Salute 2 Aprile 2021 17:03

Cabina di regia, nuovo report: «Rt sotto l’1. Lenta decrescita curva contagi ma 41% terapie intensive occupate»

Veneto, Marche e Pa Trento in arancione da martedì. I punti salienti del monitoraggio settimanale di ISS e Ministero Salute con il Presidente dell’ISS, Silvio Brusaferro e il Dir. Gen. della Prevenzione del Ministero, Gianni Rezza

Cabina di regia, nuovo report: «Rt sotto l’1. Lenta decrescita curva contagi ma 41% terapie intensive occupate»

«In tutti i paesi europei c’è stata una ripartenza dei contagi. Ci sono alcuni Stati vicini che hanno un’intensificazione della circolazione del virus. In Italia la curva sta rallentando nell’ultimo periodo con una decrescita lenta, caratteristica della fase attuale». Lo ha dichiarato il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, nel corso della conferenza stampa sull’analisi dei dati del monitoraggio della cabina di regia ISS-Ministero della Salute.

Brusaferro (ISS): «Saturo 41% delle terapie intensive»

La curva è caratterizzata da una decrescita lenta e da un forte sovraccarico degli ospedali. In questa settimana, infatti, i ricoveri sono in crescita e il dato che desta maggiore preoccupazione è quello relativo alla saturazione delle terapie intensive: al 41% rispetto al 39% della scorsa settimana. «Per i posti in area medica – spiega Brusaferro – siamo al 44% di saturazione».

Brusaferro: «Ridotti i casi tra over 80 e operatori sanitari per effetto dell’immunizzazione. Età dei contagi resta stabile»

«La percentuale di focolai nelle strutture ospedaliere e nelle Rsa ha avuto una regressione molto netta» grazie ai vaccini. L’età media di chi contrae l’infezione è stabile ed è «intorno ai 40-50 anni. C’è anche una decrescita dei casi tra gli over-80, sempre attribuibile alle vaccinazioni».

«Rt a 0.98. Incidenza rimane elevata e lontana dalla soglia di sicurezza»

«L’incidenza rimane elevata, anche se in lieve calo – prosegue Brusaferro – ma è ben lontana dalla soglia di sicurezza di 50 casi per 100mila abitanti a sette giorni». Il presidente dell’ISS invita a non allentare le difese: «L’Rt questa settimana è in lieve decrescita, a 0.98, ma rimane comunque intorno all’1. Dovremo riuscire a portarlo abbondantemente sotto l’1 per controllare la curva. Le misure funzionano ma occorre mantenere una grande attenzione e perseveranza per portare la circolazione del virus a livelli contenuti».

Rezza: «Trasmissione in leggero miglioramento, ma forte carico su Ssn ancora a lungo»

«La situazione in leggero miglioramento, l’RT è intorno a 1, l’incidenza è in lieve diminuzione ma rimane ancora elevata, ben al di sopra del margine di sicurezza. Desta preoccupazione il fatto che le terapie intensive siano saturate da pazienti con Covid-19. Ci sono dei lievi segnali di miglioramento, la trasmissione sta diminuendo, ma il carico sulle strutture sanitarie rischia di essere elevato a lungo e questo non è rassicurante», ammette Rezza.

Rezza: «Variante inglese ha sostituito i ceppi precedenti. Al Centro Italia fino al 20% di brasiliana»

«La variante inglese ha ormai sostituito i ceppi circolanti perché corre, stiamo intorno al 40-50% in più. La variante brasiliana è rimasta stabile al 4% di prevalenza, non corre di più di quella inglese ma è concentrata in alcune regioni dell’Italia centrale dove raggiunge almeno il 20%. Occorre uno sforzo di contenimento su questa variante».

«Le misure finora adottate – prosegue Rezza – riescono ad arginare la corsa delle varianti emergenti ma ci vuole tempo prima di assestare la situazione epidemiologica. Ci portiamo dietro un carico sulle strutture sanitarie e un numero elevato di decessi giornalieri. Speriamo di poter ritornare prima a una sorta di normalità velocizzando la campagna vaccinale. Siamo a 200-250mila somministrazioni al giorno, fra aprile e giugno sono previste milioni di dosi e un nuovo vaccino. Contiamo su una forte accelerazione della campagna a partire da aprile».

Vaccini, Rezza: «Priorità ai più fragili»

«Le raccomandazioni che hanno aggiornato il Piano nazionale non prevedono più le categorie, ma il criterio dell’età e delle fragilità. Questo per accelerare le vaccinazioni ed evitare guerra fra categorie. La soluzione è velocizzare le immunizzazioni».

Brusaferro: «Scuole prioritarie, riapertura richiede grande rispetto misure»

«L’apertura delle scuole necessita di misure molto strette di controllo – sottolinea – possiamo immaginare di poter tenere questa situazione mantenendo contemporaneamente un rigoroso rispetto delle altre misure. La scuola è prioritaria, facciamo un investimento, ma questo richiede grande attenzione in tutto il resto».

Marche, Veneto e la Provincia Autonoma di Trento passano in area Arancione

Il Ministro della Salute Roberto Speranza, sulla base dei dati e delle indicazioni della cabina di regia, firmerà in giornata nuove ordinanze. Andranno in vigore dopo i tre giorni di area rossa nazionale previsti per il 3/4/5 aprile. A partire da martedì 6 aprile Marche, Veneto e la Provincia Autonoma di Trento passano in area Arancione.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Langya: il nuovo virus che viene dalla Cina
Identificati 35 casi, nessuno letale, in 4 anni. Gli studiosi dell’University of Hawaii di Honolulu avvertono: «I cambiamenti climatici aggraveranno del 58% l’impatto delle malattie infettive già note sugli esseri umani». Avanzano anche un’ipotesi estrema, ma non impossibile: lo scongelamento del permafrost potrebbe rimettere in circolazione agenti patogeni del tutto sconosciuti al sistema immunitario umano
Due sintomi «rivelatori» del Covid, l’avvertimento dello scienziato britannico
Tim Spector, fondatore dell'app Covid Zoe, ha avvertito che la stanchezza al mattino, anche dopo una buona notte di sonno, e il mal di gola possono essere considerati segni «rivelatori» dell'infezione Covid-19
Quasi 80mila contagi Covid sul lavoro, più colpiti operatori sanitari e sociali
Con 80.994 contagi sul lavoro denunciati dall'Inail, i primi sei mesi di quest'anno pesano al momento per il 29,1% sul totale delle infezioni di origine professionale segnalate all’istituto dall’inizio della pandemia alla data dello scorso 30 giugno. I più colpiti sul lavoro sono i professionisti del settore della sanità e dell'assistenza sociale. Questo è quanto emerge dal 28esimo report nazionale elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell'Inail
Vaiolo delle scimmie, cresce emergenza e ora 1 italiano su 3 lo teme
L'Oms ha dichiarato che il vaiolo delle scimmie è un'emergenza sanitaria globale. Sono stati registrati 17mila casi in 70 paesi. l'Italia è fra i 10 paesi più colpiti e forse per questo 1 italiano su 3 ammette di avere paura
In due anni 16 milioni di contagi e oltre 160 mila morti: l’impatto del Covid-19 sul sistema ospedaliero italiano
Per la prima volta, grazie ad una collaborazione tra Istat e Agenas, è stato analizzato l’impatto della pandemia da SARS-CoV-2 sul sistema ospedaliero italiano. Il Rapporto, oltre a descrivere gli effetti sul complesso dei ricoveri attraverso un confronto con i dati pre-pandemia, esamina le caratteristiche salienti dei ricoveri per Covid-19. Ecco i risultati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale