Politica 7 Gennaio 2021 12:01

Recovery Plan, la nuova bozza: alla sanità 18 miliardi ma l’aumento effettivo è di 3,5 miliardi

Il Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri ha presentato la nuova bozza al premier Conte: aumentano i fondi per scuola, sanità e welfare. Le risorse per la sanità serviranno a implementare la medicina e la digitalizzazione. Prevista la costruzione di circa 5mila Case di comunità. Resta il nodo del MES

Recovery Plan, la nuova bozza: alla sanità 18 miliardi ma l’aumento effettivo è di 3,5 miliardi

La sanità non sarà più la cenerentola del Recovery Plan. Lo prevede la nuova bozza del Piano di investimenti che il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri ha consegnato il giorno dell’Epifania al Premier Giuseppe Conte e che ora andrà al vaglio del Consiglio dei Ministri: un passaggio molto delicato da cui potrebbero dipendere le sorti dell’esecutivo dopo la stroncatura dell’ex premier Matteo Renzi che aveva presentato un piano alternativo (ribattezzato “CIAO”). La bozza recepisce alcune delle osservazioni fatte dai partiti della maggioranza nelle scorse settimane per accedere ai fondi del Next Generation Ue, il piano europeo da 750 miliardi varato nel luglio scorso. All’Italia sono destinati 208,6 miliardi, di cui 127 miliardi di prestiti e 81 miliardi di trasferimenti a fondo perduto.

Recovery Plan, aumentano i fondi alla sanità

Aveva fatto molto discutere la scelta di destinare alla sanità solo 9 miliardi, il 4,6% dei 208,6 miliardi previsti dal Recovery Fund per l’Italia. Lo stesso Ministro della Salute Roberto Speranza si era detto insoddisfatto delle cifre, molto lontane rispetto ai 68 miliardi ipotizzati dal Ministero della Salute la scorsa estate. Nella nuova bozza alla sanità vengono destinati 18,1 miliardi, il doppio di quanto previsto in un primo momento.

In realtà l’aumento effettivo delle risorse è di circa 3,5 miliardi perché altri 5,6 miliardi sono quelli già riservati all’edilizia ospedaliera e che farebbero parte di un altro capitolo del Recovery Plan: quello relativo alla riqualificazione ed efficientamento energetico di tutto il patrimonio edilizio pubblico. Fondi, quest’ultimi, che serviranno per costruire 63 nuovi ospedali in 5 anni e altri 170 da ristrutturare.

Medicina territoriale e digitalizzazione le priorità del Recovery Plan

Al netto dunque di questi fondi, alla sanità andranno circa 12,5 miliardi di euro che serviranno in gran parte per potenziare le cure domiciliari e territoriali su cui negli ultimi mesi è al lavoro anche la Commissione Sanità del Senato con un Affare assegnato.

Secondo quanto riportato dal Sole 24 Ore il nuovo piano per la sanità all’interno del Recovery si divide in due maxi voci: 7,5 miliardi per il territorio e la telemedicina (di questi 4 miliardi per la case di comunità e la telemedicina, 980 milioni per le cure a casa e altri 2 miliardi per le cure intermedie e gli ospedali di comunità), il resto per innovazione e digitalizzazione.

I fondi serviranno a costruire circa 5mila Case di comunità per assistere anziani e malati cronici e dei presidi sanitari a degenza breve (gli ospedali di comunità) con una funzione intermedia tra il domicilio e il ricovero ospedaliero.

Altro capitolo è quello della digitalizzazione dei servizi sanitari, lo sviluppo della telemedicina e l’ammodernamento del parco apparecchiature degli ospedali che da solo vale circa 2 miliardi.

Resta il nodo del MES: nella bozza finale non dovrebbe esserci nessun riferimento all’adesione al Meccanismo Europeo di Stabilità nonostante il pressing di Italia Viva, complice il veto sul tema del Movimento Cinque Stelle.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Medicina, meme e “catarsi comica”. Com’è nato e in cosa consiste il fenomeno social Memedical
Intervista a Nicola Gambadoro, fondatore del gruppo Facebook che raccoglie, al momento, oltre 56mila camici bianchi iscritti
Università Bicocca di Milano: nasce la scuola di alta formazione professionale per manager della sanità
Sono 26 gli atenei coinvolti nella SPES, Alta Scuola di Sanità Pubblica a vocazione internazionale. Destinata a studenti con curriculum di eccellenza e in regola con gli esami, la scuola ha due obiettivi innovare e fare rete. Si comincia a settembre con il corso sull’emergenza sanitaria
Fragilità, anziani, identità digitale: Forum Risk, FNO TSRM e PSTRP e Simedet insieme per tracciare un nuovo modello di assistenza
Se ne parlerà al convegno online gratuito “Fragilità e identità digitale tra criticità e opportunità durante e dopo la pandemia” il 4 giugno. «Tra i temi al centro dell’incontro la telemedicina e il Fascicolo sanitario elettronico: il PNRR ci punta ma servono progetti concreti e realizzabili» sottolinea la presidente FNO TSRM e PSTRP Teresa Calandra
Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia
Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto in prima pagina si rivela innocente non sempre ne viene data notizia. In questi casi c’è il diritto all’oblio
Misiti (M5S) lancia Ddl per rivedere l’accreditamento di eccellenza: «Stop a ingerenze politiche, coinvolgiamo società scientifiche»
Il medico e deputato M5S Carmelo Massimo Misiti: «Il mio obiettivo è ridare dignità al medico non più su una base politica ma sulla base della qualità dei servizi erogati»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 giugno, sono 178.491.809 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.866.201 i decessi. Ad oggi, oltre 2,6 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM