Sanità internazionale 9 Febbraio 2021 13:08

Il Sudafrica blocca AstraZeneca, ma l’Australia sceglie di proseguire. Perché?

Dopo il piccolo studio che ha mostrato un’efficacia del 10% del vaccino AstraZeneca contro le forme moderate di variante sudafricana, in Sudafrica le somministrazioni sono state bloccate. L’Australia però dipende dal siero inglese e non si fa convincere da un’indagine non pubblicata

Il Sudafrica blocca AstraZeneca, ma l’Australia sceglie di proseguire. Perché?

Somministrazioni del vaccino AstraZeneca sospese in Sudafrica, secondo uno studio su piccola scala è efficace al 10% sulle forme moderate della nuova variante. Il provvedimento, sebbene temporaneo, ha mosso immediatamente la autorità sanitarie degli altri paesi che attendono il vaccino dopo l’approvazione.

L’Australia, che beneficerebbe del prodotto inglese più di altri, è corsa subito ai ripari, rassicurando i cittadini sull’efficacia del siero inglese, in attesa di essere confermato dalla Therapeutic Good Administration e implementato a marzo. «Ad oggi non ci sono prove che il vaccino non sia efficace con le varianti – ha detto il prof. Paul Kelly ai giornalisti – e questi sono i fatti».

Blocco vaccinazioni e variante sudafricana, lo studio è valido?

Del resto, la piccola ricerca portata avanti in Sudafrica non mostra un’efficacia totalmente mancante. Contro le forme gravi il vaccino funziona, questo va chiarito. È con le forme leggere e moderate che sembrerebbe avere delle falle. Fatto che, se dimostrato, non permetterebbe comunque di frenare la diffusione del virus. Ma che necessita di una sicurezza molto più grande di quella che ora c’è. «Qualsiasi vaccino è meglio di nessun vaccino» ha aggiunto la professoressa Mary Louise McLaws, epidemiologa e consulente Oms. «Chi può lo faccia, anche se non dovesse funzionare al 100%, aiuterebbe a frenare morti e ricoveri».

Anche AstraZeneca ha minimizzato gli effetti dello studio, che non è ancora stato pubblicato in peer review. «Anche se non siamo stati in grado di verificarne adeguatamente l’effetto contro le malattie gravi e il ricovero in ospedale dato che i soggetti erano prevalentemente adulti giovani e sani, crediamo che il nostro vaccino proteggerà ancora da malattie gravi per la variante B1351, in particolare quando l’intervallo di dosamento è ottimizzato a 8-12 settimane», è stato lo statement dell’azienda.

In contemporanea, però, la compagnia sta già realizzando un vaccino “adattato” alla variante sudafricana. Ma servirà del tempo, anche se il prodotto AstraZeneca è basato su vettore virale, che è la seconda metodologia più facile da modificare dopo l’mRna. «Un conto è adattarne uno, un conto nove miliardi» ricorda Kelly.

Più dosi di Pfizer o dosi mischiate, l’Australia non esclude nulla

L’Australia ha messo in chiaro che si sta tenendo in stretto contatto con il Regno Unito, dove il vaccino AstraZeneca è stato già largamente distribuito. E che i risultati sono quelli di un prodotto «molto sicuro».

La soluzione più facile ora sarebbe dare a tutti il vaccino Pfizer, che ad oggi è il prodotto che performa meglio contro Covid-19. Tuttavia «non ce n’è abbastanza e la pressione sull’offerta è significativa». Tutto il mondo ne vuole, questa è la traduzione. L’Australia ne avrà 20 milioni di dosi nel 2021, l’equivalente del 40% della popolazione. Il resto dovrebbe ricevere AstraZeneca, in produzione a Melbourne e in attesa di approvazione, e Novavax in arrivo tra qualche mese.

C’è poi l’opzione di mischiare i vaccini, al momento in sperimentazione in Regno Unito. «È un’opzione che vale la pena considerare – ha detto McLaws -. Senza di essa, il rischio è che le persone vaccinate con AstraZeneca (in gran parte la coorte tra i 20 e i 39 anni) non possano essere completamente protette dal Covid-19». E sono oltre la metà di tutte le persone che si sono ammalate lo scorso anno, in quanto mobili e pieni di attività.

L’Australia per ora, con gli “hotel quarantena“, sta riuscendo a non essere intaccata dalle varianti. Anche se da venerdì ci sono stati 87 campioni di B117, la variante inglese, rilevati in quarantena alberghiera in Australia e 18 di B1351, la variante sudafricana. Una dimostrazione che lo “scongiurato pericolo” non arriverà quando la popolazione sarà vaccinata, ma solo tempo dopo, quando tutto il mondo sarà per la maggior parte Covid-free.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Aifa dice sì al vaccino AstraZeneca fino ai 65 anni
C'è il via libera dall'Agenzia italiana del farmaco verso il vaccino AstraZeneca somministrato fino ai 65 anni di età. A comunicarlo il presidente Giorgio Palù
Ema dice sì al vaccino Oxford/Astrazeneca dai 18 anni in su
Arriva l'approvazione dell'Ema per il vaccino Oxford/AstraZeneca. Il prodotto si basa su un vettore virale ed è efficace al 100% sulle forme gravi di Covid-19. Sì anche alla somministrazione agli over 55. Mancano i dati sulle varianti
Johnson&Johnson annuncia: «Nostro vaccino efficace al 66%, 85% per forme gravi»
Il prodotto J&J è efficace anche per over 60 e funziona contro la variante sudafricana, anche se al 57%. Il vaccino si basa su un adenovirus del raffreddore, basta una sola dose per immunizzare dopo 28 giorni. A inizio febbraio la richiesta all'Fda per uso di emergenza
Vaccino Covid, l’immunologa Viola: «Priorità ai fragili, non procedere per categorie lavorative»
In audizione in Commissione Sanità al Senato, l’immunologa Antonella Viola ha messo in guardia sulla variante sudafricana. Poi ha sottolineato: «Per arrivare a vaccinare 38 milioni di italiani entro il 2021 dobbiamo vaccinare 220 mila persone al giorno. Essenziale velocità e coinvolgere i medici di medicina generale»
Covid, il vaccino Oxford/AstraZeneca efficace al 70%
Arrivano i primi risultati anche per il vaccino targato Oxford/AstraZeneca, il primo europeo ad arrivare a un simile traguardo. Rispetto agli altri candidati risulta più economico e più facile da trasportare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 9 aprile, sono 133.963.482 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.902.328 i decessi. Ad oggi, oltre 710,84 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata d...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...