Salute 13 Marzo 2019

Assistenza domiciliare privilegio per il 3% degli anziani. Bernabei (Italia Longeva): «Dotazione di servizi comica»

L’analisi presentata dalla rete nazionale sull’invecchiamento e la longevità attiva mostra forti disomogeneità territoriali. L’assessore al Welfare della Lombardia Giulio Gallera svela i segreti della regione, che rientra tra le più virtuose: «Abbiamo 200 erogatori del privato sociale ed un investimento di oltre 100 milioni»

di Federica Bosco
Immagine articolo

L’Italia si conferma un Paese sempre più di anziani, ma solo 3 su 100 hanno possibilità di avere l’assistenza domiciliare. Secondo i dati presentati in Regione Lombardia nell’incontro “La Babele dell’assistenza domiciliare in Italia,” promosso da Italia Longeva, (la rete nazionale sull’invecchiamento e la longevità attiva), nel 2030 ci saranno addirittura 8 milioni di anziani con almeno una malattia cronica grave, di cui 5 milioni disabili. Dati che impongono una riflessione, anche perché dalle due indagini effettuate sull’assistenza domiciliare integrata, che ha coinvolto 35 ATS e 18 regioni, è emersa una evidente disparità nel Paese, con regioni di eccellenza come Lombardia e Marche che riescono a garantire il 90% delle prestazioni a domicilio agli anziani, e altre che non arrivano al 60%.

«Siamo il Paese più vecchio del mondo insieme al Giappone ed abbiamo una dotazione di servizi sul territorio di assistenza domiciliare che è assolutamente comica – spiega Roberto Bernabei, presidente di Italia Longeva –. Ognuno va per conto proprio e soprattutto ci sono numeri molto bassi in confronto agli altri Paesi sviluppati nel mondo. Da qui il fenomeno delle badanti che è assolutamente italiano. Ma questo problema deve essere superato, deve esserci un’assistenza domiciliare che sia intanto quantitativamente congrua e che abbia regole precise. Occorre formare professionisti, vedere quelle che sono le esperienze migliori sui vari territori per arrivare ad una standardizzazione del sistema. Tutto ciò merita una riflessione comune in una regione che è molto virtuosa come la Lombardia».

«Abbiamo fatto un lungo percorso sull’assistenza domiciliare integrata – aggiunge Giulio Gallera, assessore al Welfare di Regione Lombardia –. Crediamo moltissimo nella capacità di curare il paziente al proprio domicilio, spostando l’attenzione dall’ospedale al territorio. È un percorso molto lungo iniziato nel 2012 che oggi vede più di 100mila lombardi presi in carico presso il proprio domicilio con l’assistenza domiciliare integrata, 200 erogatori del privato sociale ed un investimento di più di 100 milioni, a cui vanno aggiunte le cure palliative domiciliari su cui abbiamo più di 40 milioni in un percorso che è assolutamente crescente. Vogliamo fare in modo che i pazienti vengano presi in carico nel modo migliore possibile. A domicilio costa meno e migliora la qualità della vita del paziente».

Per Donata Bellentani, dirigente del ministero della Salute, esistono due temi fondamentali: la qualificazione delle cure e il tema dell’integrazione socio-sanitaria. «Tutto il sistema deve essere personalizzato – conclude – sulla persona e sulla famiglia, tenendo conto del rapporto con la comunità».

LEGGI ANCHE: FIMMG LOMBARDIA, PARLA IL SEGRETARIO GABRIELLA LEVATO: «CON MALATI CRONICI SERVE INTERDISCIPLINARIETA’. CONTRATTO NAZIONALE SIA ATTENTO A OBIETTIVI DEL TERRITORIO»

Articoli correlati
Infermieri, mozione del Consiglio Nazionale FNOPI: «Immobilismo pericoloso, ora garantire continuità ospedale-territorio»
Mozione votata all’unanimità del Consiglio nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche: «Diritto al futuro di un’assistenza accessibile, equa, sicura, universale e solidale senza accettare più prese di posizione, deroghe o tempi di attesa con l’unico effetto di rimanere ancorati a un immobilismo pericoloso per l’assistenza e i diritti dei cittadini»
Paziente anziano, Mantovani (Bicocca): «Nuovo paradigma sarà la gestione integrata»
Il Professore di Igiene e Salute Pubblica alla Biccoca di Milano crede nella possibilità di ridurre le ospedalizzazioni: «Abbiamo tecnologie informatiche, dispositivi e farmaci che sono più sicuri rispetto al passato, che sono più maneggevoli e permettono di gestire il paziente al di fuori dell’ospedale»
AIL e Amgen insieme per assistenza domiciliare e cura dei pazienti con mieloma multiplo
Salute del paziente, miglior qualità di vita e sostenibilità del sistema salute, questo in sintesi il focus del programma Ridisegnare Insieme il Percorso Terapeutico per i Pazienti con Mieloma Multiplo. Il Presidente AIL Amadori: «Con questo programma i pazienti si sentono rassicurati e supportati nelle loro fragilità, aiutati in maniera concreta laddove non riescano ad essere autonomi»
di Federica Bosco
Lombardia, da novembre oltre 1500 specializzandi in corsia. Gallera (Ass. Welfare): «Non faranno da tappabuchi ma saranno autonomi»
«Non sostituiranno i medici strutturati dal punto di vista dell’accreditamento, ma potranno lavorare nelle corsie, negli ambulatori, in sala operatoria sempre sotto il controllo di un tutor», sottolinea l’assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera
di Federica Bosco
Farmaci generici, Gallera (Ass. Welfare Lombardia): «Ampliare numero persone che ne fanno uso»
«Tenere insieme un sistema universalistico è ambizioso - spiega l’assessore Giulio Gallera -. Tutte le azioni che riescono a garantire economie di scala e recupero delle risorse sono necessarie» 
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...