Politica 7 Gennaio 2021 12:01

Recovery Plan, la nuova bozza: alla sanità 18 miliardi ma l’aumento effettivo è di 3,5 miliardi

Il Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri ha presentato la nuova bozza al premier Conte: aumentano i fondi per scuola, sanità e welfare. Le risorse per la sanità serviranno a implementare la medicina e la digitalizzazione. Prevista la costruzione di circa 5mila Case di comunità. Resta il nodo del MES

Recovery Plan, la nuova bozza: alla sanità 18 miliardi ma l’aumento effettivo è di 3,5 miliardi

La sanità non sarà più la cenerentola del Recovery Plan. Lo prevede la nuova bozza del Piano di investimenti che il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri ha consegnato il giorno dell’Epifania al Premier Giuseppe Conte e che ora andrà al vaglio del Consiglio dei Ministri: un passaggio molto delicato da cui potrebbero dipendere le sorti dell’esecutivo dopo la stroncatura dell’ex premier Matteo Renzi che aveva presentato un piano alternativo (ribattezzato “CIAO”). La bozza recepisce alcune delle osservazioni fatte dai partiti della maggioranza nelle scorse settimane per accedere ai fondi del Next Generation Ue, il piano europeo da 750 miliardi varato nel luglio scorso. All’Italia sono destinati 208,6 miliardi, di cui 127 miliardi di prestiti e 81 miliardi di trasferimenti a fondo perduto.

Recovery Plan, aumentano i fondi alla sanità

Aveva fatto molto discutere la scelta di destinare alla sanità solo 9 miliardi, il 4,6% dei 208,6 miliardi previsti dal Recovery Fund per l’Italia. Lo stesso Ministro della Salute Roberto Speranza si era detto insoddisfatto delle cifre, molto lontane rispetto ai 68 miliardi ipotizzati dal Ministero della Salute la scorsa estate. Nella nuova bozza alla sanità vengono destinati 18,1 miliardi, il doppio di quanto previsto in un primo momento.

In realtà l’aumento effettivo delle risorse è di circa 3,5 miliardi perché altri 5,6 miliardi sono quelli già riservati all’edilizia ospedaliera e che farebbero parte di un altro capitolo del Recovery Plan: quello relativo alla riqualificazione ed efficientamento energetico di tutto il patrimonio edilizio pubblico. Fondi, quest’ultimi, che serviranno per costruire 63 nuovi ospedali in 5 anni e altri 170 da ristrutturare.

Medicina territoriale e digitalizzazione le priorità del Recovery Plan

Al netto dunque di questi fondi, alla sanità andranno circa 12,5 miliardi di euro che serviranno in gran parte per potenziare le cure domiciliari e territoriali su cui negli ultimi mesi è al lavoro anche la Commissione Sanità del Senato con un Affare assegnato.

Secondo quanto riportato dal Sole 24 Ore il nuovo piano per la sanità all’interno del Recovery si divide in due maxi voci: 7,5 miliardi per il territorio e la telemedicina (di questi 4 miliardi per la case di comunità e la telemedicina, 980 milioni per le cure a casa e altri 2 miliardi per le cure intermedie e gli ospedali di comunità), il resto per innovazione e digitalizzazione.

I fondi serviranno a costruire circa 5mila Case di comunità per assistere anziani e malati cronici e dei presidi sanitari a degenza breve (gli ospedali di comunità) con una funzione intermedia tra il domicilio e il ricovero ospedaliero.

Altro capitolo è quello della digitalizzazione dei servizi sanitari, lo sviluppo della telemedicina e l’ammodernamento del parco apparecchiature degli ospedali che da solo vale circa 2 miliardi.

Resta il nodo del MES: nella bozza finale non dovrebbe esserci nessun riferimento all’adesione al Meccanismo Europeo di Stabilità nonostante il pressing di Italia Viva, complice il veto sul tema del Movimento Cinque Stelle.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Premio “Leads – Donne Leader in Sanità”, Lorenzin: «Ai vertici sempre gli uomini, serve rapido cambio di passo»
L’iniziativa nasce per promuovere la leadership delle donne in ambito sanitario. «Per quanto le donne siano assoluta maggioranza – il 64,5% del SSN italiano secondo l’Oms – osservando le posizioni di leadership questa piramide si rovescia» specifica la presidente Patrizia Ravaioli
IV Congresso Big Data in Health, tra salute collettiva e rispetto della privacy
L’avvocato Luca Bolognini: «Necessario un bilanciamento per supportare la spinta all’innovazione senza perdere di vista l’etica del trattamento dati»
I ricercatori in sanità chiedono la stabilizzazione: «Così è difficile programmare l’attività scientifica»
L’ARSI, Associazione Ricercatori in Sanità, chiede che nell’articolo 92 della Legge di Bilancio che stabilizza i precari assunti durante l’emergenza Covid siano inseriti anche i ricercatori degli IRCSS e degli IZS
di Francesco Torre
«Tutti i professionisti sanitari siano coinvolti nelle Case di Comunità». Dal Congresso di Rimini l’appello della FNO TSRM PSTRP
Teresa Calandra, presidente della Federazione che rappresenta 19 professioni sanitarie, spiega: «In questo modo si farà meno fatica poi a trovare le eventuali figure professionali che non sono state inserite nei piani regionali»
di Francesco Torre
“Sviluppo tecnologico nelle malattie cardiovascolari”, il 26 e 27 novembre torna Ciociaria Cuore
A Ferentino due giorni dedicata agli sviluppi nel campo delle malattie cardiovascolari: tra gli ospiti il genetista Giuseppe Novelli e il professore emerito di cardiologia Francesco Fedele. Tra i focus quello sulla chirurgia robotica e sull’ospedale virtuale
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 novembre, sono 262.221.568 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.208.466 i decessi. Ad oggi, oltre 7,95 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano