Voci della Sanità 29 Luglio 2020 12:08

Telemedicina, passo avanti della Conferenza delle Regioni. Bologna (Misto): «Inserirla nei LEA e predisporre formazione ad hoc per i medici»

«Sono sicura che con la collaborazione tra istituzioni e professionisti nei Tavoli di Lavoro si possa trovare una strada comune a vantaggio dei pazienti e nel rispetto del Codice Deontologico» sottolinea il medico e parlamentare del Gruppo Misto

«É stato redatto un documento con le proposte di erogazione delle prestazioni di specialistica ambulatoriale a distanza valido per tutte le Regioni e le Provincie Autonome di Trento e Bolzano. La telemedicina deve entrare nei Livelli Essenziali di Assistenza come forma di assistenza sanitaria con rendicontazione e tariffazione e richiede una formazione specifica per il medico che la esercita!». Così in un post Facebook la deputata Fabiola Bologna (Gruppo Misto), medico e membro della Commissione Affari Sociali della Camera. 

Bologna spiega che sono attuabili tre modalità di erogazione: 

TELEVISITA: il medico interagisce a distanza con il paziente con l’eventuale supporto di un caregiver; 

TELECONSULTO: si danno indicazioni di diagnosi e terapia senza la presenza fisica del paziente, è un consulto tra medici;

TELECOOPERAZIONE: l’assistenza fornita da un medico o da un operatore sanitario a un collega mentre compie un atto sanitario.

«La visita in Telemedicina – continua la Parlamentare – è consigliata in tutte quelle situazioni dove il primo contatto con il paziente di persona c’è già stato e vi è una relazione di fiducia, non è consigliata per patologia acuta!». 

1) FOLLOW UP/CONTROLLO per patologia nota; 

2) PDTA formalizzato in Azienda, o a livello regionale; 

3) MONITORAGGIO, conferma, aggiustamento, o cambiamento della terapia in corso;

4) VALUTAZIONE ANAMNESTICA per la prescrizione di esami di diagnosi, o di stadiazione di patologia nota, o sospetta;

5) SPIEGAZIONE da parte del medico, degli esiti di esami di diagnosi o stadiazione effettuati, cui può seguire la prescrizione di eventuali approfondimenti, o di una terapia.

«Anche l’Istituto Superiore di Sanità sta predisponendo un documento sul tema della gestione della telemedicina –conclude Bologna -. Sono sicura che con la collaborazione tra istituzioni e professionisti nei Tavoli di Lavoro si possa trovare una strada comune a vantaggio dei pazienti e nel rispetto del Codice Deontologico. Con il mio impegno come Parlamentare e Medico su questo tema cercherò di portare un contributo alla evoluzione digitale della Sanità italiana!». 

Articoli correlati
Lea, Veneto sul podio. Lanzarin: «Puntiamo al massimo dei voti. Cesarei e vaccino influenza le criticità su cui investire»
Pubblicata dal Ministero della Salute la griglia di valutazione dei Livelli essenziali di assistenza del 2019. Al top con il Veneto, Toscana ed Emilia-Romagna. Insufficienti Bolzano, Molise, Calabria e Sardegna
di Isabella Faggiano
Ossido di etilene nelle sacche per la nutrizione artificiale, Bologna (CI) presenta interrogazione
L'Associazione famiglie disabili lombarde ha rivolto una lettera ai ministeri della Salute e della Disabilità, rappresentando i rischi per la salute derivanti dal suo utilizzo per la sterilizzazione delle sacche per la nutrizione artificiale
Nuovo Sistema Garanzia LEA, Aceti (Salutequità): «Nel 2019 sei Regioni inadempienti e troppe disuguaglianze»
L’analisi di Salutequità sui risultati del Nuovo Sistema di Garanzia dei LEA (NSG) del Ministero della Salute. «Pubblicare subito i dati 2020 e fare scelte giuste con prossima Legge di Bilancio»
Decreto Green Pass, Bologna (Coraggio Italia): «Aprire tavolo ministeriale di confronto tra le professioni sanitarie per evitare tensioni»
«Ho chiesto al sottosegretario Costa come rappresentante del Ministero della Salute e del Governo l’apertura di un tavolo ministeriale di confronto tra le professioni sanitarie per trovarci preparati e coordinati alla sfida dei progetti del PNRR che guardano ad una Sanità con processi multidisciplinari e coordinati. Dobbiamo evitare tensioni tra professionisti del settore Sanitario che […]
Medici, Bologna (Coraggio Italia): «Evitare task shifting per meri fini economici, fondamentale monitoraggio dei risultati»
«Il Pnrr Salute potrà funzionare solo se si riparte dalle competenze professionali sanitarie che si acquisiscono durante il percorso universitario». Lo afferma la deputata di Coraggio Italia Fabiola Bologna, oggi all’incontro con l’intersindacale ‘Alleanza per la professione medica’, alla presenza del ministro Roberto Speranza. «Bisogna evitare il task shifting per meri fini economici- aggiunge- affinché […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco