Salute 23 Settembre 2020 16:47

Test salivari per Covid-19, Andreoni (Tor Vergata): «Rapidi, semplici e meno invasivi, sono ideali per le scuole»

«Ad oggi non esistono test efficaci al 100% – ha spiegato a Sanità Informazione -. I test salivari hanno sensibilità ridotta rispetto al tampone, ma se funzionano al 90-95% possiamo ritenerci soddisfatti. Validi soprattutto in campagne di screening in aeroporto e nelle scuole»

Test salivari per Covid-19, Andreoni (Tor Vergata): «Rapidi, semplici e meno invasivi, sono ideali per le scuole»

Veloci e poco invasivi nell’ambito dell’attività di screening. Oltre ai test molecolari (il tampone classico) e antigenici (rapidi), i test salivari si fanno strada per rintracciare i soggetti positivi al coronavirus. La Regione Lazio attende solo il via libera alla validazione da parte dell’Istituto delle Malattie Infettive Spallanzani di Roma che dovrebbe arrivare entro la fine della settimana, come ha dichiarato il direttore sanitario Francesco Vaia a Radio Uno. Ottenuto il nullaosta, i test salivari si potranno utilizzare per intervenire nelle scuole e nei nuovi focolai. Ma cosa sono, come funzionano e quanto sono attendibili questi test per la ricerca del Sars-Cov-2? Le risposte sono arrivate dal professor Massimo Andreoni, direttore del reparto di Malattie Infettive dell’Università di Tor Vergata e direttore scientifico Simit (Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali).

TAMPONE RINOFARINGEO E TEST SALIVARE: LE DIFFERENZE

«I dati della letteratura internazionale – ha spiegato il professor Andreoni a Sanità Informazione – ci dicono che i test salivari sono attendibili, anche se hanno una sensibilità poco minore rispetto al test classico molecolare, il tampone rinofaringeo. Il tampone si effettua in quattro ore: se ne indicano 24 perché il sistema lo deve processare e i tempi di attesa sono legati al fatto che l’indagine è abbastanza laboriosa e si aspetta di avere un numero sufficiente di tamponi prima di procedere con l’analisi. I test rapidi – ha continuato il professore – hanno una gestione tecnica del materiale che è molto più semplice di quello biomolecolare che richiede apparecchiature più sofisticate. Tuttavia, devono essere effettuati sempre da un operatore, da una persona addestrata all’esecuzione perché non richiedono una preparazione altamente qualificata ma specifica. Lo può fare anche una persona diversa dal tecnico ma chi lo fa deve essere stato istruito a farlo correttamente».

COME FUNZIONANO I TEST SALIVARI

I test con la saliva funzionano come un test di gravidanza, indicano la positività o la negatività: due linee è positivo, una è negativo. «Non è in grado di leggere il soggetto “molto “o “poco” positivo – ha specificato Andreoni – ma non ha rilevanza clinica perché per noi si tratta sempre di un soggetto infetto. La saliva viene utilizzata nei test rapidi anche per ricercare altre infezioni virali, come l’epatite C – ha proseguito Andreoni -. È un sistema molto più semplice rispetto alla raccolta del sangue o alla puntura del dito. Per quanto riguarda il Covid-19, il test rapido con puntura del dito lo utilizziamo per ricercare gli anticorpi e non il virus».

GLI SCREENING DI MASSA

«Attendiamo la validazione dello Spallanzani, ma certamente il tampone salivare può essere un test valido ed efficace in campagne di screening come il test effettuato in aeroporto o nelle scuole, in cui evidentemente la raccolta di un campione salivare potrebbe essere molto più semplice rispetto ai tamponi che sono più invasivi» ha specificato Andreoni.

L’ATTENDIBILITÀ DEI TEST SALIVARI

I test salivari possono rintracciare circa il 90% delle positività: «Dobbiamo dare per scontato che possa sfuggire qualche soggetto positivo con carica virale molto bassa, avendo sensibilità ridotta rispetto a quello molecolare, ma se il test funziona al 90-95% possiamo ritenerci soddisfatti. C’è da dire, inoltre, che anche il tampone non è affidabile al 100%, lascia scappare qualche persona positiva, a volte servono 4-5 tamponi per dimostrare la positività. Nella pratica clinica noi l’abbiamo visto, ci sono soggetti con quadro clinico fortemente riconducibile al Covid con un primo tampone negativo; non ci fermiamo al primo esame per dire che effettivamente non lo è, siamo costretti a farne un certo numero e a volte un bronco lavaggio per essere sicuri. Ad oggi non esistono test che forniscano al 100% la certezza di positività» ha concluso.

 

iscriviti alla newsletter di sanità informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sabato screening gratuiti in piazza, l’iniziativa dell’Inrc per la salute del cuore
L’Istituto Nazionale per le Ricerche Cardiovascolari porta in piazza l’iniziativa Sabato della Salute. Dal 5 marzo un camper con attrezzature per ECG e personale medico effettuerà screening cardiologici gratuiti alla popolazione di 7 comuni del Centro Italia
«Stop ai tamponi per sanitari vaccinati, screening su popolazione a rischio». Le raccomandazioni della SItI per il post
Snellire e calibrare il contact tracing, allontanare da scuola solo alunni malati «ma distanziamento e mascherine restino»
Covid e scuole, il Report Gimbe: «Troppo rischioso abbandonare la mascherina»
La Fondazione pubblica un nuovo report con una sintesi delle evidenze scientifiche sull’efficacia degli interventi per migliorare la sicurezza Covid-19 nelle scuole. Le priorità: aumentare coperture vaccinali, non abbandonare la mascherina, potenziare screening e investire su aerazione e ventilazione
Salvare i nonni colpiti dall’Ictus si può con Fast Heroes
Al via nelle scuole primarie milanesi, in collaborazione con l’’associazione A.L.I.Ce, il progetto che insegna ai bambini delle scuole primarie a riconoscere i sintomi e ad attivare il numero di emergenza
di Federica Bosco
Covid, Gimbe: «Scendono ancora nuovi casi e ricoveri. Misure insufficienti nelle scuole»
Il monitoraggio settimanale della Fondazione Gimbe conferma un ulteriore calo di tutte le curve, ad eccezione dei decessi che si confermano stabili. L’esitazione vaccinale persiste negli over 50 e frena la fascia 12-19: 1,5 milioni di ragazzi non hanno ancora ricevuto nemmeno una dose di vaccino
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 maggio, sono 521.544.720 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.264.094 i decessi. Ad oggi, oltre 11,40 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...