Salute 5 Novembre 2020 09:00

Calabria, Lombardia, Piemonte e Valle d’Aosta in zona rossa. Puglia e Sicilia in zona arancione

Arrivata l’ordinanza del ministero della Salute annunciata da Giuseppe Conte ieri sera in conferenza, misure del Dpcm confermate

Calabria, Lombardia, Piemonte e Valle d’Aosta in zona rossa. Puglia e Sicilia in zona arancione

Calabria, Lombardia, Piemonte e Valle d’Aosta zone rosse, Sicilia e Puglia zone arancioni. Il resto dell’Italia è di colore giallo. L’attesa ordinanza del Ministero della Salute è arrivata ieri sera, annunciata dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte in conferenza. Seguita, com’era previsto, dalle proteste dei governatori delle regioni per le decisioni prese. Valide da domani e per 15 giorni, fino a una nuova valutazione ministeriale.

ZONA ROSSA

Sono quattro le regioni in fascia “rossa”. Lombardia, Calabria, Valle d’Aosta e Calabria sono, secondo i 21 parametri decisi dalla cabina di regia, in scenario 4. Queste le misure previste:

  • Vietati tutti gli spostamenti in entrata e uscita dal territorio, con eccezioni per salute e lavoro.
  • Vietati spostamenti in uscita dal proprio luogo di residenza o domicilio, con le stesse eccezioni.
  • Sospese le attività commerciali al dettaglio, a eccezione di alimentari e generi di prima necessità. Chiusi i mercati, salvo le attività di vendita alimentari. Restano aperte edicole, tabaccai, farmacie e parafarmacie.
  • Chiusi i ristoranti, anche in questo caso con esclusione di mense e catering. Prevista però la consegna e l’asporto fino alle 22.
  • Sospese tutte le attività nei centri sportivi all’aperto e ogni evento o competizione organizzato da enti di promozione sportiva. È consentito svolgere attività motoria nelle vicinanze della propria abitazione, ma nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni persona adiacente e con mascherina. Anche l’attività sportiva è concessa, ma solo all’aperto e in forma individuale.
  • Le attività scolastiche si svolgono esclusivamente a distanza, salvo la scuola dell’infanzia e quella primaria.
  • Sospese anche i servizi alla persona, escluse le attività di lavanderia, i servizi di pompe funebri e le attività di parrucchieri e barbieri.
  • Favorita e raccomandata la modalità di lavoro agile.

ZONA ARANCIONE

Due le regioni in zona arancione, Puglia e Sicilia. Queste le misure previste:

  • Vietati tutti gli spostamenti in entrata e in uscita dai territori segnalati in questo scenario, a eccezione di quelli giustificati da comprovate ragioni lavorative o di necessità.Permesso il rientro nel proprio domicilio, abitazione o residenza. Transito consentito solo per raggiungere territori non soggetti alle stesse restrizioni.
  • Scuole elementari e medie, però, rimangono aperte.
  • Chiusi tutti i bar, ristoranti, gelaterie e pasticcerie. Escluse invece mense e catering su base contrattuale.

Per le regioni in zona gialla valgono le norme previste dal Dpcm firmato da Conte.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Dove è obbligatorio indossare ancora la mascherina?
L'obbligo di indossare la mascherina al chiuso non c'è più, ma sono previste delle importanti eccezioni fino al 15 giugno
Ordinanza mascherine, come dovremo comportarci dall’11 febbraio
Da venerdì 11 febbraio mascherina obbligatoria solo al chiuso. Obbligatorio, fino al 31 marzo, portare sempre con sé la mascherina e indossarla anche all'aperto in caso di assembramenti
Cittadinanzattiva, un piano per il futuro dell’oncologia. Da recupero ritardi a innovazione
È stato presentato questa mattina il documento "Insieme per l'oncologia del futuro" realizzato da Cittadinanzattiva. Nel documento vengono definite sia azioni e iniziative incentrate sulla persona da intraprendere nell'immediato, sia strategie che mirano a modificare entro il 2030 l’approccio all'oncologia su quattro macroaree: prevenzione, innovazione, equità e qualità di vita.
Carenza di infermieri, Costa promette: «Allineeremo offerta formativa a fabbisogno»
Il sottosegretario alla Salute: «L'infermiere di famiglia e comunità sarà una delle figure professionali di riferimento che assicurerà l'assistenza infermieristica ai diversi livelli di complessità in collaborazione con tutti i professionisti presenti nella comunità»
Ministero: «I sanitari non vaccinati non possono esercitare in alcun modo la professione»
La circolare del Ministero della Salute alle Federazioni degli Ordini: «La sospensione é tout court, e non limitata alle attività a contatto con le persone. Eventuali ricorsi alla Commissione Centrale per gli Esercenti le Professioni Sanitarie non hanno effetti impeditivi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...