Politica 24 Agosto 2018

Nave Diciotti, Osservatorio internazionale per la salute: «Tutelare le persone a bordo tutela anche l’Italia»

Francesco Aureli (presidente OIS): «Il diritto alla salute deve essere imprescindibilmente garantito. I migranti che sono sulla Diciotti sono individui, persone che hanno già subìto traumi e hanno diritto a vedere tutelata la propria salute fisica e mentale»

Immagine articolo

«Occorre far capire che tutelare la salute delle persone a bordo della nave Diciotti, da giorni a Catania, significa tutelare anche quella dei cittadini italiani». Lo afferma Francesco Aureli, presidente dell’Osservatorio internazionale per la salute (Ois).

«Il diritto alla salute – spiega Aureli – deve essere imprescindibilmente garantito, in base alla nostra Costituzione che all’articolo 32 afferma che “la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività”. Al di là delle trattative in corso con gli altri Paesi UE, i migranti che sono sulla Diciotti sono individui, persone che hanno già subìto traumi e hanno diritto a vedere tutelata la propria salute fisica e mentale, anche per garantire il benessere di tutta la collettività italiana ed europea. Non si tratta di altruismo o di buonismo: garantire la salute e il benessere dei migranti, sin dalla primissima accoglienza, oltre a tutelare un diritto umano e costituzionale è un atto che preserva anche la salute e il benessere degli italiani».

LEGGI ANCHE: ASSISTENZA MIGRANTI, MINORI E SOGGETTI VULNERABILI: CRESCE LA RETE DI OIS ONLUS E SANITÀ DI FRONTIERA

«Quello che sta accadendo sulla nave Diciotti – conclude Aureli – potrebbe fungere da stimolo per un dibattito serio, costruttivo e fattivo sul tema dell’immigrazione e della connessione fra politiche di accoglienza e integrazione e la salute delle comunità di accoglienza. I fenomeni migratori sono connaturati all’uomo e non si possono arrestare ma occorre governarli. Per questo è fondamentale procedere con una visione e con politiche ripensate, efficaci e non improvvisate a seconda degli umori politici, delle dinamiche di coalizione o dei ‘like’ sui social network».

L’Osservatorio, in collaborazione con Consulcesi Onlus, sta promuovendo numerosi progetti mirati all’assistenza, sanitaria e non, di chi arriva dall’altra parte del Mediterraneo. Insieme, Ois e Consulcesi Onlus hanno promosso ‘Sanità di Frontiera’, un progetto di spiccata sensibilità sociale che ha ricevuto il sostegno da parte anche della Santa Sede mediante l’Obolo di San Pietro, e di cui il presidente di Consulcesi Onlus e ideatore del progetto Sanità di Frontiera, Massimo Tortorella, ha avuto modo di parlare direttamente con Papa Francesco.

LEGGI ANCHE: OSSERVATORIO OIS, BARTOLO: «MIGRANTI E POVERI, TANTI PROGETTI IN CANTIERE. IL PAPA CI SEGUE PASSO PASSO»

Articoli correlati
Sanità di Frontiera: «Così insegniamo ai medici ad ascoltare i bisogni dei migranti e a curare le ferite invisibili»
Il 28 e il 29 novembre a Roma il nuovo corso di formazione “Salute e Migrazione: curare e prendersi cura” rivolto a medici di famiglia e pediatri. Il direttore generale di Sanità di Frontiera Francesco Aureli: «Necessario che i camici bianchi siano formati per riconoscere ed affrontare i traumi subiti dai migranti»
Assistenza ai migranti e formazione del personale sanitario: la Clinica Dermatologica della Federico II in prima linea
L’incontro intitolato “La pelle non ha colori” rivolto ai responsabili dei centri accoglienza in Campania per instaurare una collaborazione efficace
Salute, Aodi (OMCeO Roma): “I migranti non portano malattie, ne parliamo il 19 ottobre a Roma”
“I migranti non portano malattie”. È questo il concetto fondamentale del secondo convegno organizzato dall’Omceo di Roma ,promosso dall’Area rapporti con i comuni e affari esteri, previsto per il prossimo 19 ottobre. L’evento tratterà  “Le patologie più frequenti nei migranti e le emergenze sanitarie” sempre argomenti di interesse di salute, immigrazione, integrazione, cooperazione internazionale e rapporti […]
Giornata del migrante, Amsi e Co-mai: «Grazie a Papa Francesco, con lui il mondo è sempre più umano, dialogante, aperto e solidale»
Il fondatore di Amsi e Co-mai Foad Aodi al mondo politico e istituzionale: «Urge passare dalle parole ai fatti e alla concretezza anche per lo Ius Soli temperato». E lancia 7 punti
Frontiera Italia-Slovenia, rafforzati controlli sanitari alla frontiera. Fedriga (FVG): «Verificare in sicurezza stato di salute delle persone intercettate»
Accordo tra Regione Friuli-Venezia Giulia e Prefettura di Trieste per un protocollo operativo a tutela della salute delle Forze di Polizia, degli operatori e dei migranti stessi. Saranno allestite strutture di primissima accoglienza con i requisiti minimi essenziali di igiene e profilassi. Soddisfatto il SAP
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

«Mi sono licenziato dopo 11 anni ma nessuno mi ha chiesto perché…». Diventa virale lo sfogo di un medico su Facebook

Nel lungo post pubblicato nei giorni scorsi il dottor Luigi Milandri elenca i motivi per cui fare il medico in Italia è un lavoro che spesso non ripaga: «Ho scritto questo post perché avrei voluto ...