Salute 18 Settembre 2018 11:27

Alzheimer, Rossini (Gemelli): «Fondamentale diagnosi precoce, solo così si può rallentare malattia»

Il direttore dell’Area Neuroscienze del Policlinico romano spiega: «Nuovi farmaci in sperimentazione potranno avere successo perché testati nelle fasi prodromiche della malattia». Poi elogia tecnologia: «Supporto non secondario per i pazienti»

Alzheimer, Rossini (Gemelli): «Fondamentale diagnosi precoce, solo così si può rallentare malattia»

L’importanza della prevenzione vale per tantissime patologie. Una di queste è l’alzheimer che comporta un lento e progressivo decadimento delle funzioni cognitive, dovuto all’azione di due proteine, la beta-amiloide e la proteina Tau, che si accumulano nel cervello causandone la morte cellulare. Una malattia, l’alzheimer, destinata ad espandersi sempre di più con l’innalzamento dell’età: nel 2030 saranno più di 2 milioni le persone colpite da alzheimer. «Evidenze scientifiche ci dicono che l’attacco ai neuroni ed ai circuiti nervosi inizia almeno 15-20 anni prima della comparsa dei ‘tipici’ disturbi della memoria. Questo perché nel nostro cervello c’è un numero enorme di cellule, circuiti e sinapsi ‘di riserva’ in grado di sostituire quelli danneggiati o distrutti dalla malattia, fino a quando non si arriva a una soglia limite, superata la quale il meccanismo degenerativo diventa inarrestabile», ha spiegato Paolo Maria Rossini, direttore Area Neuroscienze, Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli Irccs-Università Cattolica di Roma in occasione della presentazione di ‘Chat Yourself’, l’assistente virtuale che aiuterà i pazienti con la malattia agli esordi a ricordare informazioni, una sorta di memoria virtuale a portata di smartphone.

LEGGI ANCHE: ALZHEIMER, LA MEMORIA VIRTUALE ALLEATA DEI MALATI

Professor Rossini, quanto è importante intervenire in una fase antecedente allo sviluppo dei sintomi nell’alzheimer?

«Se noi consideriamo che la malattia in realtà è cominciata molti anni, forse decenni prima della comparsa dei primi sintomi, è importante perché di fatto quella malattia era già presente. Solo che il cervello aggredito è dotato di circuiti di riserva, è dotato di plasticità sufficienti a contrastare l’aggressione, a sostituire le parti rotte con quelle di riserva e quindi mantiene le funzioni del soggetto. Quando i sintomi compaiono la situazione è già talmente irreversibile che l’intervento con farmaci e anche con altri tipi di intervento non farmacologico ha dei risultati molto modesti. È per questo che in tutto il mondo si sta mettendo a punto un metodo di diagnosi precoce, la più precoce possibile da applicare a quei soggetti che sono nella cosiddetta fase prodromica, che gli anglosassoni definiscono Mild Cognitive Impairment – MCI perché si sa che in questa fase i risultati sono migliori e soprattutto sono più lunghi e quindi non si guarisce ma si ritarda nel tempo l’esordio della malattia vera e propria e quindi si rallenta la progressione della medesima».

Lo stato dell’arte dal punto di vista della ricerca sui farmaci a che punto è?

«I farmaci in corso di sperimentazione sono varie decine. I risultati di alcuni trial verranno resi noti già alla fine di questo anno, nel corso dei mesi di settembre e ottobre e vedremo cosa ci diranno. Fino ad oggi tutti i trial clinici hanno fallito, però la speranza è che questi ultimi siano invece positivi e se lo saranno lo saranno proprio perché sono intervenuti nelle fasi prodromiche della malattia e non hanno atteso come tutti i trial precedenti di intervenire sulla malattia già conclamata».

LEGGI ANCHE: LONG-TERM CARE, NICOLETTA LUPPI (MSD): «PUNTARE SULL’IMPATTO DELL’INNOVAZIONE NELLA GESTIONE DELLA CRONICITÀ»

La tecnologia può aiutare la qualità della vita dei pazienti di alzheimer?

«Certamente sì. La tecnologia si può porre a due estremi: può peggiorare la vita perché quando è troppo complicata e una persona ha dei problemi cognitivi non riesce a stare dietro alle evoluzioni tecnologiche e quindi viene in qualche modo ghettizzata. Ma quando è facile o è mirata, come nel caso di Chat yourself, a codificare informazioni che sono utili per la vita del paziente e della famiglia certamente è un supporto non secondario».

 

Articoli correlati
Tecnologia e design innovativo delle RSA per far vivere meglio i malati di Alzheimer
Nella due giorni di Varese Uneba, Fondazione Molina e Fondazione Don Gnocchi hanno portato all’attenzione degli enti e delle istituzioni le nuove strategie per prendersi cura del paziente affetto da Alzheimer e lanciato un appello affinché il Governo riveda l’impegno economico verso le RSA e vengano incrementati i posti di specializzazione per medici e infermieri
Alzheimer e Parkinson: arriva la diagnosi che “passa” dalla pelle
Da uno studio congiunto ISS, IRCCS San Raffaele e CNR una metodica innovativa per la diagnosi di malattie neurodegenerative, per testare strategie terapeutiche e identificare nuovi biomarcatori
Alzheimer, AIMA: «Dopo bocciatura EMA su Aducanumab discriminazione di fatto tra pazienti in Europa e USA»
La presidente dell'Associazione italiana malattia di Alzheimer Patrizia Spadin (Presidente AIMA): «Appello alle Regioni: investire sulla diagnosi precoce per investire davvero sul futuro»
Congresso mondiale neurologia, 3 miliardi di persone vivono con cefalea e 50 milioni con demenza ed epilessia
Alla conferenza stampa di presentazione del Congresso Sin italiano si è parlato dell’impatto della pandemia sul sistema neurologico, delle ultime novità terapeutiche per ictus e Alzheimer e di malattie rare
Alzheimer, M5S: Fondo per le demenze primo passo, ora PNRR per garantire prossimità delle cure
«La Giornata mondiale dell’Alzheimer ci ricorda l’importanza di investire nella ricerca e nell’assistenza, di attuare interventi concreti che possano migliorare la qualità della vita di così tante persone» sottolineano i deputati pentastellati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...