Lavoro 6 Maggio 2020 14:39

La fase 2 negli ospedali Covid. La logopedista: «È questo il momento più duro per noi riabilitatori»

Jennifer Piazzoni racconta a Sanità Informazione il suo lavoro nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo: «Ho dovuto fare i conti con le mie emozioni. I pazienti che escono dalla terapia intensiva sono confusi e disorientati. Devono ricominciare a vivere: non hanno né mangiato né parlato per settimane»

di Isabella Faggiano
La fase 2 negli ospedali Covid. La logopedista: «È questo il momento più duro per noi riabilitatori»

«“Ma allora non morirò?”. Mi sembra di averlo ancora davanti agli occhi lo sguardo di quell’uomo che, appena uscito dalla rianimazione, pronuncia le sue prime parole». Jennifer Piazzoni, logopedista dell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, racconta a Sanità Informazione la sua esperienza all’interno del reparto di terapia sub-intensiva dedicato ai pazienti Covid.

L’ospedale bergamasco è uno dei più coinvolti nella lotta al Covid-19 e, nemmeno durante la fase 2, il personale sanitario può abbassare la guardia: «Mentre i contagi calano e le terapie intensive si svuotano – spiega la logopedista – il carico di lavoro non diminuisce affatto. Semmai cambiano i bisogni dei nostri pazienti. Per noi logopedisti, come per tutti i professionisti della riabilitazione, questi saranno i giorni di maggiore impegno».

Molti dei pazienti affetti da Covid-19, finiti in terapia intensiva, per riaffacciarsi pian piano alla vita devono riacquisire alcune capacità primarie, quasi come fossero dei bambini: «Dopo aver trascorso dai trenta ai sessanta giorni in rianimazione per ricominciare a parlare, a deglutire o a mangiare per bocca è necessario seguire un preciso percorso di riabilitazione, logopedia compresa – dice Piazzoni -. L’intubazione prolungata, infatti, ha un impatto sia sulla fonazione che sulla deglutizione, entrambi aspetti di cui si prendono cura proprio i logopedisti. Anche se, in Italia – sottolinea l’esperta – non ci sono dei protocolli standardizzati e validati per questo tipo di intervento. Ma grazie al gruppo di lavoro di logopedia in area critica, costituito prontamente dalla Federazione dei logopedisti italiani (FLI), è stato possibile mettere a punto, in poco tempo, un protocollo condiviso per affrontare questa pandemia».

LEGGI ANCHE: LOGOPEDISTI E COVID-19, ROSSETTO (FLI): «AIUTIAMO I PAZIENTI A RIACQUISIRE ALCUNE CAPACITA’ PERDUTE, COME ALIMENTARSI PER VIA ORALE»

Un’emergenza che pur avendo colto di sorpresa l’intera nazione è stata affrontata con la massima professionalità: «Nonostante mi sia trovata a lavorare in uno degli ospedali che ha accolto e curato il maggior numero di pazienti affetti da Covid-19, non ho mai avuto paura. Non ho mai temuto che mi potesse accadere qualcosa, così come non mi sono mai sentita impreparata a gestire la situazione. Sì, sicuramente ci sono stati dei momenti di confusione, specialmente durante i primi giorni, in cui è stato necessario riorganizzare le attività ed alcuni reparti. Dopodiché, mi sono sempre sentita protetta, i dispositivi di protezione non sono mai mancati e l’ospedale ha provveduto ad organizzare, fin dal primo momento,  lezioni sulle procedure di vestizione e svestizione, sull’impiego dei DPI e corsi di formazione sulle nuove conoscenze che man mano si raccoglievano sul Covid-19».

Ma l’eccellente preparazione professionale non sempre è sufficiente a tenere a bada le emozioni, specialmente in una situazione di emergenza straordinaria, come quella vissuta durante la fase più critica della pandemia: «Quando sono stata assegnata al reparto di terapia sub-intesiva Covid ho dovuto fare i conti con un forte impatto emotivo. I pazienti che avevo di fronte erano persone che, nella maggior parte dei casi, avevano smesso di avere contatti con il mondo esterno da parecchi, troppi giorni. Persone che non avevano più nemmeno potuto parlare a causa dell’intubazione. Erano confuse, disorientate. E come logopedista avevo il compito di guidarle verso un nuovo inizio: spettava a me aiutarle a pronunciare la prima parola o ad ingoiare il primo boccone di cibo».

Ma se il carico emotivo è enorme, la soddisfazione è altrettanto grande: «Quando si conosce un nuovo paziente – dice Piazzoni –  e ci si presenta come riabilitatore, negli occhi della persona che abbiamo di fronte si accende una speranza. “Dobbiamo riprenderci, dobbiamo rimetterci in forza”, dico sempre ai miei pazienti al primo incontro. Ed è in quel momento che le persone comprendono davvero di avercela fatta, di essere uscite dal tunnel della sofferenza».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 17 giugno, sono 177.043.245 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.833.075 i decessi. Ad oggi, oltre 2,44 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 17 giugno: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno […]
Per la logopedia ogni età è quella giusta
Rossetto (CNDA): «Grazie alle numerose evidenze scientifiche raccolte in materia, i nostri interventi sono sempre più mirati ed efficaci: promuoviamo la suzione non nutritiva tra i neonati, trattiamo i disturbi del linguaggio dell’età evolutiva e della terza età. In prima linea anche nel trattamento degli effetti del Long Covid»
di Isabella Faggiano
Varianti coronavirus, l’immunologo Abrignani: «Già al lavoro per nuovi vaccini»
Presentato il Consorzio italiano per la genotipizzazione e fenotipizzazione del virus Sars-CoV-2. Il direttore dell’Istituto nazionale di genetica molecolare del Policlinico di Milano: «La sorveglianza epidemiologica continua dei genomi circolanti nel territorio è fondamentale»
di Federica Bosco
Così Israele guida la corsa alla somministrazione dei vaccini anti Covid-19
Luci e ombre della campagna vaccinale a Tel Aviv: «Ma le scorte si stanno esaurendo»
di Tommaso Caldarelli
Variante inglese, i test rapidi possono riconoscerla?
Alcune domande al Professor Luigi Toma, Infettivologo dell'IFO Regina Elena di Roma, sulla cosiddetta “variante inglese” del SARS-CoV-2
di Vanessa Seffer
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 giugno, sono 177.043.245 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.833.075 i decessi. Ad oggi, oltre 2,44 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM