Salute 23 Settembre 2020 17:22

Influenza, no ai vaccini somministrati in farmacia. Speranza: «Test antigenici anche a scuola. Per i salivari verifiche in corso»

Approvate le mozioni Carnevali e Gelmini per la distribuzione dei vaccini antinfluenzali. Il ministro al question time su test rapidi e loro implementazione

Influenza, no ai vaccini somministrati in farmacia. Speranza: «Test antigenici anche a scuola. Per i salivari verifiche in corso»

Novità sui vaccini e promesse per nuovi test a scuola. Questa mattina la Camera ha approvato due mozioni sul vaccino anti-influenzale e, dal question time pomeridiano, il ministro della Salute Roberto Speranza ha parlato di nuove soluzioni. La mozione di maggioranza, con la prima firma di Elena Carnevali, vede l’ottenimento di una dotazione adeguata di vaccini anti-influenzali per le Regioni e la loro distribuzione da parte di medici di medicina generale e pediatri. La mozione di minoranza, a firma Gelmini, è stata approvata parzialmente: rifiutata la parte che voleva permettere la somministrazione anche alle farmacie.

LA MOZIONE CARNEVALI

La Camera dei Deputati ha detto sì alla mozione Carnevali, approvandone per intero il contenuto previsto. Le Regioni dovranno poter assicurare l’approvvigionamento dei vaccini anti-influenzali per medici di medicina generale e pediatri di libera scelta, nonché per la fornitura nelle farmacie. Il tutto in tempi utili per raggiungere gli obbiettivi annuali di copertura: nello specifico promuovendo la copertura vaccinale per le persone fragili e per la popolazione delle residenze sanitarie assistite e valutando l’opportunità di estendere la gratuità del vaccino per il 2020 nei livelli essenziali di assistenza (Lea).

LA MOZIONE GELMINI

La mozione Gelmini, approvata parzialmente, allo stesso modo è volta ad assicurare la copertura vaccinale più alta possibile con il coinvolgimento di tutte le figure chiave: dai medici alle associazioni dei malati. Inoltre, intende raccomandare fortemente la vaccinazione per le professioni sanitarie e socio-sanitarie e per i soggetti tra 60 e 64 anni, nonché ad autorizzare l’Istituto Superiore di Sanità ad effettuare un monitoraggio sia per l’influenza che per Covid-19, al fine di mantenere sempre alta la sorveglianza.

Cancellata, invece, la parte che invitava alla somministrazione del vaccino anti-influenzale da parte di medici nelle farmacie che garantiscono spazi adeguati. La proposta è stata sottoposta a votazione separata e non è stata accolta.

INVESTIMENTI SULLA TELEMEDICINA

Durante il question time, Speranza ha ascoltato le deputate Fabiola Bologna (Misto) e Giuditta Pini (Pd), riguardo due importanti aspetti dell’evoluzione del Sistema sanitario nazionale. Il primo riguardante la sostituzione, in vista dei finanziamenti per il Recovery Plan, del parco tecnologico ospedaliero e non. «Il tema è decisivo e incrocia uno degli assi principali del nuovo Ssn – ha detto il ministro -. Per la prima volta potremmo fare una riforma in un tempo in cui ci sono più risorse. Condivido l’idea che Covid-19 ci abbia costretto a recuperare il terreno sul digitale nella sanità. Prossimità ora sarà la parola chiave: declinata nell’avere un medico o un infermiere che viene a casa tua, ma anche in un Ssn che si fa carico del paziente attraverso le nuove tecnologie. Se il Ssn riesce a entrare nel cellulare di una persona ha un grado significativo di prossimità. Investiremo su teleassistenza e telemedicina, e su un nuovo piano per sostituire apparecchiature obsolete con un intervento omogeneo su tutto il territorio nazionale».

TEST SALIVARI RAPIDI, QUANDO?

Da Pini, invece, è arrivata una richiesta di chiarimento sullo sviluppo di test rapidi salivari per l’utilizzo nelle scuole, in quanto pratica meno invasiva del tampone. «Siamo al lavoro come comunità mondiale – ha risposto Speranza – verso il vaccino, ma per alcuni mesi dovremo ancora resistere nella battaglia per contenere questo virus. Ad oggi tutti riconoscono come gold standard il tampone molecolare. Siamo arrivati a oltre 100 mila tamponi al giorno in Italia e aumenteremo ancora. La scienza ci ha offerto nuovi strumenti: il 13 di agosto abbiamo dato via libera a test antigenici negli aeroporti, dopo un mese i risultati sono incoraggianti e la valutazione è di usarli anche fuori dagli aeroporti. Con le scuole si va in questa direzione».

«Non ci accontentiamo, stiamo continuando a sperimentare ciò che si muove. I test salivari sono segnalati come potenzialmente efficaci da riviste scientifiche, e il procedimento è molto meno invasivo. Ma abbiamo bisogno – ha concluso – di un processo di valutazione completo da parte delle autorità. L’esigenza di correre va tenuta insieme all’esigenza che siano sicuri. Dobbiamo avere fiducia nella scienza».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Riaperture, la road map del Governo: dal 26 aprile tornano le zone gialle. Priorità a scuole e attività all’aperto
La conferenza stampa di Draghi e Speranza: «Ci assumiamo rischio ragionato. Se misure verranno rispettate possibilità di tornare indietro sarà bassissima»
Covid-19, Speranza: «Riaperture graduali con responsabilità e prudenza. Grazie a vaccini in arrivo nuova fase»
L'informativa del Ministro della Salute alla Camera: «Entro giugno arriveranno 42 milioni di vaccini, tutti efficaci e sicuri. Gli eventi avversi registrati sono numericamente molto ridotti. In UK su 600mila seconde dosi di AstraZeneca somministrate nessun effetto collaterale»
Minacce a Speranza, quattro indagati. La solidarietà dal mondo sanitario
Il ministro della Salute Roberto Speranza ha ricevuto minacce molto gravi dallo scorso ottobre. Sono quattro i cittadini indagati dai 35 ai 55 anni, ora perquisiti dai Nas
Quarantena e tampone obbligatorio per chi viaggia in Ue
Il ministro Speranza ha firmato una nuova ordinanza per chi viaggia nei paesi Ue. Doppio tampone e quarantena di cinque giorni
Distribuzione dei farmaci, interrogazione del Pd a Speranza: «Pazienti fragili a rischio, perché non applicare norme Dl Rilancio?»
In una interrogazione a prima firma Vito De Filippo si segnala anche che l’accesso l'accesso con modalità Spid ai piani terapeutici Aifa web based ha complicato la vita dei pazienti cronici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 aprile, sono 143.863.870 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.058.640 i decessi. Ad oggi, oltre 928,68 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...