Salute 2 Aprile 2021 17:03

Cabina di regia, nuovo report: «Rt sotto l’1. Lenta decrescita curva contagi ma 41% terapie intensive occupate»

Veneto, Marche e Pa Trento in arancione da martedì. I punti salienti del monitoraggio settimanale di ISS e Ministero Salute con il Presidente dell’ISS, Silvio Brusaferro e il Dir. Gen. della Prevenzione del Ministero, Gianni Rezza

Cabina di regia, nuovo report: «Rt sotto l’1. Lenta decrescita curva contagi ma 41% terapie intensive occupate»

«In tutti i paesi europei c’è stata una ripartenza dei contagi. Ci sono alcuni Stati vicini che hanno un’intensificazione della circolazione del virus. In Italia la curva sta rallentando nell’ultimo periodo con una decrescita lenta, caratteristica della fase attuale». Lo ha dichiarato il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, nel corso della conferenza stampa sull’analisi dei dati del monitoraggio della cabina di regia ISS-Ministero della Salute.

Brusaferro (ISS): «Saturo 41% delle terapie intensive»

La curva è caratterizzata da una decrescita lenta e da un forte sovraccarico degli ospedali. In questa settimana, infatti, i ricoveri sono in crescita e il dato che desta maggiore preoccupazione è quello relativo alla saturazione delle terapie intensive: al 41% rispetto al 39% della scorsa settimana. «Per i posti in area medica – spiega Brusaferro – siamo al 44% di saturazione».

Brusaferro: «Ridotti i casi tra over 80 e operatori sanitari per effetto dell’immunizzazione. Età dei contagi resta stabile»

«La percentuale di focolai nelle strutture ospedaliere e nelle Rsa ha avuto una regressione molto netta» grazie ai vaccini. L’età media di chi contrae l’infezione è stabile ed è «intorno ai 40-50 anni. C’è anche una decrescita dei casi tra gli over-80, sempre attribuibile alle vaccinazioni».

«Rt a 0.98. Incidenza rimane elevata e lontana dalla soglia di sicurezza»

«L’incidenza rimane elevata, anche se in lieve calo – prosegue Brusaferro – ma è ben lontana dalla soglia di sicurezza di 50 casi per 100mila abitanti a sette giorni». Il presidente dell’ISS invita a non allentare le difese: «L’Rt questa settimana è in lieve decrescita, a 0.98, ma rimane comunque intorno all’1. Dovremo riuscire a portarlo abbondantemente sotto l’1 per controllare la curva. Le misure funzionano ma occorre mantenere una grande attenzione e perseveranza per portare la circolazione del virus a livelli contenuti».

Rezza: «Trasmissione in leggero miglioramento, ma forte carico su Ssn ancora a lungo»

«La situazione in leggero miglioramento, l’RT è intorno a 1, l’incidenza è in lieve diminuzione ma rimane ancora elevata, ben al di sopra del margine di sicurezza. Desta preoccupazione il fatto che le terapie intensive siano saturate da pazienti con Covid-19. Ci sono dei lievi segnali di miglioramento, la trasmissione sta diminuendo, ma il carico sulle strutture sanitarie rischia di essere elevato a lungo e questo non è rassicurante», ammette Rezza.

Rezza: «Variante inglese ha sostituito i ceppi precedenti. Al Centro Italia fino al 20% di brasiliana»

«La variante inglese ha ormai sostituito i ceppi circolanti perché corre, stiamo intorno al 40-50% in più. La variante brasiliana è rimasta stabile al 4% di prevalenza, non corre di più di quella inglese ma è concentrata in alcune regioni dell’Italia centrale dove raggiunge almeno il 20%. Occorre uno sforzo di contenimento su questa variante».

«Le misure finora adottate – prosegue Rezza – riescono ad arginare la corsa delle varianti emergenti ma ci vuole tempo prima di assestare la situazione epidemiologica. Ci portiamo dietro un carico sulle strutture sanitarie e un numero elevato di decessi giornalieri. Speriamo di poter ritornare prima a una sorta di normalità velocizzando la campagna vaccinale. Siamo a 200-250mila somministrazioni al giorno, fra aprile e giugno sono previste milioni di dosi e un nuovo vaccino. Contiamo su una forte accelerazione della campagna a partire da aprile».

Vaccini, Rezza: «Priorità ai più fragili»

«Le raccomandazioni che hanno aggiornato il Piano nazionale non prevedono più le categorie, ma il criterio dell’età e delle fragilità. Questo per accelerare le vaccinazioni ed evitare guerra fra categorie. La soluzione è velocizzare le immunizzazioni».

Brusaferro: «Scuole prioritarie, riapertura richiede grande rispetto misure»

«L’apertura delle scuole necessita di misure molto strette di controllo – sottolinea – possiamo immaginare di poter tenere questa situazione mantenendo contemporaneamente un rigoroso rispetto delle altre misure. La scuola è prioritaria, facciamo un investimento, ma questo richiede grande attenzione in tutto il resto».

Marche, Veneto e la Provincia Autonoma di Trento passano in area Arancione

Il Ministro della Salute Roberto Speranza, sulla base dei dati e delle indicazioni della cabina di regia, firmerà in giornata nuove ordinanze. Andranno in vigore dopo i tre giorni di area rossa nazionale previsti per il 3/4/5 aprile. A partire da martedì 6 aprile Marche, Veneto e la Provincia Autonoma di Trento passano in area Arancione.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaccini, Regimenti (Lega): «Velocizzare campagna e puntare su produzione in Ue»
«L'Italia e l'Europa hanno tutto il potenziale per produrre i vaccini sul proprio territorio» sottolinea l'eurodeputata della Lega Luisa Regimenti
Riaperture, Vineis (CSS): «Così si rischia di mantenere lunga coda dell’epidemia»
La chiave del successo inglese: un lockdown incisivo «pianificato e temporizzato» e una vaccinazione rapida ed efficace. L’intervista a Paolo Vineis, professore di epidemiologia all’Imperial College di Londra e vicepresidente del Consiglio Superiore di Sanità
La vitamina C e la vitamina D prevengono il contagio da Covid-19?
Cosa dice la Circolare del 30 novembre 2020 del Ministero della Salute sulla “Gestione domiciliare dei pazienti con infezione da SARS-CoV-2”
Covid, per sanitari turni massacranti e ferie negate. Boom di richieste d’aiuto a Consulcesi: +30% in un anno
Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi. «Per i medici gli straordinari sono diventati 'ordinari'. Siamo al fianco dei nostri eroi affinché ricevano il giusto riconoscimento per i sacrifici che continuano a fare»
Riaperture, Vergallo (Aaroi-Emac): «Pressione terapie intensive ancora importante. Bilanciare esigenze di salute con economia»
Il Presidente dell'Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri: «Le decisioni spettano alla politica ma devono seguire, con criteri di prudenza, la scienza e la situazione attuale del SSN. Un’ondata successiva, a distanza di qualche mese, sarebbe ancora più pericolosa delle precedenti perché si aggiungerebbe a un numero esistente di contagi e ricoveri e non a un valore soglia pari a zero»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 aprile, sono 142.112.632 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.030.299 i decessi. Ad oggi, oltre 904,92 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...