Diritto 8 novembre 2016

Ddl Gelli, ecco cosa cambia. Macrì (Federsanità): «Attenuata responsabilità per il medico, non favoritismo ma necessità»

Responsabilità professionale, prosegue l’iter per il Ddl Gelli approvato in Commissione Sanità in Senato. Macrì: «Il Ddl trova punti di equilibrio tra le aspettative dei cittadini e quelle degli operatori sanitari»

Responsabilità professionale, il Ddl Gelli dopo l’approvazione della Camera ha ricevuto il consenso da parte della Commissione Sanità del Senato. Il consueto iter di approvazione dovrebbe iniziare nei prossimi giorni per concludersi entro novembre. «Un Ddl che tiene fortemente in considerazione il ruolo del medico legale come figura di garanzia per il cittadino e per i soggetti fragili» spiega Pasquale Giuseppe Macrì, medico legale Federsanità ANCI nazionale.  «Stiamo cercando di inserire fra i soggetti fragili anche le persone che hanno bisogno di un giusto risarcimento, ma anche i medici che vengono ingiustamente accusati e che spesso si trovano a lavorare in situazioni difficili. Il Ddl trova sostanziali punti di equilibrio tra le aspettative dei cittadini e quelle degli operatori sanitari».

Entra nel merito Macrì spiegando che i cittadini: «vengono tutelati dall’art. 1 in cui si inserisce il concetto che la sicurezza delle cure è parte integrante del diritto alla salute, un articolo che trova forte tutela costituzionale di fronte al giudice. La sicurezza diventerà effettiva e un bene giuridico da proteggere e tutelare». Ne consegue che tutte le strutture sanitarie «Dovranno dotarsi di risk manager e soggetti in grado di gestire il rischio clinico. Inoltre – prosegue Macrì – Sarà obbligatorio mettere nel sito delle aziende sanitarie, le tipologie di rischio che si possono affrontare e gli eventuali costi».

Tuttavia il cuore del Ddl è la responsabilità dei professionisti. Quest’ultima «Viene divisa in responsabilità penale e civile. – spiega il medico legale – La responsabilità penale viene leggermente attenuata per il medico, ma non in senso di favoritismo ma come sistema di abbattimento della medicina difensiva, un fenomeno che genera un aumento di spesa sanitaria e rappresenta una pratica medica inaccettabile».

Inoltre altre novità saranno inserite nell’art.7 in cui la responsabilità civile verrà divisa in due piani. «Il primo livello sarà la responsabilità civile delle aziende e il secondo livello sarà quello del professionista. Questa è una grande conquista per i medici, infatti in un’industria, per esempio la Fiat, se abbiamo da lamentarci della prestazione di un’autovettura non andiamo a cercare l’ingegnere che l’ha progettata ma andiamo dalla ditta. Quindi per lamentarsi di un intervento non riuscito, di una diagnosi non fatta o ritardata è giusto rivolgersi  alla struttura ospedaliera, che può, nel caso di dolo o colpa grave, rivalersi in misura contenuta sul sanitario».

Ma altro elemento essenziale è apportare modifiche al sistema assicurativo, infatti in questo senso c’è  bisogno di parametri certi e questa è: «l’altra novità del Ddl» annuncia Macrì. Il tanto discusso obbligo di assicurazione delle strutture sanitarie e dei medici inserito nella legge 189 del 2012, è recuperato dall’articolo 10 del Ddl Gelli, nel quale si avvalora che tutte le imprese che erogano prestazioni sanitarie debbano essere coperte da polizza assicurativa per la Rc verso terzi e verso i prestatori d’opera per i danni causati dal personale, anche in caso di prestazioni in regime di libera professione intramoenia o tramite telemedicina. Permane anche l’obbligo assicurativo per il medico libero professionista. «Garantiremo – conclude Macrì – con questa obbligatorietà a tutti i sanitari di assicurarsi e anche i cittadini potranno tutelarsi verso ogni possibilità di insolvenza da parte del singolo medico».

 

Articoli correlati
Contenziosi medici-pazienti, Pierpaolo Sileri (M5S): «Arbitrato salute idea vincente, riduce i costi per il SSN e scoraggia la medicina difensiva»
«In tutto il percorso diagnostico-terapeutico del paziente possono essere commessi errori: dalla diagnosi fino alla terapia. A volte, si tratta di errori indiretti causati dal sistema ospedale che non sono riconducibili alla responsabilità del singolo medico» specifica il presidente della Commissione Sanità del Senato
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Contenziosi pazienti-operatori sanitari, Nicola Titta (Anep): «Bene Arbitrato, professioni siano coinvolte. E per la Formazione si lavori su Codice deontologico»
Il Presidente dell’Associazione Nazionale educatori professionali guarda positivamente alla proposta lanciata dal gruppo Consulcesi su una camera di conciliazione per gestire l’enorme mole di ricorsi: «Registriamo tante aggressioni»
Contenziosi, Roberto Zazza (UIF): «Medici e avvocati troppo spesso ‘vittima’ di cittadini delusi dall’insuccesso. È un problema culturale…»
Parla il Direttore Nazionale Centro Studi UIF: «Troppi contenziosi alimentati strumentalmente. Anche noi avvocati denunciati da clienti che non accettano di perdere…»
Medicina difensiva, Rampelli (UIF): «Medico sottoposto a ‘tiro al piccione’. Occorre modificare questo habitat mentale»
«Serve un intervento legislativo per aiutare le strutture sanitarie a districarsi in caso di necessità. Legge Gelli utile ma va completata», così a Sanità Informazione Elisabetta Rampelli, presidente nazionale Unione Italiana Forense
Tribunale della Salute, Antonio Magi (OMCeO Roma): «Sostengo la petizione. Medicina difensiva costa 10 miliardi l’anno»
Il Presidente dell’Ordine del Medici di Roma rilancia l’iniziativa dello sportello: «Uno strumento di supporto gratuito per i cittadini che credono di essere stati vittima di un errore medico ma anche un supporto per i medici accusati ingiustamente». Poi attacca lo spot contro i medici: «Nasconde qualcosa»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...