Sanità internazionale 2 Novembre 2021 13:02

L’Australia riapre le frontiere dopo un anno e mezzo

Quasi 600 giorni di chiusure, dal 20 marzo 2020, ora finalmente gli australiani che non tornavano a casa dall’inizio della pandemia hanno potuto riabbracciarsi. Una delle più dure misure anti-Covid nel mondo

L’Australia riapre le frontiere dopo un anno e mezzo

Seicento lunghissimi giorni di chiusura per Covid e ora finalmente l’Australia torna ad aprire i confini. Il 20 marzo 2020 era stato l’ultimo giorno utile per viaggiare e spostarsi e da allora una delle chiusure più severe del mondo è andata avanti per proteggere gli australiani dal virus. Molti abbracci e volti commossi all’aeroporto di Sydney tra parenti e amici che non si vedevano da oltre 19 mesi.

Il limite severo infatti, valeva anche per i tantissimi australiani residenti all’estero, che non sono riusciti a tornare in patria salvo condizioni estremamente necessarie e con l’obbligo di rimanere in hotel in quarantena, a loro spese, per 14 giorni almeno. Con l’eccezione delle città di Melbourne e Sydney, che hanno allentano un po’ prima queste misure ma solo per i viaggiatori vaccinati con ciclo completo. «Il paese è pronto a decollare, un grande giorno per l’Australia», ha scritto sui suoi social il primo ministro Scott Morrison, che ha festeggiato con i suoi cittadini la fine di quella che è stata indubbiamente la misura più dura per tutti.

Vaccini ai bambini

La politica australiana nella gestione della pandemia continua comunque a pretendere una situazione a rischio zero per i propri cittadini. Secondo le ultime notizie riportare dal Guardian, dovrebbe seguire la decisione statunitense e cominciare a vaccinare i 4 milioni di bambini da 5 a 11 anni con Pfizer prima della fine dell’anno. Lo scorso 29 ottobre la Federal Drug Administration ha approvato l’uso di Comirnaty per i più piccoli e, se all’approvazione seguirà il sì degli US Centres for Disease Control, diventerà immediatamente somministrabile per oltre 28 milioni di bambini statunitensi.

Nuove aperture

Anche la Thailandia, che aveva seguito l’Australia nella politica delle frontiere chiuse, ha deciso di riaprire per i vaccinati in concomitanza ha annunciato la BBC. Il governo di Bangkok ha fatto sapere che l’intento è quello di riportare il numero dei turisti a 15 milioni annuali (prima della pandemia erano 40), dato che queste chiusure hanno fortemente influenzato l’andamento economico del paese che ne traeva miliardi di dollari di profitto. I contagi sono ancora alti però, oltre 10mila al giorno e solo il 42% di popolazione vaccinata.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sydney dice addio al lockdown, dopo quasi quattro mesi
Oltre 100 giorni di lockdown, chiusure e limitazioni. Sydney riemerge dalla sua quarantena dopo aver superato il 70% di popolazione over 16 vaccinata, ma l'Australia tiene chiusi i confini
Il Sudafrica blocca AstraZeneca, ma l’Australia sceglie di proseguire. Perché?
Dopo il piccolo studio che ha mostrato un'efficacia del 10% del vaccino AstraZeneca contro le forme moderate di variante sudafricana, in Sudafrica le somministrazioni sono state bloccate. L'Australia però dipende dal siero inglese e non si fa convincere da un'indagine non pubblicata
Australia, il parlamento vota a favore dell’assistenza sanitaria ai migranti. Governo sconfitto
Il Parlamento australiano ha approvato una legge che facilita l’assistenza sanitaria ai migranti dei centri di Nauru e Manus, in Papua Nuova Guinea, in barba a un emendamento del governo di parere opposto. Il voto della Camera bassa è stato accolto come storico: è la prima volta da 80 anni che l’esecutivo viene sconfitto su […]
In Australia chi non vaccina i figli perde il diritto agli sgravi fiscali
No jab, no pay. Si chiama così la misura australiana per combattere i no-vax e convincere i genitori a vaccinare i propri figli. In poche parole, chi non presenta il certificato di vaccinazione non ha diritto agli sgravi fiscali per i figli a carico. Niente vaccinazioni, niente paga, appunto. Alle famiglie vengono tolti 28 dollari […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...