Salute 23 Settembre 2020

Influenza, no ai vaccini somministrati in farmacia. Speranza: «Test antigenici anche a scuola. Per i salivari verifiche in corso»

Approvate le mozioni Carnevali e Gelmini per la distribuzione dei vaccini antinfluenzali. Il ministro al question time su test rapidi e loro implementazione

Immagine articolo

Novità sui vaccini e promesse per nuovi test a scuola. Questa mattina la Camera ha approvato due mozioni sul vaccino anti-influenzale e, dal question time pomeridiano, il ministro della Salute Roberto Speranza ha parlato di nuove soluzioni. La mozione di maggioranza, con la prima firma di Elena Carnevali, vede l’ottenimento di una dotazione adeguata di vaccini anti-influenzali per le Regioni e la loro distribuzione da parte di medici di medicina generale e pediatri. La mozione di minoranza, a firma Gelmini, è stata approvata parzialmente: rifiutata la parte che voleva permettere la somministrazione anche alle farmacie.

LA MOZIONE CARNEVALI

La Camera dei Deputati ha detto sì alla mozione Carnevali, approvandone per intero il contenuto previsto. Le Regioni dovranno poter assicurare l’approvvigionamento dei vaccini anti-influenzali per medici di medicina generale e pediatri di libera scelta, nonché per la fornitura nelle farmacie. Il tutto in tempi utili per raggiungere gli obbiettivi annuali di copertura: nello specifico promuovendo la copertura vaccinale per le persone fragili e per la popolazione delle residenze sanitarie assistite e valutando l’opportunità di estendere la gratuità del vaccino per il 2020 nei livelli essenziali di assistenza (Lea).

LA MOZIONE GELMINI

La mozione Gelmini, approvata parzialmente, allo stesso modo è volta ad assicurare la copertura vaccinale più alta possibile con il coinvolgimento di tutte le figure chiave: dai medici alle associazioni dei malati. Inoltre, intende raccomandare fortemente la vaccinazione per le professioni sanitarie e socio-sanitarie e per i soggetti tra 60 e 64 anni, nonché ad autorizzare l’Istituto Superiore di Sanità ad effettuare un monitoraggio sia per l’influenza che per Covid-19, al fine di mantenere sempre alta la sorveglianza.

Cancellata, invece, la parte che invitava alla somministrazione del vaccino anti-influenzale da parte di medici nelle farmacie che garantiscono spazi adeguati. La proposta è stata sottoposta a votazione separata e non è stata accolta.

INVESTIMENTI SULLA TELEMEDICINA

Durante il question time, Speranza ha ascoltato le deputate Fabiola Bologna (Misto) e Giuditta Pini (Pd), riguardo due importanti aspetti dell’evoluzione del Sistema sanitario nazionale. Il primo riguardante la sostituzione, in vista dei finanziamenti per il Recovery Plan, del parco tecnologico ospedaliero e non. «Il tema è decisivo e incrocia uno degli assi principali del nuovo Ssn – ha detto il ministro -. Per la prima volta potremmo fare una riforma in un tempo in cui ci sono più risorse. Condivido l’idea che Covid-19 ci abbia costretto a recuperare il terreno sul digitale nella sanità. Prossimità ora sarà la parola chiave: declinata nell’avere un medico o un infermiere che viene a casa tua, ma anche in un Ssn che si fa carico del paziente attraverso le nuove tecnologie. Se il Ssn riesce a entrare nel cellulare di una persona ha un grado significativo di prossimità. Investiremo su teleassistenza e telemedicina, e su un nuovo piano per sostituire apparecchiature obsolete con un intervento omogeneo su tutto il territorio nazionale».

TEST SALIVARI RAPIDI, QUANDO?

Da Pini, invece, è arrivata una richiesta di chiarimento sullo sviluppo di test rapidi salivari per l’utilizzo nelle scuole, in quanto pratica meno invasiva del tampone. «Siamo al lavoro come comunità mondiale – ha risposto Speranza – verso il vaccino, ma per alcuni mesi dovremo ancora resistere nella battaglia per contenere questo virus. Ad oggi tutti riconoscono come gold standard il tampone molecolare. Siamo arrivati a oltre 100 mila tamponi al giorno in Italia e aumenteremo ancora. La scienza ci ha offerto nuovi strumenti: il 13 di agosto abbiamo dato via libera a test antigenici negli aeroporti, dopo un mese i risultati sono incoraggianti e la valutazione è di usarli anche fuori dagli aeroporti. Con le scuole si va in questa direzione».

«Non ci accontentiamo, stiamo continuando a sperimentare ciò che si muove. I test salivari sono segnalati come potenzialmente efficaci da riviste scientifiche, e il procedimento è molto meno invasivo. Ma abbiamo bisogno – ha concluso – di un processo di valutazione completo da parte delle autorità. L’esigenza di correre va tenuta insieme all’esigenza che siano sicuri. Dobbiamo avere fiducia nella scienza».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Tamponi rapidi e diagnostica di primo livello facilitati per MMG e pediatri: approvato atto di indirizzo
Caparini (Comitato settore Regioni-sanità): «La grave situazione emergenziale che il Paese sta affrontando impone una risposta tempestiva ed adeguata dell’assistenza territoriale»
Epatite C, interrogazione Rostan (IV) al ministro Speranza: «Calo trattamenti del 65% causa Covid. Approvare Fondo per il contrasto a HCV»
«Non può essere tollerato, anche di fronte a un’emergenza grave come quella che stiamo vivendo, che esistano malati di serie A e malati di serie B» sottolinea la Vicepresidente della Commissione Affari Sociali Michela Rostan
Il Cdm approva proroga dello stato di emergenza e mascherine obbligatorie all’aperto
Anche il Cdm dice sì allo stato di emergenza fino a gennaio 2021. Prorogato il Dpcm Settembre fino al 15 ottobre, mascherine all'aperto da subito
Recovery Fund, i piani di Speranza corrispondono alle richieste dei protagonisti della sanità?
Sul Recovery Fund c'è un progetto diviso in cinque tappe fondamentali di cui il ministro Speranza parla da mesi. Sanità Informazione ha confrontato le richieste dei protagonisti della sanità e verificato corrispondenze e discrepanze
Giornata delle persone anziane. Mattarella: «Sgomento per le tante morti»
1 ottobre dedicato agli anziani. Il presidente Mattarella e il ministro Speranza invitano a non dimenticarli e a prendersene cura
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 ottobre, sono 43.514.678 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.159.708 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare