Politica 9 Dicembre 2020 17:00

Recovery Fund, Palermo (Anaao): «Risorse per la sanità troppo scarse. Alzare stipendi o i nostri medici andranno all’estero»

Il Segretario del Sindacato dei Dirigenti Medici commenta le risorse stanziate per la sanità nella bozza del Recovery Plan: «Per interventi strutturali, finanziamento nuovi contratti e informatizzazione ne sarebbero serviti almeno 50». Anche il Ministro Speranza si dice deluso

Recovery Fund, Palermo (Anaao): «Risorse per la sanità troppo scarse. Alzare stipendi o i nostri medici andranno all’estero»

Il 4,3% delle risorse del programma europeo Next Generation riservate alla sanità italiana corrisponde ad un investimento «troppo basso rispetto alle nostre esigenze» e rappresentano un «fatto grave» ma non «inatteso». Almeno per quanto riguarda Anaao-Assomed che «ha da subito, ma invano, chiesto i 37 miliardi del MES, temendo che nella ripartizione del fondo generale la sanità pubblica avrebbe fatto, tra tanti vasi di ferro, il vaso di coccio, cui destinare le briciole, se non gli avanzi».

«Rispetto ai 68 miliardi di cui parlava il Ministro Speranza – spiega ai nostri microfoni Carlo Palermo, Segretario Anaao-Assomed – ce ne saremmo aspettati una cinquantina. Ma nove miliardi su oltre 200 sono veramente poca cosa». Ed in effetti anche lo stesso Speranza è rimasto deluso dalla bozza del Recovery Plan e ha promesso che si farà sentire.

«La situazione viene sottovalutata»

Ma perché è stato previsto uno stanziamento considerato così basso? «Non so se ci sono altre partite in ballo che non possono essere dichiarate – spiega Palermo –. Abbiamo in campo anche la possibilità del MES e non so se qualcuno pensa di recuperare risorse con questo strumento. Forse sarebbe stato meglio fare il contrario, ovvero prendere le risorse del MES e poi dare più disponibilità agli altri settori. In ogni caso – continua il Segretario di Anaao-Assomed –, ci troviamo di fronte ad una chiara sottovalutazione della gravità della situazione perché abbiamo bisogno di risorse anche per evitare una terza ondata della pandemia. Considerato che abbiamo la mortalità più alta d’Europa, se vogliamo puntare al primato mondiale la strada è questa, non c’è che dire».

«Aumentare gli stipendi per contrastare l’esodo verso altri Paesi europei»

Il piano previsto dal Ministro della Salute, che prevedeva quantità di risorse molto più ingenti per innovare e ammodernare la sanità in una prospettiva lungimirante, secondo Palermo «andava proprio in questa direzione: abbiamo visto le difficoltà avute nell’operare in strutture a volte fatiscenti o non a norma, anche dal punto di vista antisismico. La mancata separazione del percorso infetto da quello pulito, ad esempio, è stata una delle responsabili della gravità della pandemia. Per non parlare poi dell’innovazione tecnologica, dell’informatizzazione, della necessità di alzare gli stipendi del personale sanitario che è inferiore, al lordo, del 40% annuo rispetto al resto d’Europa. Ci sono tante cose da fare, insomma, anche per contrastare la concorrenza da parte degli altri Paesi europei, visto che mancheranno in Europa circa 230mila specialisti e i nostri professionisti andranno a lavorare laddove troveranno condizioni migliori».

«Assorbire imbuto formativo»

Altro intervento da effettuare, e per il quale ovviamente servono risorse ad hoc (circa 1 miliardo e 300mila euro), è quello di «finanziare i contratti necessari per assorbire l’imbuto formativo: servono 12mila nuovi contratti tra il 2021 e il 2022 per garantire il flusso degli specialisti».

Insomma, per risanare la sanità nove miliardi non bastano ma ne servirebbero circa «otto o nove all’anno. Basterebbe fuggire da ogni ritrosia ideologica e attivare il MES – conclude Palermo –: avremmo 37 miliardi senza sottrarre risorse agli altri settori».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Donne in sanità, Palermo (Anaao): «È il loro tempo. Vogliamo far tesoro del lavoro compiuto fin qui»
Il segretario Nazionale di Anaao Assomed parla in occasione della IV Conferenza Nazionale Donne Anaao
Allarme burnout, in Lombardia più di 7 medici su 10 con stress cronico
Una ricerca realizzata da Università degli Studi Milano-Bicocca per ANAAO-ASSOMED Lombardia porta in luce come il 71,6% dei medici sospetti di aver sofferto di burnout
Anaao-Assomed: «Femminilizzazione della professione medica è un valore per il SSN»
L’Anaao Assomed vuole, pertanto, esprimere un primo pensiero di vicinanza alle donne che curano, affermando i valori della vita e della pace, e a quelle, vittime di una follia senza giustificazioni
Medici e infermieri bocciano la legge di Bilancio: «Nessun intervento contro la carenza di personale»
Anaao Assomed: «Nessuna soluzione per fermare la fuga dei medici». FNOPI: «Brutto episodio per la professione infermieristica». Fismu: «Nulla per i medici del 118»
Le borse di specializzazione saranno troppe rispetto ai laureati. Anaao: «Spreco di oltre 2mila milioni di euro»
«Nel 2026-2027 si avranno 19.800 posti in specialità che non troveranno medici disponibili a occuparli. Reinvestire denaro per rendere la professione più appagante»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 maggio, sono 524.050.910 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.273.518 i decessi. Ad oggi, oltre 11,43 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...