Professioni Sanitarie 30 Ottobre 2020 14:01

Terapie intensive Covid. Reverberi (logopedista): «Tra i nuovi pazienti diminuiscono i casi di disfagia»

I risultati della fase 2. La logopedista: «I pazienti con disfagia sono riusciti rapidamente a riprendere l’alimentazione per bocca. Meno incoraggianti, invece, i risultati per coloro che non hanno contratto il virus, ma che hanno dovuto interrompere cure e percorsi riabilitativi a causa del lockdown»

di Isabella Faggiano

«Tra i pazienti attualmente ricoverati nelle terapie intensive Covid sono state riscontrate un numero inferiore di disfagie rispetto alla fase 1 dell’emergenza, grazie ad un miglioramento degli approcci terapeutici». A dare la buona notizia è Cristina Reverberi, vice presidente e referente della disfagia in terapia intensiva Covid della Commissione d’albo dei Logopedisti, in prima linea nella riabilitazione dei pazienti che hanno contratto il virus. «L’esperienza accumulata da marzo ad oggi – continua la logopedista – ci ha consentito di elaborare delle linee guida per l’intervento logopedico all’interno delle terapie intensive Covid. Ora, possiamo fare riferimento a dei protocolli ben definiti ed utilizzare i dispositivi di protezione con maggiore dimestichezza».

LA RIABILITAZIONE POST-TERAPIA INTENSIVA

E mentre ci si preparava ad affrontare logisticamente la seconda ondata, i professionisti sanitari sono stati alle prese con i percorsi riabilitativi di chi era già stato vittima del Covid-19 durante la prima fase della pandemia. «I pazienti ricoverati in terapia intensiva durante la fase più critica dell’emergenza che hanno presentato casi di disfagia – racconta Reverberi – sono riusciti rapidamente a riprendere l’alimentazione per OS (per bocca). Grazie all’aiuto delle figure professionali che hanno lavorato su aspetti collaterali alla disfagia, come i fisioterapisti respiratori, è stato facile raggiungere ottimi risultati in breve tempo. Alcuni pazienti hanno ripreso ad alimentarsi regolarmente per via orale già durante il ricovero in terapia intensiva, per altri, quelli con difficoltà di tipo cognitivo o vocale, il percorso di riabilitazione è continuato in regime ambulatoriale. Nella maggioranza dei casi, per entrambe le tipologie di pazienti, i risultati sono stati molto positivi».

PIÙ DIFFICILE LA RIPRESA DELLE TERAPIE INTERROTTE DAL LOCKDOWN

Meno incoraggianti, invece, i risultati per coloro che non hanno contratto il virus, ma che hanno dovuto interrompere cure e percorsi riabilitativi durante il lockdown. «I servizi sono stati riaperti pian piano, a partire dal mese di maggio – dice la logopedista -. Alcuni ambulatori e liberi professionisti hanno ripreso la loro attività anche più tardi. Una delle principali difficoltà è stata conciliare l’uso dei presidi previsti dai protocolli di sicurezza con la nostra professione: in molti casi la voce è uno strumento di lavoro e la mascherina non ne facilita l’utilizzo. All’inizio i percorsi sono stati riattivati attraverso la teleriabilitazione e gli interventi domiciliari, laddove non fosse possibile assistere il paziente online a causa delle sue condizioni, come nei casi di autismo o disturbi di deglutizione e masticazione del bambino piccolo. Per attivare le consulenze a distanza ci siamo serviti dell’aiuto dei colleghi che lavorano all’estero, che già da tempo utilizzando la teleriabilitazione, impiegando ad esempio la televalutazione della disfagia a domicilio in pazienti fragili, come i malati di Sla che necessitano di frequenti trattamenti o follow up. Ora, però, è importante che una buona gestione dell’emergenza Covid ci permetta di non interrompere nuovamente i percorsi riabilitativi soprattutto per i pazienti in condizioni più critiche, per i quali – conclude Reverberi – un nuovo stop potrebbe trasformarsi in un danno troppo difficile da recuperare».

Articoli correlati
Covid, quale futuro? Centemeri (farmacologo): «Ecco i tre scenari possibili, dal migliore al peggiore»
Il professore invita a prestare massima attenzione alle sottovarianti di Omicron e annuncia: «Abbiamo costituito gruppi di esperti e tavoli virtuali mirati a dare risposte concrete e piani di azione per i possibili scenari futuri. Tutto sarà a disposizione del Governo e del ministro per il miglior uso possibile. Ottobre arriva e dobbiamo essere preparati»
Cartabellotta (Gimbe): «Netto calo contagi. Scelta azzardata rimandare all’autunno quarta dose dei vulnerabili»
Il monitoraggio settimanale della Fondazione Gimbe rileva una diminuzione dei nuovi casi in quasi tutto il territorio nazionale. Disattesi appelli Gimbe e delle istituzioni sulla copertura con la quarta dose delle persone vulnerabili
Effetti della pandemia, AIP: «Aumentano tentativi di suicidio tra i giovani. Per anziani rischio solitudine»
A Firenze sino al 25 maggio il 22° Congresso dell’Associazione Italiana Psicogeriatria “Dopo la pandemia: la sfida per una medicina a misura della terza età”. Previsti oltre 800 specialisti
Quando si può ripetere il test se dopo 7 giorni si risulta ancora positivi?
La raccomandazione è quella di aspettare 7 giorni, quando il test può essere fatto gratuitamente. «Privatamente» nessuna regola, ma buon senso
In Puglia il primo reparto Covid a gestione infermieristica
Al Policlinico San Paolo di Bari la sperimentazione avviata dal direttore generale dell’Asl Antonio Sanguedolce ha avuto successo: i pazienti non vengono mandati al Covid hospital ma destinati a questo reparto e seguiti da diversi medici. Resta fisso invece il pool infermieristico. Andreula (OPI Bari): «Abbiamo messo al centro i bisogni di assistenza del paziente in un unico ambiente assistenziale»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 maggio, sono 527.841.227 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.284.538 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
Cause

Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio

Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ...