Salute 23 Giugno 2020 10:06

Covid-19: farmaco antiepatite C potrebbe bloccare il virus. L’intuizione e gli studi iniziali a Napoli e Caserta

In base ad osservazioni cliniche preliminari l’assunzione di una compressa che contiene l’associazione precostituita di due principi attivi sofosbuvir/velpatasvir bloccherebbe la replicazione del Sars-CV-2. Vediamo come con Antonio Izzi, infettivologo del Cotugno di Napoli, e Vincenzo Messina, infettivologo del S. Anna e San Sebastiano di Caserta

Covid-19: farmaco antiepatite C potrebbe bloccare il virus. L’intuizione e gli studi iniziali a Napoli e Caserta

I pazienti affetti da infezione da Sars-CoV2 hanno avuto un decorso clinico decisamente favorevole e breve a seguito dell’assunzione di un farmaco antiepatite C. Sono i risultati dell’osservazione casuale realizzata durante l’epidemia nella rete epatologica ospedaliera italiana, ma non può essere un “caso”. Ne sono convinti il dottor Antonio Izzi, dirigente medico della Prima UOC di Malattie Infettive e Terza Divisione Covid dell’ospedale Cotugno di Napoli, e il dottor Vincenzo Messina, infettivologo della UOC malattie infettive al S. Anna e San Sebastiano di Caserta che, intervistati da Sanità Informazione, rivendicano gli effetti del trattamento e chiedono di poter partire con una sperimentazione autorizzata ad ampio raggio.

LEGGI ANCHE: COVID-19, STOP AI TRIAL SU IDROSSICLOROCHINA E TOCILIZUMAB. GLI ANNUNCI DI OMS E AIFA

«Nella comune pratica clinica, nell’ambito della rete epatologica ospedaliera italiana, abbiamo osservato nei pazienti con infezione da HCV in terapia con l’associazione sofosbuvir/velpatasvir e che avevano contratto la infezione da SARS- CoV 2, un decorso breve, oligosintomatico e con negativizzazione del tampone in pochi giorni», spiega Messina.

«La terapia – aggiunge Izzi – si basa sull’associazione di due principi attivi che si trovano in un’unica pillola per l’epatite C: il velpatasvir e il sofosbuvir. Entrambi i farmaci hanno una potente azione sul ciclo biologico del virus dell’epatite C e, per quanto riguarda il SARS-CoV-2, si è visto in modelli tridimensionali sperimentali che velpatasvir è in grado di bloccare in maniera stechiometrica due siti attivi all’interno di due polipeptidi contenuti nell’ambito della proteasi virale, mentre sofosbuvir agirebbe successivamente bloccando la catena nascente dell’RNA complementare a quello template a livello del sito attivo della polimerasi virale, sfruttando la caratteristica che la conformazione spaziale della polimerasi di SARS-CoV-2 è molto simile a quella del virus dell’epatite C. Se i dati venissero confermati, rappresenterebbe l’unico farmaco antivirale in circolazione che riuscirebbe a bloccare il virus agendo prima sulla proteasi e poi sulla polimerasi: in un solo colpo, due bersagli». La sperimentazione off label al Cotugno è stata quindi da poco autorizzata per l’impiego clinico sul primo paziente.

LEGGI ANCHE: RECOVERY TRIAL, UNO STEROIDE MOLTO COMUNE IN FARMACIA PREVIENE LA MORTE DEI CASI PIÙ GRAVI DI COVID-19

«L’evidenza casuale rilevata in pazienti che in periodo pandemico avevano contratto il Covid-19 è stata formidabile e ci ha sconvolto per la rapidità d’azione – prosegue il dottor Messina -. I pazienti affetti da SARS-CoV-2 che hanno fatto la terapia antiepatite C hanno evidenziato una soppressione della replicazione di Covid-19 entro i primi 5 giorni con la negativizzazione del tampone – metro di giudizio della contagiosità – in pochissimi giorni. Trasferire questa esperienza di cura nei pazienti all’inizio dell’infezione significa non far scatenare la tempesta citochinica ed evitare che diventino malati e abbiano bisogno di altre terapie: potrebbe essere risolutiva».

«La terapia somministrata in alcuni soggetti con contemporanea infezione da HCV ha consentito che la malattia da SARS-CoV-2 in fase iniziale non evolvesse in modo più severo – puntualizza Izzi -. Ma non è tutto: i primi dati preliminari in alcuni centri situati in varie parti d’Italia, sono molto promettenti anche in pazienti non HCV infetti che avevano difficoltà ad eliminare il SARS-CoV-2 dopo uno-tre mesi dall’inizio dell’infezione. L’utilizzo dell’antivirale ha portato alla negativizzazione del tampone, nel giro anche di soli tre giorni. Di questo, abbiamo già qualche caso clinico raccolto nell’ambito di realtà infettivologiche diverse».

Inoltre, si tratta di un farmaco sicuro, «somministrato ad oltre 1 milione di persone in tutto il mondo per l’epatite C ed è l’unico che può essere utilizzato attualmente nella cirrosi scompensata perché ben tollerato dai pazienti più fragili» specifica l’infettivologo.

Tuttavia, gli ostacoli incontrati dai due medici per procedere con le sperimentazioni non sono pochi: «Siamo stati i primi in assoluto ad aver promosso questa terapia e successivamente in altre parti del mondo sono partite sperimentazioni utilizzando questa combinazione – ricorda Messina -. Per ben due volte abbiamo quindi inoltrato alla casa produttrice un protocollo per uno studio pilota con una robusta letteratura a supporto ma, oltre a commenti telefonici, non abbiamo mai avuto una risposta scritta e motivata del verbalmente riferito diniego. Lo stesso è accaduto per analoga richiesta formulata per un uso “off label” individuale, che come clinici non possiamo attivare senza le dovute autorizzazioni perché prevedono una fornitura gratuita del farmaco da parte del produttore o un acquisto dello stesso con oneri a carico della A.O. o ASL che ne decidesse l’impiego».

«Le normative che regolano l’impiego dei farmaci anti HCV e le modalità di rimborso del loro costo non ne consentono un facile accesso – prosegue Messina -. Questi farmaci accessibili a prezzo moderato nell’ambito della cura della epatite da HCV, risultano invece inaccessibili se comprati in canale diretto. Altro percorso possibile sarebbe la sperimentazione, ma anche questa risulta irrealizzabile senza una fornitura gratuita o tracciabile del farmaco. Ci resta l’amarezza di aver compreso, individuato, osservato l’efficacia anti Covid-19 di un farmaco antivirale dotato di straordinaria sicurezza, a somministrazione orale e gestibile al domicilio e non poterlo verificare su più ampia scala» conclude.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Ritardi, iniziative legali e l’equivoco “dose” e “fiala” tra Ue e Pfizer
Perché Pfizer sta consegnando meno vaccini del previsto? Che risvolti avrà questo ritardo sul piano vaccinale italiano? Conte: «Le notizie che arrivano sono preoccupanti». Ma il viceministro alla Salute Sileri è ottimista
Un terzo dosi vaccino a personale non sanitario. Sileri: «Se sono “imbucati” intervengano le autorità giudiziarie»
L’allarme è stato lanciato dal presidente Fnomceo Anelli: «Gli amministrativi hanno diritto ad essere vaccinati, ma se il programma vaccinale procede per valori di rischio, allora è inaccettabile che medici e operatori sanitari siano stati esclusi»
Covid-19, professionisti sanitari sotto stress. Perciballi (FNO TSRM e PSTRP): «Un convegno per diffondere i contenuti del protocollo con CNOP»
Il 26 gennaio sarà presentato in diretta streaming sul canale Youtube dell’Ordine degli Avvocati di Roma il protocollo d’intesa tra l’Ordine degli Psicologi (CNOP) e la Federazione delle professioni sanitarie (FNO TSRM PSTRP). Tra gli ospiti Federico Gelli e l’ex ministro della Salute Beatrice Lorenzin
Covid, 300 i medici caduti. Anelli (Fnomceo): «Basta chiamarci eroi, chiediamo rispetto. Vaccinare ora tutti i medici»
«È inaccettabile vedere persone che non svolgono un'attività così rischiosa essere sottoposte al vaccino e osservare una larga parte della professione medica non ancora vaccinata - constata Anelli -. A tutti i medici va garantita la vaccinazione, senza distinguo inutili e ingiusti»
Quando il lavoro diventa una malattia: cos’è il workaholism e perché è aumentato con lo smart working
Algeri (psicoterapeuta): «Perfezionisti, persone orientate al successo e soggetti con atteggiamenti compulsivi sono più a rischio di dipendenza da lavoro. Con le misure restrittive, imposte per contenere la pandemia, è più difficile spostare l’attenzione su altre attività e liberarsi dal workaholism»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 gennaio, sono 99.225.963 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.130.179 i decessi. Ad oggi, oltre 64,02 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»