Salute 16 Settembre 2020

Antibiotico-resistenza, l’igiene personale e domestica può fare la differenza

Lo studio del Global Hygiene Council: «Migliorando le pratiche igieniche si riducono infezioni e costi per la sanità pubblica. E si combatte la resistenza agli antibiotici»

di Tommaso Caldarelli
Immagine articolo

Il dato è allarmante: in alcuni paesi, entro il 2030, il tasso di resistenza agli antibiotici più comuni dovrebbe assestarsi intorno al 40-60%; ad oggi, il 35% delle principali infezioni è già resistente agli antibiotici. Sono numeri che vengono comunicati in uno studio dal Global Hygiene Council tramite il suo panel di esperti in sanità pubblica e resistenza antibiotica.

ENTRO IL 2050 L’ANTIBIOTICO-RESISTENZA POTREBBE CAUSARE 10 MILIONI DI MORTI

Il fenomeno dell’antibiotico-resistenza viene definito come «uno dei principali pericoli degli anni a venire» in sanità e sarebbe «nelle condizioni di mietere fino a 10 milioni di vittime entro il 2050 se non vengono poste in essere delle azioni decise». Gli esperti del GHC, per intervenire su questa emergenza, «chiedono che vengano revisionate le pratiche di igiene nelle abitazioni dei cittadini e nella vita quotidiana, per assicurarsi che esse siano efficaci e tarate sugli urgenti problemi di salute pubblica che ci troviamo ad affrontare».

COSA C’ENTRA L’IGIENE CON L’ANTIBIOTICO-RESISTENZA

Pare infatti, scrivono gli esperti GHC, che «una migliore igiene nelle nostre case e nella nostra vita quotidiana giochi un ruolo essenziale nell’affrontare il problema dell’antibiotico-resistenza». Come? «L’igiene previene l’antibiotico-resistenza in due modi – spiegano gli esperti -. Prevenendo le infezioni, così da ridurre il bisogno di assumere antibiotici da un lato; dall’altro impedendo che le persone diffondano infezioni che sono antibiotico-resistenti».

Si tratta di pratiche comuni che però, se correttamente implementate, possono fare la differenza: «Uno studio ha dimostrato che migliorare l’igiene delle mani in un gruppo di bambini in un centro diurno può ridurre il bisogno di antibiotici per le infezioni respiratorie comuni fino al 30%».

Quanto consigliato dal GHC ha a che fare, sostanzialmente, con un cambio di approccio nell’igiene domestica. Non serve una maniacalità nella pulizia della casa, serve piuttosto quello che viene definito un “Targeted hygiene approach”. Spiega la professoressa Sally Bloomfield, esperta di salute pubblica: «Dobbiamo concentrarci sui tempi e sui luoghi in cui i microbi dannosi si diffondono con maggiore probabilità, non solo per limitare la diffusione del coronavirus, ma anche per contribuire ad arginare l’antibiotico-resistenza». Ed il fenomeno involontario di educazione collettiva conseguente al Covid-19, che ha portato tutti ad esempio ad imparare l’importanza di avere le mani pulite, può essere di grande aiuto in questa fase.

CON CORRETTA IGIENE DIMEZZATI RAFFREDDORI E INFLUENZE

Una corretta pratica igienica, si legge infatti nel manifesto diffuso dal Global Hygiene Council, è in grado di fermare malattie «ad alto impatto comunitario» come «raffreddori, influenze, infezioni gastrointestinali, infezioni della pelle, diarrea». L’80% dei casi di salmonella si contrae fra le mura domestiche. Un’igiene attenta può ridurre del 50% questo tipo di patologie. Fra l’altro, conclude il materiale messo a disposizione dal GHC, un’aumentata attenzione all’igiene personale e domestica può far risparmiare fino a 138 milioni di dollari «solo negli Stati Uniti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Antibiotico-resistenza, alla Camera mozione per contrasto. Nappi (M5S): «Fenomeno da arginare, approvare subito Ddl»
Il Governo viene impegnato, tra le altre cose, anche a un programma di formazione continua degli operatori sanitari sul tema e al contrasto della vendita illegale di prodotti antimicrobici
Infezioni oculari, Aimo: «L’87% degli stafilococchi sono resistenti agli antibiotici»
A Palazzo Giustiniani il convegno organizzato da Aimo e Associazione "G. Dossetti". «Dobbiamo attenerci alle indicazioni fornite dall’OMS - ha sottolineato Stefano Baiocchi di AIMO - e seguire i colleghi europeei che ricorrono sempre più spesso ai disinfettanti. Deve cambiare il nostro approccio alla prevenzione»
Lotta alle infezioni in ospedale, Andreoni (TorVergata): «Servono interventi mirati sull’uso degli antibiotici»
L’Organizzazione Mondiale della Sanità, oltre a promuovere la corretta aderenza alle norme igieniche preventive stabilite, ha enfatizzato qualche giorno fa la necessità di sviluppare nuovi antibiotici
Infezioni correlate all’assistenza e lotta all’antibiotico resistenza, da Napoli la call for ideas per adottare linee guida nazionali
Le infezioni correlate all’assistenza ospedaliera (ICA) sono sempre più causate da batteri resistenti e rappresentano la prima causa di morte per infezioni nel nostro Paese. L’incontro, presso l’ospedale “Antonio Cardarelli” di Napoli, ha acceso i riflettori sull’importanza di una corretta gestione del rischio clinico e del necessario coinvolgimento attivo del paziente nel processo di informazione e prevenzione.
Carne trattata da ormoni e antibiotici? Una fake news smentita dagli esperti
«Da oltre 20 anni gli ormoni non vengono utilizzati nella carne italiana e in Europa», mentre per gli antibiotici «la regolamentazione è molto ferrea». Le precisazioni della biologa e nutrizionista Elisabetta Bernardi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 18 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto