Salute 30 Dicembre 2020 12:52

Varianti Sars-CoV-2 da Uk e Sudafrica, Ecdc valuta “rischio elevato” per i sistemi sanitari

Le nuove varianti VOC 202012/01 (Uk) e 501.V2 (Sudafrica) rappresentano un rischio “elevato” per l’Europa e per il mondo se la diffusione di queste forme aumenterà. Si trasmette più in fretta e, contagiando più persone, potrebbe causare più decessi

Varianti Sars-CoV-2 da Uk e Sudafrica, Ecdc valuta “rischio elevato” per i sistemi sanitari

Con la fine del 2020 sono arrivati i vaccini contro Sars-CoV-2. Da qualche settimana le somministrazioni sono cominciate in tutto il mondo e gli esperti concordano sulla svolta positiva che questo rappresenterà per il futuro. Ma con l’arrivo del nuovo anno coincidono anche le comparse di due nuove varianti del virus, definite “preoccupanti” e rintracciate in Gran Bretagna e Sudafrica. L’European centre for disease prevention and control (Ecdc) ha provveduto a una valutazione del rischio che VOC 202012/01 (Uk) e 501.V2 (Sudafrica) potrebbero rappresentare se diffuse in Europa e l’impatto sui sistemi sanitari. Va innanzitutto specificato che la mutazione è un comportamento costante dei virus, per cui l’emergere di nuove varianti viene definito «un effetto previsto». Dalla sua prima diffusione, Sars-CoV-2 ha già subito numerose mutazioni, dovute sia all’evoluzione che al processo di adattamento nei diversi territori. Nessuna ha però avuto un impatto significativo sulla diffusione del virus. La differenza con le ultime due varianti scoperte è che sembrano fornire al virus un «vantaggio selettivo», come una maggiore trasmissibilità o la possibilità di eludere la risposta immunitaria dell’ospite. Rappresentano pertanto, un rischio potenziale per la salute umana e da questo è sorta la definizione di “preoccupanti”.

Le due varianti, dettagli e segnalazioni

Il Regno Unito (UK) ha dovuto affrontare un rapido aumento dei tassi di casi di Covid-19 nel sud-est, nell’est e nell’area di Londra, associato all’emergere della variante VOC 202012/01. Al 26 dicembre 2020, più di 3mila casi di questa nuova variante, confermati dal sequenziamento del genoma, sono stati segnalati dal Regno Unito. Sebbene sia stato segnalato per la prima volta all’inizio di dicembre, i casi iniziali sono stati identificati in modo retrospettivo come emersi alla fine di settembre. Analisi preliminari indicano che la nuova variante ha aumentato la trasmissibilità rispetto alle varianti circolanti in precedenza, ma finora non è stato identificato alcun aumento della gravità dell’infezione. Dal 26 dicembre, la variante è stata trovata in molti paesi europei (Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, germania, Islanda, Irlanda, Italia, Paesi Bassi, Spagna e Svezia). E nel mondo (Australia, Canada, Hong Kong SAR, India, Israele, Giappone, Giordania, Lbano, Sud Corea, Svizzera e Singapore).

Il Sudafrica ha segnalato un’altra variante, designata come 501.V2, che è anch’essa potenzialmente preoccupante. I primi campioni sequenziati risalgono ad ottobre, ma ad oggi sembra essere la forma dominante del virus. I risultati preliminari indicano, anche in questo caso, che la variante può avere una maggiore trasmissibilità. Tuttavia non ci sono prove che 501.V2 sia associata a una maggiore gravità dell’infezione. Al 28 dicembre 2020, tutti i casi trovati di questa variante fuori dal suo paese di origine sono legati a persone di ritorno da viaggi in Sudafrica.

Valutazione del rischio: elevato

Secondo l’Ecdc la probabilità che le due varianti vengano introdotte e ulteriormente diffuse in Europa è attualmente elevata. Anche se la forma di virus che veicolano non sembra essere più aggressiva, risultando più trasmissibile aumenta il numero dei casi, con annessi i ricoveri e le possibili morti per soggetti di età avanzata e con comorbilità. Dunque «il rischio complessivo associato è valutato come alto» così come quello di una possibile ripercussione sui sistemi sanitari dopo le feste di Natale è stabilito come elevato. Si raccomanda ai singoli paesi di rimarcare l’importanza degli interventi non farmaceutici, come chiusure o lockdown, e di considerare le raccomandazioni per evitare viaggi non essenziali, oltre che attività sociali.

Misure Ecdc per ritardare l’introduzione delle varianti

Ritardare l’introduzione e l’ulteriore diffusione delle nuove varianti è sempre possibile. Ecdc consiglia di:

  • eseguire un sequenziamento mirato e rappresentativo dei casi della comunità per rilevare precocemente e monitorare l’incidenza della variante;
  • aumentare il follow-up e i test di persone con un legame epidemiologico con aree con un’incidenza della variante significativamente più alta e sequenziare campioni da tali casi;
  • migliorare la ricerca mirata dei contatti e l’isolamento dei casi sospetti e confermati della variante;
  • avvisare le persone provenienti da aree con un’incidenza della variante significativamente più alta della necessità, di rispettare la quarantena, nonché sottoporsi a test e autoisolarsi se sviluppano sintomi;
  • raccomandare di evitare tutti i viaggi non essenziali, in particolare nelle aree con un’incidenza della variante significativamente più alta.

Sebbene nel breve-medio termine l’introduzione delle vaccinazioni contribuirà probabilmente alla risposta, «queste misure immediate sono essenziali fino a quando le dosi non saranno disponibili in numero sufficiente e avranno dimostrato di avere un effetto attenuante».

Ewrs, il sistema di monitoraggio e allarme rapido

Per ora è essenziale un attento monitoraggio da parte di tutti gli stati membri per improvvisi cambiamenti nei tassi di trasmissione o nella gravità di Covid-19. Da condividere a livello più alto per una valutazione più chiara tra qualche settimana. Le autorità sanitarie pubbliche nazionali dovrebbero notificare i casi della nuova variante, così come qualsiasi altra nuova variante Sars-CoV-2 potenzialmente preoccupante. Attraverso il sistema di allarme rapido e risposta (EWRS) e il sistema europeo di sorveglianza (TESSy) per sorveglianza e reportistica aggregata, adattata a tal fine.

Per essere in grado di rilevare le introduzioni di varianti note, nonché l’emergere di nuove varianti preoccupanti, gli Stati membri devono eseguire tempestivamente il sequenziamento del genoma di una selezione significativa e rappresentativa di isolati. Il Regno Unito ha dimostrato che il suo programma di sequenziamento è in grado di rilevare varianti emergenti. Idealmente, gli Stati membri dovrebbero mirare a una tempestività e una frazione di campioni sequenziati simili, sebbene ciò dipenderà dalla disponibilità di risorse.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ucraina: attacchi a ospedali e ambulanze, la denuncia dell’Oms
L'Oms ha dichiarato che, negli ultimi giorni, sono aumentati gli attacchi alle strutture sanitarie dell'Ucraina, come ospedali e ambulanze
Covid-19, Ecdc: «Italia unico Paese classificato a scarsa preoccupazione»
La scorsa settimana era ritenuta a livello moderato ma ora ricoveri e intensive tenderanno a stabilizzarsi. Cosa dice il report
Variante Omicron, Speranza al G7: «Ora supportare concretamente vaccinazione nei Paesi più fragili»
Le parole del Ministro della Salute nell’incontro convocato per discutere della nuova variante proveniente dal Sudafrica. Intanto sono 33 i casi confermati ma nessun morto o caso grave
Con Delta dicembre e gennaio critici senza richiami e misure più dure, l’avvertimento dell’ECDC
La direttrice generale ECDC Andrea Ammon parla chiaro: in Europa meno del 70% della popolazione complessiva è totalmente vaccinata, troppo spazio per riacutizzazioni del virus e nuove impennate negli ospedali
Uso di antibiotici ridotto del 15% in Europa nel 2020, ma aumentato negli ospedali dell’est. Il report ECDC
Un effetto "positivo" della pandemia è stata la riduzione dell'uso degli antibiotici in Europa, un passo importante nella lotta all'antibiotico-resistenza che spaventa scienziati e istituzioni. Negli ospedali dei paesi dell'est il consumo è però aumentato e sono stati individuati anche ceppi di resistenza agli antimicrobici di ultima generazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali