Salute 9 Novembre 2020

Campania, bilancio di una settimana da “zona gialla”: ospedali allo stremo e contagi esponenziali

L’allarme di Anaao Assomed: «Grande assente il territorio. A breve salterà tutta l’assistenza non Covid»

Campania, bilancio di una settimana da “zona gialla”: ospedali allo stremo e contagi esponenziali

È saltato tutto. Dal tracciamento ai percorsi sporco/pulito negli ospedali, dalle forniture di ossigeno alla separazione degli ambienti Covid/non Covid, in Campania la gestione dell’emergenza sanitaria è allo sbando. Una situazione che il sindacato medico Anaao Assomed ha in più occasioni denunciato, nella speranza di scuotere le coscienze delle istituzioni e dell’opinione pubblica per porre in essere misure più stringenti atte a frenare lo tsunami che sta travolgendo il sistema sanitario regionale.

CAMPANIA, BENCIVENGA (ANAAO): «PERSO TROPPO TEMPO»

A cinque giorni dall’entrata della Campania in “zona gialla”, il Segretario regionale Anaao Assomed Vincenzo Bencivenga traccia, ai nostri microfoni, un quadro della situazione. «Le criticità all’interno degli ospedali sono drammatiche, per un motivo molto semplice: si è perso troppo tempo. Intanto – spiega Bencivenga – c’è carenza di personale dedicato all’assistenza Covid a tutti i livelli e in special modo sulla media intensità, ma soprattutto manca in maniera molto più grave qualsiasi tipo di assistenza per l’ordinarietà. A breve si morirà soprattutto di non-Covid, perché la stragrande maggioranza degli operatori è impegnata su quel fronte. La diffusione del contagio tra il personale – aggiunge – sta poi crescendo moltissimo, questo significa che il sistema di protezione non sta funzionando».

«ALLIBITI DA DECISIONE CAMPANIA IN ZONA GIALLA»

La domanda sorge spontanea: perché la “zona gialla”, a fronte di questi numeri e di questo contesto? «La ripartizione è stata fatta in base ai cosiddetti “dati stabilizzati” – osserva Bencivenga –  ma noi sappiamo benissimo che, se la situazione è degenerata, non lo ha fatto certo nel giro di qualche giorno. Gli indici di contagiosità parlavano chiaro, e la crescita è esponenziale da tempo. Quando da probabile zona arancione – rivela – siamo stati annunciati come zona gialla, non ci abbiamo capito più nulla. Gli ospedali sono allo stremo, siamo in una drammatica corsa contro il tempo per attivare posti di degenza Covid ma soprattutto per trovare personale: questa decisione ci ha lasciato francamente allibiti».

IL GRANDE ASSENTE: IL TERRITORIO

Ancora una volta, come fu nella prima ondata della scorsa primavera, la chiave di volta nella gestione dell’emergenza sarebbe dovuta essere la medicina territoriale, anello di congiunzione e filtro tra popolazione e ospedali. «Se molte persone – spiega il segretario – che potrebbero essere gestite a domicilio si riversano nei pronto soccorso, vuol dire che il territorio manca. I pronto soccorso sono ormai di fatto ambienti Covid. E perché – aggiunge – le famose tende da campo che stanno allestendo fuori dagli ospedali non sono state installate uno o due mesi fa, quando i numeri erano ancora accettabili ma era comunque chiara la situazione in cui ci saremmo trovati di lì a poco? Erano tutte decisioni da prendere in estate, non adesso, che è troppo tardi».

La richiesta del sindacato è chiara: «Se tanto personale si infetta, è importante sapere come sta effettivamente lavorando. Le norme di sicurezza sono rispettate? I DPI ci sono in forniture adeguate? Domande che sanno di déjà vu, perché sono le stesse che ci ponevamo a marzo».

Margini di recupero ce ne sono, o ci stiamo schiantando dritti contro un muro? «In tutta onestà – conclude Bencivenga – io temo che ci siamo già schiantati. Possiamo solo mettere la retromarcia, e tentare di contenere i danni».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Il Covid-19 acuisce ansia e stress. Con “niente paura” arriva un aiuto in piu’!
www.nientepaura.info, un sito dedicato a chi soffre di disturbi d’ansia, stress e insonnia. Consigli degli esperti per gestire questi eventi e ritrovare il benessere psicologico
«Per il coronavirus serve una risposta planetaria. E la Global Health può aiutarci»
Intervista a Emanuele Montomoli (Università di Siena): «Oggi la pandemia viene gestita addirittura a livello di ASL, serve sovranazionalità»
di Tommaso Caldarelli
Covid, la Gran Bretagna ha approvato l’uso del vaccino Pfizer: distribuzione tra 7 giorni
L'Mhra, autorità del farmaco inglese, ha dato l'ok. La Gran Bretagna ha approvato il vaccino Pfizer per la distribuzione. I primi, tra una settimana, saranno personale sanitario e anziani
Speranza: «Durante le feste stop a spostamenti tra regioni e tra comuni. Vaccino non sarà obbligatorio»
Il Ministro della Salute, al Senato, avverte: «Se abbassiamo la guardia la terza ondata è dietro l’angolo, non dobbiamo perdere la memoria». Poi spiega: «Il modello della classificazione delle regioni sta funzionando, puntiamo a portare incidenza a 50 casi ogni 100mila abitanti». Sui vaccini: «L'Italia ha opzionato al momento 202.573.000 dosi, probabile che serviranno due dosi a testa»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 dicembre, sono 63.894.184 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.480.709 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 2 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli