Salute 13 Luglio 2020 10:57

Migranti, il Viminale requisisce navi e strutture per isolare i positivi al Covid

Arrivano proteste da Sicilia e Calabria per gli arrivi di migranti positivi al coronavirus. Lamorgese procederà a requisire navi e caserme per l’isolamento

Migranti, il Viminale requisisce navi e strutture per isolare i positivi al Covid

Mentre in Italia l’emergenza interna sembra sotto controllo, con il tempestivo intervento su singoli focolai di coronavirus, ora a far paura sono i “contagi importati” da stranieri e migranti. Nell’ultima settimana i casi provenienti da Paesi a rischio sono aumentati: in primis dal Bangladesh, ma anche da Messico, Brasile e Ucraina. Cifre che hanno portato il ministro della Salute a sospendere i voli da 14 Stati in cui l’epidemia non è sotto controllo.

Intanto da Calabria e Sicilia si profila sempre più insistente una nuova emergenza: quella dei migranti positivi. Secondo i dati del Viminale, al 10 luglio gli arrivi superavano le 8 mila unità. Non solo persone salvate dalle Ong, ma anche arrivi autonomi su imbarcazioni di fortuna. Difficili da tracciare senza un controllo autentico. Solo nelle ultime settimane sono 80 i migranti positivi sbarcati. Numeri che hanno scatenato proteste dai cittadini, come quella di Roccella Ionica in cui si lamentava un abbandono da parte del governo degli abitanti delle regioni di confine.

Dal governo è arrivata quindi la comunicazione che si procederà a isolare i migranti in arrivo irregolare dentro navi e caserme requisite. Già in queste ore sono iniziati i primi trasferimenti sul traghetto Moby Zazà di Porte Empedocle, dove sono già ospitati i migranti soccorsi dalla Ocean Viking. Si procederà poi ad altre requisizioni dove chi sbarca potrà trascorrere la quarantena di due settimane. In Calabria saranno invece trasferiti in un edificio gestito dall’agenzia dei beni confiscati. Chi è positivo al tampone verrà invece isolato e sottoposto ai controlli sanitari dovuti.

I DECRETI PREVISTI

Con la circolare dello scorso 1 aprile si stabiliva l’obbligo di permanenza nelle strutture di accoglienza per migranti e richiedenti asilo. Per i nuovi arrivi lo screening obbligatorio da parte delle autorità sanitarie. Successivamente è previsto un tempo di sorveglianza sanitaria e isolamento fiduciario per 14 giorni. Al termine del periodo, con certificazione scritta di negatività i migranti possono poi essere trasferiti ad altra struttura di accoglienza.

Al personale che gestisce i centri è fatto obbligo di costante informazione verso i migranti su rischi della diffusione del virus, prescrizioni igienico-sanitarie, distanziamento nei centri e limitazione degli spostamenti.

Il 12 aprile, il decreto 1287 del Capo dipartimento della Protezione Civile Angelo Borrelli, stabiliva il ministero dell’Interno come Soggetto Attuatore delle misure di isolamento fiduciario e quarantena per contrastare la diffusione di Covid-19. Con la Croce Rossa Italiana come strutture operativa del Servizio nazionale. Al ministero viene quindi concessa la possibilità di requisire navi per l’isolamento dei soggetti soccorsi in mare a cui non sia possibile indicare un place of safety. Per gli arrivi autonomi, in concerto con le prefetture regionali, il Soggetto Attuatore individua altre aree da adibire come alloggi e stipula contratti per vitto, permanenza e servizi. Da utilizzare per il periodo di isolamento. In caso non fosse possibile trovarne, si potrà utilizzare le navi.

SOSPESO IL PLACE OF SAFETY

Lo scorso 17 aprile è arrivato il decreto n. 150 del ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, con Affari Esteri, Interno e Salute, che ha sospeso fino al 31 luglio la classificazione di place of safety per i porti italiani. Dunque per i casi di soccorso effettuati da navi battenti bandiera straniera al di fuori dell’area SAR italiana, l’Italia segnala di non poter assicurare strutture e presidi per monitorare questi arrivi. Diversamente è fatto obbligo di soccorso in area SAR italiana. Non è stato comunque sospeso il soccorso in caso di emergenza, come è successo per la nave Alan Kurdi il 16 aprile.

Ora con il blocco dei voli, tra cui molti da Paesi africani, si prevede un aumento degli arrivi irregolari nelle prossime settimane. Secondo i servizi di intelligence molte organizzazioni criminali stanno già procedendo a concertare spostamenti verso l’Italia e altri stati europei. Oggi il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese è attesa a Trieste per un vertice Ue. Dove tornerà a chiedere collaborazione agli altri Paesi europei contro il rischio di dover gestire, l’Italia sola, gli arrivi estivi.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ritardi, iniziative legali e l’equivoco “dose” e “fiala” tra Ue e Pfizer
Perché Pfizer sta consegnando meno vaccini del previsto? Che risvolti avrà questo ritardo sul piano vaccinale italiano? Conte: «Le notizie che arrivano sono preoccupanti». Ma il viceministro alla Salute Sileri è ottimista
Un terzo dosi vaccino a personale non sanitario. Sileri: «Se sono “imbucati” intervengano le autorità giudiziarie»
L’allarme è stato lanciato dal presidente Fnomceo Anelli: «Gli amministrativi hanno diritto ad essere vaccinati, ma se il programma vaccinale procede per valori di rischio, allora è inaccettabile che medici e operatori sanitari siano stati esclusi»
Covid-19, professionisti sanitari sotto stress. Perciballi (FNO TSRM e PSTRP): «Un convegno per diffondere i contenuti del protocollo con CNOP»
Il 26 gennaio sarà presentato in diretta streaming sul canale Youtube dell’Ordine degli Avvocati di Roma il protocollo d’intesa tra l’Ordine degli Psicologi (CNOP) e la Federazione delle professioni sanitarie (FNO TSRM PSTRP). Tra gli ospiti Federico Gelli e l’ex ministro della Salute Beatrice Lorenzin
Covid, 300 i medici caduti. Anelli (Fnomceo): «Basta chiamarci eroi, chiediamo rispetto. Vaccinare ora tutti i medici»
«È inaccettabile vedere persone che non svolgono un'attività così rischiosa essere sottoposte al vaccino e osservare una larga parte della professione medica non ancora vaccinata - constata Anelli -. A tutti i medici va garantita la vaccinazione, senza distinguo inutili e ingiusti»
Quando il lavoro diventa una malattia: cos’è il workaholism e perché è aumentato con lo smart working
Algeri (psicoterapeuta): «Perfezionisti, persone orientate al successo e soggetti con atteggiamenti compulsivi sono più a rischio di dipendenza da lavoro. Con le misure restrittive, imposte per contenere la pandemia, è più difficile spostare l’attenzione su altre attività e liberarsi dal workaholism»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 gennaio, sono 99.225.963 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.130.179 i decessi. Ad oggi, oltre 64,02 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»