Salute 13 Marzo 2019

Assistenza domiciliare privilegio per il 3% degli anziani. Bernabei (Italia Longeva): «Dotazione di servizi comica»

L’analisi presentata dalla rete nazionale sull’invecchiamento e la longevità attiva mostra forti disomogeneità territoriali. L’assessore al Welfare della Lombardia Giulio Gallera svela i segreti della regione, che rientra tra le più virtuose: «Abbiamo 200 erogatori del privato sociale ed un investimento di oltre 100 milioni»

di Federica Bosco
Immagine articolo

L’Italia si conferma un Paese sempre più di anziani, ma solo 3 su 100 hanno possibilità di avere l’assistenza domiciliare. Secondo i dati presentati in Regione Lombardia nell’incontro “La Babele dell’assistenza domiciliare in Italia,” promosso da Italia Longeva, (la rete nazionale sull’invecchiamento e la longevità attiva), nel 2030 ci saranno addirittura 8 milioni di anziani con almeno una malattia cronica grave, di cui 5 milioni disabili. Dati che impongono una riflessione, anche perché dalle due indagini effettuate sull’assistenza domiciliare integrata, che ha coinvolto 35 ATS e 18 regioni, è emersa una evidente disparità nel Paese, con regioni di eccellenza come Lombardia e Marche che riescono a garantire il 90% delle prestazioni a domicilio agli anziani, e altre che non arrivano al 60%.

«Siamo il Paese più vecchio del mondo insieme al Giappone ed abbiamo una dotazione di servizi sul territorio di assistenza domiciliare che è assolutamente comica – spiega Roberto Bernabei, presidente di Italia Longeva –. Ognuno va per conto proprio e soprattutto ci sono numeri molto bassi in confronto agli altri Paesi sviluppati nel mondo. Da qui il fenomeno delle badanti che è assolutamente italiano. Ma questo problema deve essere superato, deve esserci un’assistenza domiciliare che sia intanto quantitativamente congrua e che abbia regole precise. Occorre formare professionisti, vedere quelle che sono le esperienze migliori sui vari territori per arrivare ad una standardizzazione del sistema. Tutto ciò merita una riflessione comune in una regione che è molto virtuosa come la Lombardia».

«Abbiamo fatto un lungo percorso sull’assistenza domiciliare integrata – aggiunge Giulio Gallera, assessore al Welfare di Regione Lombardia –. Crediamo moltissimo nella capacità di curare il paziente al proprio domicilio, spostando l’attenzione dall’ospedale al territorio. È un percorso molto lungo iniziato nel 2012 che oggi vede più di 100mila lombardi presi in carico presso il proprio domicilio con l’assistenza domiciliare integrata, 200 erogatori del privato sociale ed un investimento di più di 100 milioni, a cui vanno aggiunte le cure palliative domiciliari su cui abbiamo più di 40 milioni in un percorso che è assolutamente crescente. Vogliamo fare in modo che i pazienti vengano presi in carico nel modo migliore possibile. A domicilio costa meno e migliora la qualità della vita del paziente».

Per Donata Bellentani, dirigente del ministero della Salute, esistono due temi fondamentali: la qualificazione delle cure e il tema dell’integrazione socio-sanitaria. «Tutto il sistema deve essere personalizzato – conclude – sulla persona e sulla famiglia, tenendo conto del rapporto con la comunità».

LEGGI ANCHE: FIMMG LOMBARDIA, PARLA IL SEGRETARIO GABRIELLA LEVATO: «CON MALATI CRONICI SERVE INTERDISCIPLINARIETA’. CONTRATTO NAZIONALE SIA ATTENTO A OBIETTIVI DEL TERRITORIO»

Articoli correlati
Diabete, anche Milano entra nella rete Cities Changing Diabets. Gallera (Ass. Sanità Lombardia): «Indirizzare cittadini verso corretti stili di vita»
Dopo Roma, anche il capoluogo meneghino entra nelle 19 città a livello globale che aderiscono al progetto. Il programma, che si articolerà su un triennio, prevede diverse fasi: dalla mappatura dei dati epidemiologici alla fotografia dello stato attuale. In Lombardia 550mila diabetici e 150mila malati cronici. Carruba (Comitato esecutivo): «Questo ingresso consentirà all’Italia di contribuire con un significativo volume di dati, avendo le due aree metropolitane quasi 8 milioni di abitanti»
di Federica Bosco
Milano, al Niguarda nasce centro per bambini affetti da ipovisione. Giusy Versace (Forza Italia): «Importante prendersi cura anche delle famiglie»
Tra le patologie più importanti della fascia pediatrica ci sono la cataratta congenita e il glaucoma congenito. Anche l’atleta paraolimpica e parlamentare presente all’inaugurazione del centro. L’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera: «Fondamentale collaborazione tra specialisti e strutture diverse e con i Pediatri di base. È proprio grazie ad un approccio multidisciplinare, infatti, che riusciamo a rispondere in modo efficace ai bisogni di cura dei nostri cittadini»
di Federica Bosco
Spot risarcimenti, Giulio Gallera (Ass. Welfare Lombardia): «Azione sistematica contro i medici allontana i migliori professionisti e danneggia SSN»
L’assessore lombardo parla anche del grande tema dell’autonomia: «Serve a responsabilizzare i territori e a dare una premialità a coloro che sanno gestire al meglio le risorse e fare efficienza». Sulle risorse: «SSN in questi anni ha avuto finanziamenti non adeguati rispetto alle attività che si svolgono. 114 miliardi corrispondono al 6,6 percento del Pil, mentre la media europea è del 8,5%»
di Federica Bosco
Sanità, Giulio Gallera (Ass. Welfare Lombardia): «Siamo primi per capacità di curare, ma investiamo poco. Così medici rischiano tanto»
L’assessore è intervenuto a un convegno per fare il punto sulla riforma sociosanitaria lombarda del 2015. Emilio Fossali, Direttore del Pronto soccorso pediatrico e Presidente della fondazione De Marchi, lancia una proposta per ridurre le liste d’attesa: «Creare un percorso diagnostico terapeutico gestito direttamente da una equipe medica per gli acuti e due diversi reparti di degenza: uno per acuti direttamente collegati al Pronto soccorso e uno per cronici collegato agli ambulatori e al day hospital»
di Federica Bosco
Neonati morti, Ospedale Brescia esclude focolaio infettivo. Al via i lavori della commissione d’inchiesta regionale: indagherà su cartelle cliniche
Entro 30 giorni arriveranno le conclusioni dell’indagine regionale. Sulla vicenda sono in corso altre verifiche: quella della Procura, i Nas e gli ispettori ministeriali. Entro 30 giorni le conclusioni. Il Dg Trivelli: «Non c’è collegamento con focolaio batterico del 2018»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone