Salute 19 Ottobre 2020 10:06

I sindaci potranno chiudere le zone della movida: tutte le nuove misure del Dpcm

Sindaci contro la “movida”, Superiori a scuola dopo le 9 e locali senza tavoli chiusi alle 18. Per gli operatori sanitari obbligo a registrare il codice Immuni delle persone contagiate nel sistema centrale

I sindaci potranno chiudere le zone della movida: tutte le nuove misure del Dpcm

Ristoranti chiusi alle 24 e la possibilità per i sindaci di imporre il coprifuoco. Sono due delle principali novità introdotte con il Dpcm per contrastare il coronavirus, annunciate dal presidente Giuseppe Conte in conferenza stampa ieri sera. Un decreto che va ad ampliare le restrizioni già imposte martedì scorso, ma non le inasprisce quanto ci si sarebbe aspettato.

La vera novità riguarda la possibilità per i sindaci delle città italiane di chiudere i luoghi della “movida” dopo le 21. Il primo cittadino dovrebbe essere in grado di conoscere precisamente le zone a rischio della propria città e garantire, così, una copertura capillare degli assembramenti.

LEGGI IL DPCM DEL 18 OTTOBRE 2020

Conte ha anche lanciato un ultimatum a palestre e piscine, concedendo ancora una settimana per conformarsi alle regole già precedentemente imposte e garantire distanziamento fisico e sanificazione. In caso in cui le irregolarità di alcune delle strutture rimanessero, il presidente ha chiarito che lunedì prossimo sarà il giorno di chiusura definitiva. Stop definitivo agli sport di contatto a livello dilettantistico, così anche le gare, competizioni e ogni altra attività a questi legata.

SCUOLE, RISTORANTI E FIERE

A scuola sono le superiori l’oggetto delle novità del Dpcm per ora. Si impone il ricorso alla didattica a distanza, da mantenere in contemporanea con quella in presenza e l’obbligo a scaglionare ulteriormente gli ingressi e le uscite dei ragazzi più grandi. Anche prevedendo turni pomeridiani e con l’arrivo non prima delle 9 di mattina.

Vietate tutte le sagre, le fiere e i congressi. Mentre restano confermate quelle di carattere nazionale o internazionale. I convegni tornano ad essere possibili solo in modalità a distanza.
Infine, è imposto l’obbligo all’operatore sanitario di caricare il codice chiave di una persona contagiata nel sistema centrale di Immuni. Un’imposizione necessaria per migliorare il contact tracing tramite app.
Articoli correlati
Covid, alcune persone potrebbero aver perso l’olfatto per sempre? L’ipotesi allarmante in uno studio
La perdita dell'olfatto a causa di Covid-19 potrebbe durare a lungo o addirittura per sempre. Uno studio rivela che una persona su 20 non l'ha recuperato dopo 18 mesi
Longevità, prevenzione e tecnologia. L’ex premier Giuseppe Conte annuncia un progetto sulla terza età
Al convegno alla Camera su “Tecnologie e Longevità” anche Valter Longo, inventore della dieta mimadigiuno: «Intervenendo su nutrizione e attività fisica grosso impatto su invecchiamento, ma big companies si oppongono». Per la neuroscienziata Antonella Santuccione Chadha occorre investire di più sulla ricerca sul cervello
di Francesco Torre
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.