Lavoro 17 Ottobre 2019

Logopedisti, Rossetto (Fli): «Oltre 11mila gli iscritti all’Albo ma rispetto alla Francia siamo tre volte meno. Ora potenziare percorso formativo»

La presidente della Federazione logopedisti italiani spiega l’importanza della creazione del maxi Ordine TSRM e PSTRP: «È un obiettivo che abbiamo perseguito fin dal nostro primo statuto, avere un albo nazionale dove il cittadino possa essere sicuro di avere un professionista iscritto con i requisiti che lo qualificano e che lo abilitano»

«Subiamo il fenomeno dell’abusivismo da moltissimi anni. Ora con l’Ordine possiamo intervenire a livello di sanzione, per noi è molto importante». Tiziana Rossetto, presidente della Federazione logopedisti italiani (FLI), intercettata a margine del primo Congresso nazionale del maxi Ordine delle professioni sanitarie a Rimini, è visibilmente soddisfatta per la creazione dell’Ordine, un percorso che ha visto gli oltre 11mila logopedisti (questi gli ultimi dati) in prima fila, anche per combattere la piaga dell’abusivismo molto diffuso nel settore. «Rispetto ad altri Paesi come la Francia registriamo un numero tre volte inferiore di logopedisti» sottolinea Rossetto, che poi chiede di potenziare il percorso formativo: «Bisogna andare verso una maggiore acquisizione di competenze e conoscenze che servono soprattutto alla protezione della salute del cittadino».

LEGGI ANCHE: LOGOPEDISTI: TRE ABUSIVI PER OGNI PROFESSIONISTA QUALIFICATO. ROSSETTO (FLI): «L’ALBO E’ GARANZIA PER I CITTADINI: I COMPORTAMENTI SCORRETTI SARANNO SANZIONATI»

Primo Congresso nazionale della Federazione degli ordini delle professioni sanitarie. Il nuovo Ordine è per voi un traguardo importante?

«Sì, per noi è un obiettivo che abbiamo perseguito fin dal nostro primo statuto, avere un Albo nazionale dei logopedisti (ora è provinciale) dove il cittadino possa essere sicuro di avere un professionista iscritto con i requisiti che lo qualificano e che lo abilitano alla professione».

C’è molto abusivismo nella vostra professione?

«Questo lo abbiamo fatto perché subiamo il fenomeno dell’abusivismo da moltissimi anni. Prima non potevamo intervenire a livello di sanzioni perché eravamo un’associazione di tipo privatistico, ora l’associazione ci ha permesso di essere sempre presenti, di vigilare in questo senso. Il fenomeno era molto diffuso».

Quanti siete come logopedisti?

«L’iscrizione all’Albo registra 11500 logopedisti in tutta Italia, è un dato che rispetto ai Paesi europei segnala una carenza. Faccia conto che la Francia che ha il nostro stesso numero di abitanti ha il triplo di professionisti rispetto a noi. Dovremo lavorare per un fabbisogno un po’ più serio che vada ad analizzare i bisogni di salute che partono dai dati epidemiologici. La logopedia è per tutte le età della vita, dai 0 ai 100 anni».

Se dovesse fare una richiesta alle istituzioni sanitarie e politiche, cosa chiederebbe?

«Chiederei di revisionare la formazione, perché la formazione deve avere anche in Italia la stessa possibilità, la stessa riforma prevista su tre cicli. Occorre quindi migliorare la formazione universitaria allungando i tempi: questo va soprattutto verso una maggiore acquisizione di competenze e conoscenze che servono soprattutto alla protezione della salute del cittadino».

Se una famiglia ha bisogno di un logopedista dove si può rivolgere?

«I logopedisti sono in tutti i servizi dell’età evolutiva se è un bambino o ragazzo dai 0 ai 18 anni, oppure per gli adulti nei reparti di riabilitazione neurologica se è una persona che ha subito un insulto cerebrale, ma anche nei servizi di geriatria per quanto riguarda tutta l’area delle demenze e decadimento cognitivo, anche come logopedia di comunità nelle case di riposo perché l’anziano ha sempre di più un bisogno di salute in questo senso».

Articoli correlati
Professioni sanitarie in servizio anche dopo la pensione, aggiornato il Dl Agosto
Anche le professioni sanitarie potranno rimanere in servizio dopo la pensione, aggiornato il Dl Agosto con un emendamento. Non oltre il 70esimo anno di età
Il 7 ottobre è la Giornata Nazionale della Psicologia
Mercoledì 7 ottobre dalle ore 9.30, nell’ambito della Giornata Nazionale della Psicologia 2020, presso la Camera di Commercio di Roma – Sala del Tempio di Adriano a Piazza di Pietra, si terrà il convegno su il diritto alla salute psicologica, organizzato dal Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi. Dopo l’introduzione del Presidente del CNOP, David Lazzari, […]
L’enfant prodige della podologia, a 28 anni Direttrice di Corso di Laurea: «Passione e impegno, ma come donna non è stato facile»
Alive Volpini, giovane podologa di Frascati è anche coordinatrice di due master professionalizzanti a Tor Vergata, un unicum in Italia. «Agli studenti dico che il medico salva la vita del paziente, mentre il professionista sanitario migliora la sua qualità di vita, bisogna avere la capacità di mettersi a disposizione degli altri»
«Alcune proposte per i massofisioterapisti»
di Alessandro Bagattini, Matteo Zaffagnini, Fabrizio Lorenzoni, Paolo Pasqualetto e Marco Bettin (Massofisioterapisti iscritti all'elenco speciale ad esaurimento)
di Massofisioterapisti iscritti all'elenco speciale ad esaurimento
Fno Tsrm-Pstrp: «Non solo medici. Scuole devono poter contare sul contributo di tutte le professioni sanitarie»
Per migliorare il legame tra istruzione e sanità: integrare le attività didattiche con incontri tra diversi professionisti sanitari e gli studenti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...