Politica 6 Novembre 2020

Immuni, quasi 10 milioni di download ma poche notifiche. Volpi (M5S): «Servono linee guida per i medici di famiglia»

La deputata del Movimento 5 Stelle: «Le Asl non sempre hanno caricato i dati, con call center possibile svolta»

Immuni, quasi 10 milioni di download ma poche notifiche. Volpi (M5S): «Servono linee guida per i medici di famiglia»

Tra gli strumentali fondamentali nella lotta al virus, un ruolo particolare ce l’ha l’app Immuni, attivata il 15 giugno su tutto il territorio nazionale. Dopo un inizio stentato, ora l’applicazione, come comunicato dal Ministro Speranza in Parlamento, è stata scaricata da quasi dieci milioni di utenti (circa 9 milioni e 600mila al primo novembre).

Oltre al problema dei download (più gente la scarica e più aumenta l’efficienza delle segnalazioni) una delle grandi criticità è il sistema di tracciamento e notifica dei casi. Un tema portato in Parlamento dalla deputata e medico del Movimento Cinque Stelle Leda Volpi in un Question Time con il Ministro della Salute.

IMMUNI, VOLPI: «FONDAMENTALE CHE FUNZIONI BENE»

«Il tracciamento sinora non è proceduto con efficienza – spiega Volpi a Sanità Informazione -. Con il Dl Ristori è stata sancita la novità di creare un call center, un supporto telefonico e telematico per Immuni. Finora non era molto chiaro a chi spettasse l’inserimento dei codici per sbloccare la notifica di Immuni e questo ha causato una grossa discrepanza tra i download dell’app e le notifiche».

La novità è figlia dei provvedimenti di queste ultime settimane: se finora spettava esclusivamente agli operatori delle Asl eseguire questa operazione di inserimento, adesso anche gli operatori del call center che il Commissario straordinario Domenico Arcuri sta organizzando potranno dare una mano. L’obbligo dell’inserimento di questi dati è stato sancito dal Dpcm del 18 ottobre.

«Molto spesso gli operatori dell’Asl o non chiedono niente sull’app Immuni o non sanno caricare il codice. Questo è un problema – spiega l’onorevole Volpi -. Noi abbiamo creato un’app all’avanguardia. All’inizio avevamo il tracciamento manuale entrato rapidamente in crisi perché le regioni non si sono adoperate per assumere personale ad hoc (poteva anche non essere personale medico). Ora con questi numeri dei contagi il contact tracing manuale è saltato. In media ogni contagiato ha avuto contatti stretti con 10 persone, secondo le statistiche. In questa ottica far funzionare bene Immuni è fondamentale».

«All’inizio della seconda ondata – continua Volpi – sarebbe stato auspicabile avere un esercito di tracciatori per porre tutte le domande utili, mentre è esperienza riportata da molti cittadini che quando si comunica la positività a volte non vengono fatte tutte le domande necessarie. Sicuramente lo strumento Immuni deve funzionare: avrebbe dovuto farlo dall’inizio ma non è mai troppo tardi. È fondamentale che chi lo ha scaricato possa sfruttarlo».

«SERVONO LINEE GUIDA CHIARE PER I MEDICI DI FAMIGLIA»

Altro tema sollevato da Leda Volpi in Parlamento è quello di elaborare Linee Guida chiare ed uniformi per i medici di base sul comportamento da tenere quando un assistito riceve la notifica su Immuni. «È emerso – spiega Volpi – che alcuni MMG chiedevano al paziente di isolarsi 14 giorni, altri dicevano solo qualche giorno, altri ancora prenotavano il tampone. Sarebbe utile avere delle linee Guida per i Medici di famiglia in modo da sapere cosa dire ai pazienti che ricevono la notifica».

Ai medici di famiglia ora spetterà anche il compito di eseguire i test negli studi, una decisione che sta sollevando polemiche: «È importante prendere esempio dagli esempi virtuosi perché già oggi in Italia abbiamo delle esperienze positive – conclude Volpi -. Per esempio so che in alcune Asl dell’Emilia Romagna sono stati organizzati degli ambulatori Covid – No Covid, un modello da considerare. Si sono messi insieme i medici di famiglia che volevano aderire e i medici delle Usca. Hanno adibito degli ambulatori destinati solo a pazienti con sintomi respiratori, una sorta di ‘percorso sporco’, dove vengono eseguiti i tamponi, mentre hanno lasciato il ‘percorso pulito’ agli altri loro ambulatori in modo da poter visitare tranquillamente i loro assistiti. Mi sembra una buona soluzione perché non tutti hanno uno studio a piano terra con tutte le caratteristiche per non far entrare i casi sospetti Covid nei condomini. Potrebbe essere un modello da copiare. Dobbiamo cercare di prendere spunto dagli esempi che funzionano. Non bisogna inventarsi niente. Certo, i medici di famiglia hanno un carico di lavoro molto grande in questo momento. Purtroppo molte regioni sono in difficoltà perché non hanno saputo organizzare le Usca».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid e gravidanza, studio ISS: su 875 donne con virus nessuna morte, il 2% in terapia intensiva
Una rete ISS monitora le donne positive in gravidanza: alla luce dei dati, la trasmissione del virus da madre a neonato sembra possibile ma molto rara e non influenzata dalla modalità del parto, dall’allattamento o dal rooming-in
Covid-19, Gimbe: «Frena contagio, restrizioni funzionano. Ma il colore delle regioni sbiadisce troppo in fretta»
Il monitoraggio settimanale di Gimbe conferma timidi segnali di rallentamento dell’epidemia, ma i numeri sono ancora molto elevati: oltre 165 mila nuovi casi e 5.055 decessi. Quasi 780 mila attualmente positivi, con soglie di saturazione di ospedali superate in 15 regioni e le terapie intensive in 16
Dal 21 dicembre al 6 gennaio vietati spostamenti tra Regioni: il Dl sul Natale “prudente”
Feste di Natale all'insegna di pochi intimi. Vietati i viaggi verso le seconde case. 25, 26 dicembre e 1 gennaio si potranno trascorrere solo nel proprio Comune. Permesso tornare presso la propria residenza
Covid-19, con ruxolitinib e cortisone possibile riduzione della mortalità del 70%
D’Alessio (Policlinico San Marco di Zingonia): «Dopo aver sperimentato diversi farmaci, questo, somministrato precocemente, ha dato risultati interessanti in attesa del vaccino»
di Federica Bosco
Il Covid-19 acuisce ansia e stress. Con “niente paura” arriva un aiuto in piu’!
www.nientepaura.info, un sito dedicato a chi soffre di disturbi d’ansia, stress e insonnia. Consigli degli esperti per gestire questi eventi e ritrovare il benessere psicologico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli