Salute 18 Settembre 2018

Alzheimer, Rossini (Gemelli): «Fondamentale diagnosi precoce, solo così si può rallentare malattia»

Il direttore dell’Area Neuroscienze del Policlinico romano spiega: «Nuovi farmaci in sperimentazione potranno avere successo perché testati nelle fasi prodromiche della malattia». Poi elogia tecnologia: «Supporto non secondario per i pazienti»

Immagine articolo

L’importanza della prevenzione vale per tantissime patologie. Una di queste è l’alzheimer che comporta un lento e progressivo decadimento delle funzioni cognitive, dovuto all’azione di due proteine, la beta-amiloide e la proteina Tau, che si accumulano nel cervello causandone la morte cellulare. Una malattia, l’alzheimer, destinata ad espandersi sempre di più con l’innalzamento dell’età: nel 2030 saranno più di 2 milioni le persone colpite da alzheimer. «Evidenze scientifiche ci dicono che l’attacco ai neuroni ed ai circuiti nervosi inizia almeno 15-20 anni prima della comparsa dei ‘tipici’ disturbi della memoria. Questo perché nel nostro cervello c’è un numero enorme di cellule, circuiti e sinapsi ‘di riserva’ in grado di sostituire quelli danneggiati o distrutti dalla malattia, fino a quando non si arriva a una soglia limite, superata la quale il meccanismo degenerativo diventa inarrestabile», ha spiegato Paolo Maria Rossini, direttore Area Neuroscienze, Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli Irccs-Università Cattolica di Roma in occasione della presentazione di ‘Chat Yourself’, l’assistente virtuale che aiuterà i pazienti con la malattia agli esordi a ricordare informazioni, una sorta di memoria virtuale a portata di smartphone.

LEGGI ANCHE: ALZHEIMER, LA MEMORIA VIRTUALE ALLEATA DEI MALATI

Professor Rossini, quanto è importante intervenire in una fase antecedente allo sviluppo dei sintomi nell’alzheimer?

«Se noi consideriamo che la malattia in realtà è cominciata molti anni, forse decenni prima della comparsa dei primi sintomi, è importante perché di fatto quella malattia era già presente. Solo che il cervello aggredito è dotato di circuiti di riserva, è dotato di plasticità sufficienti a contrastare l’aggressione, a sostituire le parti rotte con quelle di riserva e quindi mantiene le funzioni del soggetto. Quando i sintomi compaiono la situazione è già talmente irreversibile che l’intervento con farmaci e anche con altri tipi di intervento non farmacologico ha dei risultati molto modesti. È per questo che in tutto il mondo si sta mettendo a punto un metodo di diagnosi precoce, la più precoce possibile da applicare a quei soggetti che sono nella cosiddetta fase prodromica, che gli anglosassoni definiscono Mild Cognitive Impairment – MCI perché si sa che in questa fase i risultati sono migliori e soprattutto sono più lunghi e quindi non si guarisce ma si ritarda nel tempo l’esordio della malattia vera e propria e quindi si rallenta la progressione della medesima».

Lo stato dell’arte dal punto di vista della ricerca sui farmaci a che punto è?

«I farmaci in corso di sperimentazione sono varie decine. I risultati di alcuni trial verranno resi noti già alla fine di questo anno, nel corso dei mesi di settembre e ottobre e vedremo cosa ci diranno. Fino ad oggi tutti i trial clinici hanno fallito, però la speranza è che questi ultimi siano invece positivi e se lo saranno lo saranno proprio perché sono intervenuti nelle fasi prodromiche della malattia e non hanno atteso come tutti i trial precedenti di intervenire sulla malattia già conclamata».

LEGGI ANCHE: LONG-TERM CARE, NICOLETTA LUPPI (MSD): «PUNTARE SULL’IMPATTO DELL’INNOVAZIONE NELLA GESTIONE DELLA CRONICITÀ»

La tecnologia può aiutare la qualità della vita dei pazienti di alzheimer?

«Certamente sì. La tecnologia si può porre a due estremi: può peggiorare la vita perché quando è troppo complicata e una persona ha dei problemi cognitivi non riesce a stare dietro alle evoluzioni tecnologiche e quindi viene in qualche modo ghettizzata. Ma quando è facile o è mirata, come nel caso di Chat yourself, a codificare informazioni che sono utili per la vita del paziente e della famiglia certamente è un supporto non secondario».

 

Articoli correlati
Olio Extravergine d’Oliva, un alleato nella lotta contro l’Alzheimer. Lo studio della ricercatrice di Airalzh Onlus
Una delle cause della perdita di funzionalità neuronale nella patologia di Alzheimer è la presenza di placche amiloidi e ammassi neurofibrillari riscontrati nel cervello con effetti neurotossici. Il processo di formazione di tali ammassi comprende vari passaggi, in cui più copie di un frammento proteico, detto beta-amiloide (Aβ1-42) si aggregano per formare oligomeri, protofibrille e […]
Giornata della Risata, Cappa (neurologo): «Ridere aiuta a mettersi nei panni degli altri e migliora la nostra qualità di vita»
La Giornata Mondiale della Risata si celebra la prima domenica di maggio di ogni anno ed è stata istituita nel 1995 dal medico indiano Madan Kataria
di Isabella Faggiano
Alzheimer, studio Sapienza identifica nel virus herpes simplex un potenziale fattore di rischio
La ricerca coordinata dal Dipartimento di Sanità pubblica e malattie infettive della Sapienza, in collaborazione con il CNR, l’Università Cattolica del Sacro Cuore e l’IRCCS San Raffaele Pisana, suggerisce l’herpes come fattore di rischio per l’insorgenza della malattia di Alzheimer. Lo studio, che apre la strada a nuove strategie terapeutiche e preventive, è pubblicato sulla […]
Il Paese Ritrovato, la città su misura per i malati di Alzheimer
Fumagalli (educatore): «Dopo sei mesi di degenza, evidenziati una diminuzione dei disturbi comportamentali ed un aumento del movimento spontaneo»
di Isabella Faggiano
Alzheimer, in Italia 700 mila malati. Ferrarese (neuroscienziato): «Nel 2050 i casi di demenza triplicheranno»
Il direttore scientifico del centro di Neuroscienze Milano-Bicocca : «Se la patologia è conclamata non si può intervenire. Con una diagnosi precoce, invece, è possibile ridurre i livelli della proteina che, accumulandosi, danneggia il cervello»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...