Salute 9 Novembre 2020 10:54

Campania, bilancio di una settimana da “zona gialla”: ospedali allo stremo e contagi esponenziali

L’allarme di Anaao Assomed: «Grande assente il territorio. A breve salterà tutta l’assistenza non Covid»

Campania, bilancio di una settimana da “zona gialla”: ospedali allo stremo e contagi esponenziali

È saltato tutto. Dal tracciamento ai percorsi sporco/pulito negli ospedali, dalle forniture di ossigeno alla separazione degli ambienti Covid/non Covid, in Campania la gestione dell’emergenza sanitaria è allo sbando. Una situazione che il sindacato medico Anaao Assomed ha in più occasioni denunciato, nella speranza di scuotere le coscienze delle istituzioni e dell’opinione pubblica per porre in essere misure più stringenti atte a frenare lo tsunami che sta travolgendo il sistema sanitario regionale.

CAMPANIA, BENCIVENGA (ANAAO): «PERSO TROPPO TEMPO»

A cinque giorni dall’entrata della Campania in “zona gialla”, il Segretario regionale Anaao Assomed Vincenzo Bencivenga traccia, ai nostri microfoni, un quadro della situazione. «Le criticità all’interno degli ospedali sono drammatiche, per un motivo molto semplice: si è perso troppo tempo. Intanto – spiega Bencivenga – c’è carenza di personale dedicato all’assistenza Covid a tutti i livelli e in special modo sulla media intensità, ma soprattutto manca in maniera molto più grave qualsiasi tipo di assistenza per l’ordinarietà. A breve si morirà soprattutto di non-Covid, perché la stragrande maggioranza degli operatori è impegnata su quel fronte. La diffusione del contagio tra il personale – aggiunge – sta poi crescendo moltissimo, questo significa che il sistema di protezione non sta funzionando».

«ALLIBITI DA DECISIONE CAMPANIA IN ZONA GIALLA»

La domanda sorge spontanea: perché la “zona gialla”, a fronte di questi numeri e di questo contesto? «La ripartizione è stata fatta in base ai cosiddetti “dati stabilizzati” – osserva Bencivenga –  ma noi sappiamo benissimo che, se la situazione è degenerata, non lo ha fatto certo nel giro di qualche giorno. Gli indici di contagiosità parlavano chiaro, e la crescita è esponenziale da tempo. Quando da probabile zona arancione – rivela – siamo stati annunciati come zona gialla, non ci abbiamo capito più nulla. Gli ospedali sono allo stremo, siamo in una drammatica corsa contro il tempo per attivare posti di degenza Covid ma soprattutto per trovare personale: questa decisione ci ha lasciato francamente allibiti».

IL GRANDE ASSENTE: IL TERRITORIO

Ancora una volta, come fu nella prima ondata della scorsa primavera, la chiave di volta nella gestione dell’emergenza sarebbe dovuta essere la medicina territoriale, anello di congiunzione e filtro tra popolazione e ospedali. «Se molte persone – spiega il segretario – che potrebbero essere gestite a domicilio si riversano nei pronto soccorso, vuol dire che il territorio manca. I pronto soccorso sono ormai di fatto ambienti Covid. E perché – aggiunge – le famose tende da campo che stanno allestendo fuori dagli ospedali non sono state installate uno o due mesi fa, quando i numeri erano ancora accettabili ma era comunque chiara la situazione in cui ci saremmo trovati di lì a poco? Erano tutte decisioni da prendere in estate, non adesso, che è troppo tardi».

La richiesta del sindacato è chiara: «Se tanto personale si infetta, è importante sapere come sta effettivamente lavorando. Le norme di sicurezza sono rispettate? I DPI ci sono in forniture adeguate? Domande che sanno di déjà vu, perché sono le stesse che ci ponevamo a marzo».

Margini di recupero ce ne sono, o ci stiamo schiantando dritti contro un muro? «In tutta onestà – conclude Bencivenga – io temo che ci siamo già schiantati. Possiamo solo mettere la retromarcia, e tentare di contenere i danni».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Rivoluzione digitale in Sanità, la Campania ai blocchi di partenza nonostante le difficoltà
«La pandemia ha scaldato i motori dell’innovazione, ora sotto con la sfida del PNRR»
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...