Diritto 15 Novembre 2016 11:12

Responsabilità professionale: legge in Aula e confronto a tutto campo tra il relatore Gelli e gli ospedali privati

L’iter del Ddl alle ultime fasi per il consenso definitivo. Il responsabile sanità del Pd e relatore della legge alla Camera dialoga con l’Aiop, che chiedeva maggiore coinvolgimento e ora punta su «una evoluzione culturale per contrastare la malpractice»

L’approvazione del Ddl Gelli sulla responsabilità professionale del personale sanitario è alle battute finali. La Commissione XII del Senato ha approvato il Disegno di Legge che attende l’esame a Palazzo Madama per poi tornare a Montecitorio per il consenso definitivo. «Cosa cambia per la sanità? Cambia moltissimo – dichiara Federico Gelli, relatore del Ddl -. Finalmente nel nostro ordinamento verrà introdotto il tema della sicurezza delle cure come parte integrante del diritto alla salute. Dopo 15 anni di attese abbiamo una legge quadro che va a disciplinare la responsabilità della professione sanitaria e dall’altra parte interviene per dare più opportunità ai cittadini per avere un risarcimento in tempi più rapidi e certi».

A non condividere lo stesso entusiasmo i giovani imprenditori della sanità privata che chiedono la riapertura di un confronto con le istituzioni per ottenere dei cambiamenti al Ddl. Infatti i rappresentanti dell’Associazione Italiana Ospedalità Privata fanno notare che avrebbero gradito un maggiore coinvolgimento nella vicenda.

«Avremmo voluto essere maggiormente partecipi – spiega Lorenzo Miraglia, presidente nazionale Aiop Giovani – sicuramente ci sono stati degli incontri ma non sono state apprese a pieno le nostre proposte. Ritengo che per cambiare la responsabilità sia giusto soffermarci sul cambiamento della cultura anche attraverso il potere di legiferare. In molti paesi europei, in Svezia per esempio non è possibile, a meno che non ci siano casi eccezionali, poter denunciare il servizio nazionale. Addirittura in Canada prima di ufficializzare un caso di malasanità vengono fatti consulti interni che durano mesi. Io credo che tutti gli operatori del sistema sanitario dovrebbero agire insieme per fare un progetto unico che non sia semplicemente una legge ma che abbia un ampio respiro con la collettività nella sua interezza»

A fare eco al presidente Miraglia anche Jessica Faroni, Presidente dell’Aiop Lazio:

«La richiesta dell’Aiop è rivedere dei punti della legge che per noi non sono efficaci. Le ripercussioni assicurative saranno importanti, sia per le strutture private che per quelle pubbliche. Ci sarà un aumento dei costi assicurativi, aumenti non calmierati». La Faroni ribadisce che l’Aiop avrebbe voluto essere coinvolto maggiormente nell’iter decisionale per la Legge in questione e sottolinea che: «Se avessimo potuto avremmo fatto vedere la problematica anche da un altro punto di vista, la chiave di volta è quella di spostare la responsabilità dal medico alla struttura perché è chiaro che una causa sarà sicuramente molto più efficace nei confronti di una struttura che nei confronti di un medico che guadagna uno stipendio mensile».

Alle osservazioni di Aiop Gelli ribadisce: «Non ci saranno, conseguenti alla Legge, ripercussioni negative. Questa Legge va vista nella sua complessità sia attraverso i decreti delegati, sia attraverso un combinato disposto dove verranno pubblicate le nuove tabelle risarcitorie per il danno biologico e questo permetterà a tutte le strutture sanitarie pubbliche e private di avere la certezza del risarcimento, cosa che favorirà moltissimo la ricomparsa del ruolo delle imprese di assicurazione». «Le assicurazioni si troveranno davanti alla certezza del dato» prosegue il responsabile per la Sanità del Pd che tiene a specificare che oggi quantificare un danno per il decesso di una persona durante un errore sanitario è praticamente impossibile, dunque le tabelle risarcitorie saranno fondamentali.

Per quanto riguarda la formazione dei medici la Legge in che termini influirà? «Un articolo importante presente nel testo di legge è quello che riguarda la prevenzione nell’ambito del profilo formativo del personale sanitario – spiega Gelli -. L’articolo 2 che è quello che introduce in maniera obbligatoria in ogni struttura pubblica e privata la figura del risk management cioè di quel ruolo trasversale e multidisciplinare e multi-professionale che permetterà ai professionisti di elaborare il rischio e impedire che quel semi-errore, anche detto evento sentinella, possa effettivamente diventare un danno al carico del cittadino».

Articoli correlati
Covid-19 e lockdown, l’avvocato: «Serve un bilanciamento tra diritto alla salute e altri diritti fondamentali»
Intervista all’avvocato Elena Dragagna, collaboratrice del blog “Pillole di Ottimismo” curato dal virologo Guido Silvestri: «La Corte Costituzionale ha sottolineato esplicitamente che ci vuole un bilanciamento dei vari diritti. E anche la Corte Europea dei diritti dell’uomo ha sancito che la limitazione della libertà dev’essere l’extrema ratio»
Gelli (Fondazione Italia In Salute): «Per il post Covid, 10mila medici in più. Mes occasione da non perdere»
«Dovremo da una parte aumentare la dotazione di posti letto per non rimanere in coda alle classifiche europee, e dall'altra procedere a nuove assunzioni. Vanno poi rinnovate le tecnologie per lo più obsolete che abbiamo nei nostri ospedali e risolto una volta per tutte il problema dell'imbuto formativo». Così il presidente della Fondazione Italia in Salute, Federico Gelli
Clausola di esclusività, in partenza i primi ricorsi. Avv. Galiano: «È una componente fissa, ingiuste le diminuzioni per chi è in ferie o malattia»
Le richieste di risarcimento vengono curate da Consulcesi & Partners in collaborazione con lo studio “De Berardinis e Mozzi”, inserito da Forbes tra i 100 studi legali più importanti d’Italia
Coronavirus, Fondazione Italia in Salute al Governo: «Ora legge su responsabilità medici durante emergenza»
La proposta appoggiata anche da Federsanità e Fiaso. Il presidente Gelli: «Il coraggio di chi mette in gioco la propria vita deve essere tutelato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»