Professioni Sanitarie 30 Ottobre 2020 14:01

Terapie intensive Covid. Reverberi (logopedista): «Tra i nuovi pazienti diminuiscono i casi di disfagia»

I risultati della fase 2. La logopedista: «I pazienti con disfagia sono riusciti rapidamente a riprendere l’alimentazione per bocca. Meno incoraggianti, invece, i risultati per coloro che non hanno contratto il virus, ma che hanno dovuto interrompere cure e percorsi riabilitativi a causa del lockdown»

di Isabella Faggiano

«Tra i pazienti attualmente ricoverati nelle terapie intensive Covid sono state riscontrate un numero inferiore di disfagie rispetto alla fase 1 dell’emergenza, grazie ad un miglioramento degli approcci terapeutici». A dare la buona notizia è Cristina Reverberi, vice presidente e referente della disfagia in terapia intensiva Covid della Commissione d’albo dei Logopedisti, in prima linea nella riabilitazione dei pazienti che hanno contratto il virus. «L’esperienza accumulata da marzo ad oggi – continua la logopedista – ci ha consentito di elaborare delle linee guida per l’intervento logopedico all’interno delle terapie intensive Covid. Ora, possiamo fare riferimento a dei protocolli ben definiti ed utilizzare i dispositivi di protezione con maggiore dimestichezza».

LA RIABILITAZIONE POST-TERAPIA INTENSIVA

E mentre ci si preparava ad affrontare logisticamente la seconda ondata, i professionisti sanitari sono stati alle prese con i percorsi riabilitativi di chi era già stato vittima del Covid-19 durante la prima fase della pandemia. «I pazienti ricoverati in terapia intensiva durante la fase più critica dell’emergenza che hanno presentato casi di disfagia – racconta Reverberi – sono riusciti rapidamente a riprendere l’alimentazione per OS (per bocca). Grazie all’aiuto delle figure professionali che hanno lavorato su aspetti collaterali alla disfagia, come i fisioterapisti respiratori, è stato facile raggiungere ottimi risultati in breve tempo. Alcuni pazienti hanno ripreso ad alimentarsi regolarmente per via orale già durante il ricovero in terapia intensiva, per altri, quelli con difficoltà di tipo cognitivo o vocale, il percorso di riabilitazione è continuato in regime ambulatoriale. Nella maggioranza dei casi, per entrambe le tipologie di pazienti, i risultati sono stati molto positivi».

PIÙ DIFFICILE LA RIPRESA DELLE TERAPIE INTERROTTE DAL LOCKDOWN

Meno incoraggianti, invece, i risultati per coloro che non hanno contratto il virus, ma che hanno dovuto interrompere cure e percorsi riabilitativi durante il lockdown. «I servizi sono stati riaperti pian piano, a partire dal mese di maggio – dice la logopedista -. Alcuni ambulatori e liberi professionisti hanno ripreso la loro attività anche più tardi. Una delle principali difficoltà è stata conciliare l’uso dei presidi previsti dai protocolli di sicurezza con la nostra professione: in molti casi la voce è uno strumento di lavoro e la mascherina non ne facilita l’utilizzo. All’inizio i percorsi sono stati riattivati attraverso la teleriabilitazione e gli interventi domiciliari, laddove non fosse possibile assistere il paziente online a causa delle sue condizioni, come nei casi di autismo o disturbi di deglutizione e masticazione del bambino piccolo. Per attivare le consulenze a distanza ci siamo serviti dell’aiuto dei colleghi che lavorano all’estero, che già da tempo utilizzando la teleriabilitazione, impiegando ad esempio la televalutazione della disfagia a domicilio in pazienti fragili, come i malati di Sla che necessitano di frequenti trattamenti o follow up. Ora, però, è importante che una buona gestione dell’emergenza Covid ci permetta di non interrompere nuovamente i percorsi riabilitativi soprattutto per i pazienti in condizioni più critiche, per i quali – conclude Reverberi – un nuovo stop potrebbe trasformarsi in un danno troppo difficile da recuperare».

Articoli correlati
In Italia numero infermieri sotto media Ue: «Carenza aumenta mortalità pazienti»
In occasione della Giornata dell’infermiere, la FNOPI ha raccolto in un documento tutti i dati principali, i numeri e le problematiche della professione infermieristica in Italia
Estate e mascherine, il vademecum per una convivenza meno complicata
I dermatologi della SIDeMaST hanno realizzato un vademecum per far “convivere” temperature alte e mascherine, per evitare irritazioni dovute a dermatite da contatto e il peggioramento di acne e rosacea
Gli igienisti dentali al tavolo tecnico sull’odontoiatria. Di Marco (CDAN): «Implementare la nostra presenza nel SSN»
Telemedicina tra app e tutorial, l’igienista dentale: «Da un lato eseguiamo procedure, dall’altro siamo i coach dei nostri pazienti per la cura della sua salute orale. È il mantenimento domiciliare che fa la reale differenza»
di Isabella Faggiano
Covid-19, esami e terapie gratuiti per guariti da forma grave. Cicchetti (Altems): «50 milioni buon inizio ma non basteranno»
«Il Coronavirus può lasciare, nei pazienti che lo hanno avuto in forma grave, conseguenze anche dopo la guarigione». Così il Ministro Speranza, motivando la sua proposta di stanziare 50 milioni di euro affinché il Ssn prenda in carico gratuitamente, con esami diagnostici e terapie, tutti i pazienti maggiormente colpiti dal virus anche dopo le dimissioni dalla struttura ospedaliera
«Le cure domiciliari sono un’illusione». L’opinione controcorrente di Diego Pavesio (Patto per la Scienza) che difende la “vigile attesa”
Il medico piemontese ha pubblicato un post su Facebook in cui parlava di “terapia domiciliare come specchietto per le allodole”: «La gente, comprensibilmente stanca ed esasperata, è in cerca di soluzioni facili per problemi complessi. In realtà si fa finta di non capire che non c’è ancora una cura per questa malattia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 maggio, sono 160.469.865 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.331.823 i decessi. Ad oggi, oltre 1,35 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...