Salute 13 Marzo 2019

Assistenza domiciliare privilegio per il 3% degli anziani. Bernabei (Italia Longeva): «Dotazione di servizi comica»

L’analisi presentata dalla rete nazionale sull’invecchiamento e la longevità attiva mostra forti disomogeneità territoriali. L’assessore al Welfare della Lombardia Giulio Gallera svela i segreti della regione, che rientra tra le più virtuose: «Abbiamo 200 erogatori del privato sociale ed un investimento di oltre 100 milioni»

di Federica Bosco
Immagine articolo

L’Italia si conferma un Paese sempre più di anziani, ma solo 3 su 100 hanno possibilità di avere l’assistenza domiciliare. Secondo i dati presentati in Regione Lombardia nell’incontro “La Babele dell’assistenza domiciliare in Italia,” promosso da Italia Longeva, (la rete nazionale sull’invecchiamento e la longevità attiva), nel 2030 ci saranno addirittura 8 milioni di anziani con almeno una malattia cronica grave, di cui 5 milioni disabili. Dati che impongono una riflessione, anche perché dalle due indagini effettuate sull’assistenza domiciliare integrata, che ha coinvolto 35 ATS e 18 regioni, è emersa una evidente disparità nel Paese, con regioni di eccellenza come Lombardia e Marche che riescono a garantire il 90% delle prestazioni a domicilio agli anziani, e altre che non arrivano al 60%.

«Siamo il Paese più vecchio del mondo insieme al Giappone ed abbiamo una dotazione di servizi sul territorio di assistenza domiciliare che è assolutamente comica – spiega Roberto Bernabei, presidente di Italia Longeva –. Ognuno va per conto proprio e soprattutto ci sono numeri molto bassi in confronto agli altri Paesi sviluppati nel mondo. Da qui il fenomeno delle badanti che è assolutamente italiano. Ma questo problema deve essere superato, deve esserci un’assistenza domiciliare che sia intanto quantitativamente congrua e che abbia regole precise. Occorre formare professionisti, vedere quelle che sono le esperienze migliori sui vari territori per arrivare ad una standardizzazione del sistema. Tutto ciò merita una riflessione comune in una regione che è molto virtuosa come la Lombardia».

«Abbiamo fatto un lungo percorso sull’assistenza domiciliare integrata – aggiunge Giulio Gallera, assessore al Welfare di Regione Lombardia –. Crediamo moltissimo nella capacità di curare il paziente al proprio domicilio, spostando l’attenzione dall’ospedale al territorio. È un percorso molto lungo iniziato nel 2012 che oggi vede più di 100mila lombardi presi in carico presso il proprio domicilio con l’assistenza domiciliare integrata, 200 erogatori del privato sociale ed un investimento di più di 100 milioni, a cui vanno aggiunte le cure palliative domiciliari su cui abbiamo più di 40 milioni in un percorso che è assolutamente crescente. Vogliamo fare in modo che i pazienti vengano presi in carico nel modo migliore possibile. A domicilio costa meno e migliora la qualità della vita del paziente».

Per Donata Bellentani, dirigente del ministero della Salute, esistono due temi fondamentali: la qualificazione delle cure e il tema dell’integrazione socio-sanitaria. «Tutto il sistema deve essere personalizzato – conclude – sulla persona e sulla famiglia, tenendo conto del rapporto con la comunità».

LEGGI ANCHE: FIMMG LOMBARDIA, PARLA IL SEGRETARIO GABRIELLA LEVATO: «CON MALATI CRONICI SERVE INTERDISCIPLINARIETA’. CONTRATTO NAZIONALE SIA ATTENTO A OBIETTIVI DEL TERRITORIO»

Articoli correlati
Farmaci generici, Gallera (Ass. Welfare Lombardia): «Ampliare numero persone che ne fanno uso»
«Tenere insieme un sistema universalistico è ambizioso - spiega l’assessore Giulio Gallera -. Tutte le azioni che riescono a garantire economie di scala e recupero delle risorse sono necessarie» 
Anziani cronici, Bernabei (Italia Longeva): «Un oliato percorso di continuità assistenziale è una forma di efficientamento del sistema e un servizio concreto per il cittadino»
La rete dell’assistenza a lungo termine agli anziani, per funzionare bene, deve disporre di servizi di assistenza domiciliare (ADI) e residenzialità assistita (RSA) adeguati e diffusi sul territorio. Essi rappresentano uno dei pilastri su cui si fondano sostegno e cure offerte agli anziani, eppure risultano ancora carenti rispetto ai 14 milioni di anziani residenti in […]
Carenza medici di famiglia, l’assessore Gallera (Lombardia): «Stiamo lavorando a 350 nuove borse di formazione per il 2019»
Inoltre la figura del medico di medicina generale è stata messa al centro del progetto di gestione delle cronicità attraverso le cooperative di medici. «Un modo per valorizzare la figura del medico di medicina generale che non può essere solo colui che sta in studio», spiega in un’intervista l’assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera
‘Milano taking care’, consigli ed esami per migliorare gli stili di vita. La madrina Susanna Messaggio: «Prevenzione per invecchiare bene»
Nella città meneghina si è svolta la due giorni di esami e consulenze con professionisti della salute. Ruolo fondamentale delle farmacie, Vintani (Federfarma Milano, Monza e Lodi): «Con farmacia dei servizi esami per dare ‘alert’ al paziente». E Doc generici lancia l’avatar Mario per promuovere l’importanza della prevenzione e del monitoraggio della salute con il supporto di nuove tecnologie
di Federica Bosco
Lombardia, sospeso lo stato di agitazione dei sindacati medici. Incontro in Regione fissato per il 24 maggio
«È dal mese di marzo che attendiamo una risposta da Fontana e Gallera, - spiega Danilo Mazzacane CISL Medici - fino ad allora non parteciperemo ad altri incontri. Abbiamo l’esigenza di capire l’indirizzo di Regione Lombardia e far passare ai medici il messaggio su quanto contano per le Istituzioni»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone