Politica 9 gennaio 2017

Responsabilità professionale medica, Ddl Gelli alle battute finali: in arrivo l’ok del Senato

Atteso in questi giorni il via libera del Senato al Disegno di Legge che riforma la responsabilità penale e civile dei camici bianchi. Diverse le novità: dall’accusa di omicidio colposo e lesioni personali colpose solo in caso di colpa grave, all’obbligo per le strutture (pubbliche o private) di munirsi di copertura assicurativa ad hoc per la responsabilità civile verso terzi

Dopo una discussione durata più di due anni e un breve stallo coinciso con le dimissioni dell’ex Premier Renzi e le vacanze appena finite, il Ddl Gelli si appresta ad attraversare l’ultimo tratto di percorso che lo separa dalla sua definitiva trasformazione in legge. Oggi (10 gennaio) comincia quella che dovrebbe essere (salvo imprevisti che comunque non dovrebbero esserci, almeno così pare) l’ultima discussione del testo al Senato prima del ritorno alla Camera dei Deputati, dove presumibilmente verrà approvato una volta per tutte senza ulteriori modifiche.

Il documento, che porta la firma del Responsabile Sanità del Partito Democratico, Federico Gelli, vuole dare una nuova struttura ad una tematica di importanza fondamentale per la sanità italiana, sia essa vista con gli occhi di chi ci lavora che con quelli dei semplici pazienti: il Decreto contiene infatti modifiche nelle disposizioni penali e civili in materia di responsabilità professionale, oltre che novità che riguardano le norme sull’osservatorio per la sicurezza e la trasparenza dei dati, linee guida e obblighi di assicurazione.

Tra le novità più importanti previste dal testo, in materia penale è previsto che, nel caso in cui chi esercita la professione sanitaria dovesse provocare per imperizia la morte o la lesione personale dell’assistito, dovrà rispondere dei reati di omicidio colposo e lesioni personali colpose solo in caso di colpa grave e in caso di mancato rispetto delle buone pratiche clinico-assistenziali e delle raccomandazioni in materia previste dalle linee guida. La nuova formulazione del testo specifica, però, che le raccomandazioni previste dalle linee guida devono essere “adeguate alle specificità del caso concreto”. In materia di responsabilità civile, invece, è previsto che chi esercita la professione risponda del proprio operato per il risarcimento del danno, “salvo che abbia agito nell’adempimento di obbligazione contrattuale assunta con il paziente”.

Per quanto concerne, invece, l’obbligo assicurativo (altro tema molto sentito dalla categoria), il Ddl stabilisce che tutte le strutture (siano esse pubbliche o private) debbano essere provviste di copertura assicurativa ad hoc per la responsabilità civile verso terzi e verso prestatori d’opera, anche per danni cagionati dal personale a qualunque titolo operante presso di loro e compresi coloro che svolgono attività di formazione, aggiornamento e sperimentazione e di ricerca clinica, sia che si operi in intramoenia sia in caso di convenzione con il Servizio sanitario nazionale.

Altro punto importante della legge è l’istituzione al Ministero della Salute del fondo di garanzia per i danni derivanti dalla responsabilità sanitaria. Questo fondo verrà alimentato dal versamento di un contributo annuale da parte delle imprese di assicurazione per la responsabilità civile per i danni causati da responsabilità sanitaria.

Fin qui le novità principali previste dal Ddl Gelli. Per un’analisi completa del testo, interviste sul tema e il commento degli esperti, Sanità Informazione pubblicherà uno speciale completamente dedicato a questo argomento. L’appuntamento è per venerdì 13 gennaio. Per dubbi, domande o chiarimenti sul Ddl Gelli da porre ai nostri esperti, contattateci all’indirizzo mail redazione@sanitainformazione.it.

Per ulteriori approfondimenti sul Ddl Gelli è possibile consultare anche:

Responsabilità professionale: legge in Aula e confronto a tutto campo tra il relatore Gelli e gli ospedali privati

Ddl Gelli, ecco cosa cambia. Macrì (Federsanità): «Attenuata responsabilità per il medico, non favoritismo ma necessità»

“Reato di cura”, la vera storia del medico accusato ingiustamente

Articoli correlati
Contenziosi pazienti-operatori sanitari, Nicola Titta (Anep): «Bene Arbitrato, professioni siano coinvolte. E per la Formazione si lavori su Codice deontologico»
Il Presidente dell’Associazione Nazionale educatori professionali guarda positivamente alla proposta lanciata dal gruppo Consulcesi su una camera di conciliazione per gestire l’enorme mole di ricorsi: «Registriamo tante aggressioni»
Contenziosi, Roberto Zazza (UIF): «Medici e avvocati troppo spesso ‘vittima’ di cittadini delusi dall’insuccesso. È un problema culturale…»
Parla il Direttore Nazionale Centro Studi UIF: «Troppi contenziosi alimentati strumentalmente. Anche noi avvocati denunciati da clienti che non accettano di perdere…»
Nasce la Fondazione Italia in Salute. Il Presidente Federico Gelli: «Idee e progetti per evitare smantellamento SSN»
L’ex responsabile Sanità del PD e padre della legge sulla responsabilità professionale lancia il suo laboratorio di idee: «Tra i temi di cui ci occuperemo le disparità provocate dai diversi sistemi sanitari regionali, le liste di attesa, le reti territoriali»
Legge Gelli. Senatori (Ageo): «Responsabilità medico-legale libere professioni sia equiparata a dipendenti. Non siamo medici di serie B»
Il presidente del XVIII Congresso dell'Associazione Ginecologi Extra Ospedalieri: «Con chirurghi plastici, ortopedici e anestesisti siamo i professionisti più a rischio contenzioso». Aumenta disaffezione alla professione: «Recenti bandi di concorso andati deserti o quasi»
di Isabella Faggiano
Sanità, l’allarme di Federico Gelli: «Formiamo i medici e poi li costringiamo ad andare all’estero: ogni anno ne scappano mille»
Il responsabile di Federsanità ANCI sottolinea il fenomeno che sta assumendo proporzioni sempre più grandi. «Ogni anno si laureano circa 10mila persone, ma ci sono borse di specializzazione per circa 6700 – spiega Gelli a Sanità Informazione -. Quindi c’è un gap ancora di alcune migliaia di borse che non è colmato e queste persone sono potenzialmente dei disoccupati»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...