Professioni Sanitarie 21 Aprile 2020 12:18

Logopedisti e Covid-19, Rossetto (Fli): «Aiutiamo i pazienti a riacquisire alcune capacità perdute, come alimentarsi per via orale»

La presidente della Federazione Logopedisti Italiani: «Grazie alla telelogopedia durante il lockdown siamo riusciti a non interrompere le terapie in corso, garantendo una continuità assistenziale a tutti i nostri pazienti. La telelogopedia diventerà un alleato futuro della nostra professione»

di Isabella Faggiano

«C’è chi dovrà ricominciare a mangiare partendo dallo svezzamento, quasi come se fosse un bambino. Chi, invece, avrà bisogno di riacquistare l’orientamento, il senso del gusto o quello dell’olfatto». È Tiziana Rossetto, presidente della Federazione Logopedisti Italiani (FLI) a descrivere alcune delle conseguenze con cui potrebbero dover fare i conti le persone affette da Coronavirus che hanno trascorso molto tempo in terapia intensiva. «Per garantire la ripresa di questi pazienti – continua Rossetto – in molti complessi ospedalieri sono già state formate delle equipe specializzate multidisciplinari da destinare alle unità di terapia sub-intesiva per pazienti Covid-19».

Ed in questo team c’è anche il logopedista: «Ci sono pazienti che a causa del Coronavirus hanno trascorso più di 60 giorni in terapia intensiva – sottolinea la presidente FLI -,  altri che hanno subito una tracheotomia. Casi particolari che richiederanno l’assistenza del logopedista per riacquisire alcune delle capacità perdute, prima fra tutte quella di alimentarsi per via orale».

E mentre alcuni professionisti si preparano ad affrontare questa nuova fase dell’emergenza scatenata dal Coronavirus, altri, sin dal primo giorno, sono impegnati in prima linea. «Non sono pochi i logopedisti che lavorano “sul fronte”, negli ospedali Covid-19 – aggiunge Rossetto -. Ed è proprio per questi professioni che, in tempi record, abbiamo redatto le linee guida per la gestione del Coronavirus. Siamo stati i primi in Europea a stilare un documento ad hoc per i logopedisti, tanto che altri Paesi ne hanno tratto ispirazione, Stati Uniti compresi».

LEGGI ANCHE: LOGOPEDISTI, ROSSETTO (FLI): «OLTRE 11MILA GLI ISCRITTI ALL’ALBO MA RISPETTO ALLA FRANCIA SIAMO TRE VOLTE MENO. ORA POTENZIARE PERCORSO FORMATIVO»

Linee guida che hanno permesso anche ai logopedisti impegnati al di fuori delle strutture ospedaliere di continuare il proprio lavoro in piena sicurezza: «Nel giro di pochissimi giorni dall’inizio del lockdown è stato attivato lo smartworking anche per la nostra categoria professionale – racconta la presidente FLI -. Grazie alla telelogopedia siamo riusciti a non interrompere le terapie in corso, garantendo una continuità assistenziale a tutti coloro che già seguivano un percorso terapeutico».

Ma non è tutto: l’applicazione di modelli di telemedicina al mondo della riabilitazione logopedia, se da un lato ha permesso di gestire una situazione di emergenza, dall’altro ha aperto nuovi interessanti scenari. «Attraverso la telelogopedia – spiega la presidente Fli – il professionista entra a casa del suo assistito. In molti casi riesce addirittura ad instaurare un contatto con entrambi i genitori di un bambino che allo studio, invece, era sempre accompagnato solo da uno dei due. Possiamo avere un rapporto più intimo e, nel caso dei più piccoli che sono nativi digitali, riusciamo anche ad aumentare il livello di attenzione».

La telelogopedia, pur essendo una metodologia innovativa già utilizzata da alcuni logopedisti, potrebbe diventare sempre più diffusa se non addirittura un metodo alternativo di concepire la professione, anche quando l’emergenza Coronavirus sarà superata. «Non sostituirà di certo il contatto diretto ma – conclude Rossetto – diventerà, senza dubbio, un alleato futuro del nostro lavoro».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Per la logopedia ogni età è quella giusta
Rossetto (CNDA): «Grazie alle numerose evidenze scientifiche raccolte in materia, i nostri interventi sono sempre più mirati ed efficaci: promuoviamo la suzione non nutritiva tra i neonati, trattiamo i disturbi del linguaggio dell’età evolutiva e della terza età. In prima linea anche nel trattamento degli effetti del Long Covid»
di Isabella Faggiano
Logoteatroterapia, l’improvvisazione che cura e allena alla vita
L’intervista a Cecilia Moreschi (teatroterapista) e Giorgia Salemi (logopedista): «La logoteatroterapia utilizza il teatro non come fine ma come mezzo. Gli esercizi, consigliati tra gli 8 e i 14 anni, sono adatti a tutti, soprattutto a chi soffre di disturbi legati all’apprendimento, ritardo linguistico o cognitivo, difficoltà prassico-motorie e autismo»
di Isabella Faggiano
Terapie intensive Covid. Reverberi (logopedista): «Tra i nuovi pazienti diminuiscono i casi di disfagia»
I risultati della fase 2. La logopedista: «I pazienti con disfagia sono riusciti rapidamente a riprendere l’alimentazione per bocca. Meno incoraggianti, invece, i risultati per coloro che non hanno contratto il virus, ma che hanno dovuto interrompere cure e percorsi riabilitativi a causa del lockdown»
di Isabella Faggiano
La fase 2 negli ospedali Covid. La logopedista: «È questo il momento più duro per noi riabilitatori»
Jennifer Piazzoni racconta a Sanità Informazione il suo lavoro nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo: «Ho dovuto fare i conti con le mie emozioni. I pazienti che escono dalla terapia intensiva sono confusi e disorientati. Devono ricominciare a vivere: non hanno né mangiato né parlato per settimane»
di Isabella Faggiano
Logopedisti, Rossetto (Fli): «Oltre 11mila gli iscritti all’Albo ma rispetto alla Francia siamo tre volte meno. Ora potenziare percorso formativo»
La presidente della Federazione logopedisti italiani spiega l’importanza della creazione del maxi Ordine TSRM e PSTRP: «È un obiettivo che abbiamo perseguito fin dal nostro primo statuto, avere un albo nazionale dove il cittadino possa essere sicuro di avere un professionista iscritto con i requisiti che lo qualificano e che lo abilitano»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 2 agosto, sono 198.944.127 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.236.600 i decessi. Ad oggi, oltre 4.15 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva