide misure di distanziamento ogni qual volta si forma un focolaio. Eppure il numero di persone non vaccinate permette ancora al virus di diffondersi. La speranza è che l’immunizzazione dei più piccoli porti i numeri vicini a quelli necessari per una immunità di gregge di default.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
USA, terza dose per tutti e frontiere riaperte ai vaccinati
Si potrà tornare a viaggiare negli Stati Uniti, la decisione della Casa Bianca annunciata per tutti i viaggiatori vaccinati e con prova di test negativo entro 72 ore. Intanto si procede sulla terza dose, FDA approva l'uso per over 65
Vaccinare i più piccoli ha senso? I dubbi degli scienziati tra immunità di gregge e pericolo varianti
Su Nature il confronto tra esperti di pareri opposti, mentre la Germania ha deciso per sé: vaccinerà solo i minori più fragili, non gli altri. Intanto l'Oms chiede dosi per i paesi più poveri, dove gli anziani sono ancora scoperti
Uk totalizza zero decessi, in India invece manca l’ossigeno. Usa dice sì a Pfizer per 12-15enni
Finalmente il numero zero è tornato nel Regno Unito, nessun morto per un giorno e Boris Johnson festeggia. In Usa vaccino anche ai più piccoli: Pfizer ok per i dodicenni. L'India vede numeri leggermente più bassi, ma è ancora emergenza ossigeno
Via mascherine e distanziamento per i vaccinati, un passo verso la normalità negli Usa
I Cdc, l'autorità sanitaria statunitense, hanno stabilito che tra soggetti vaccinati potranno esserci incontri a porte chiuse senza mascherina. Un primo passo verso la normalità, anche se l'obbligo nei luoghi pubblici resta
Immunità di gregge negli Usa entro aprile? Secondo alcuni esperti è possibile
Il prof. Makary della Johns Hopkins School of Medicine sostiene che entro aprile gli Usa saranno fuori dalla pandemia, con il raggiungimento dell'immunità di gregge. Ma è possibile o ci sono altre spiegazioni?
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 novembre, sono 260.208.307 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.185.296 i decessi. Ad oggi, oltre 7,54 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano