Politica 22 Settembre 2021 12:08

Lavoratori senza Green pass, nessuna sanzione disciplinare ma blocco dello stipendio

Cosa stabilisce il Decreto Green pass bis? Sospensioni dallo stipendio e assenza ingiustificata per chi non ha la certificazione. Mentre si rischia la sanzione se si va comunque al lavoro

Lavoratori senza Green pass, nessuna sanzione disciplinare ma blocco dello stipendio

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha firmato il decreto legge che estende l’obbligo di Green pass a tutti i lavoratori del pubblico e del privato. Con la pubblicazione ufficiale in Gazzetta si promulga anche l’offerta di tamponi rapidi a prezzi calmierati in farmacia e nelle strutture sanitarie convenzionate e autorizzate dal Sistema sanitario nazionale.

Dal 15 ottobre al 31 dicembre 2021 entra in vigore l’obbligo di Green pass per tutti i lavoratori. All’interno si chiarisce inoltre che i lavoratori sprovvisti di Green pass saranno considerati assenti ingiustificati fino alla presentazione della certificazione, dal quinto giorno di assenza. Sono i datori di lavoro a dover controllare il rispetto del decreto, come stabilito al comma 4 dell’articolo 1, predisponendo le misure essenziali per la verifica all’accesso nel luogo di lavoro. A tal fine dovrà essere nominato un addetto all’accertamento e contestazione delle violazioni con atto formale.

Sospensioni di stipendio e sanzioni

Ad eccezione degli esenti dalla vaccinazione Covid, chi non dovesse presentare il Green pass sul lavoro è considerato assente ingiustificato fino a quando non lo farà «senza conseguenze disciplinare e con diritto a conservazione del rapporto di lavoro». Ma per i giorni di assenza non sono dovuti né retribuzioni né emolumenti.

In caso di violazione dell’obbligo il regime sanzionatorio prevede sanzioni da 400 a 1.000 euro per mancata verifica da parte del datore di lavoro e da 600 a 1.500 per accesso al lavoro senza certificazione da parte del dipendente.

Sotto i 15 dipendenti, impresa potrà rimpiazzare lavoratore

Nell’articolo 2 si specifica che anche i magistrati dovranno esibire Green pass negli uffici giudiziari, così come i componenti delle Commissioni tributarie. Nell’articolo 3 si aggiungono i lavoratori del settore privato. Anche in questo caso sanzioni e controlli sono gli stessi. Con l’aggiunta che per le imprese con organico inferiore a 15 dipendenti si potrà sospendere e sostituire temporaneamente il lavoratore per un massimo di 10 giorni, rinnovabile solo una volta.

Tamponi calmierati

L’articolo 4 chiarisce l’obbligo di prezzo calmierato per i tamponi antigenici rapidi in farmacia e nelle strutture sanitarie convenzionate con Ssn. Si specifica inoltre che vengono riservati 105 milioni di euro per garantire fino al 31 dicembre la gratuità dei tamponi rapidi per chi non possa ricevere o completare la vaccinazione anti-Covid a causa delle proprie condizioni di salute certificate.

Infine nell’articolo 8 si specifica che il Comitato tecnico-scientifico si esprimerà sulle misure di distanziamento nei luoghi di cultura, sport e azione ricreativa entro il 30 settembre, decidendo in base all’andamento epidemiologico, sull’estensione del Green pass e alla campagna vaccinale.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Covid, Gimbe: «Contagi in calo. Immunità di gregge una chimera, obbligo vaccinale una scelta politica»
Il monitoraggio della Fondazione Gimbe, nella settimana 1-7 settembre, rileva una diminuzione dei nuovi casi (-12,5%) dopo 9 settimane di aumento e un’ulteriore frenata negli ospedali
Green pass obbligatorio a scuola e nelle mense aziendali, le regole e le proteste dei sindacati
A breve la ripresa della scuola, con l'obbligo del Green pass (o dell'esenzione) per il personale: arriva la nota tecnica dal Ministero e il chiarimento sulla gestione della privacy. I sindacati lamentano la norma sulle mense al chiuso
Vaccino Covid in età pediatrica, Biasci (Fimp): «Siamo disponibili, conterà rapporto fiduciario con famiglie»
«Dateci la possibilità di vaccinare i ragazzi – spiega il presidente della Federazione italiana medici pediatri a Sanità Informazione - ce la metteremo tutta non appena avremo disponibilità di dosi nei nostri studi»
Green Pass, Ippolito (Spallanzani): «Dare più libertà a chi non è un rischio per la salute pubblica»
«Il Green Pass deve essere scrupolosamente applicato per quelle che sono le sue finalità. La gente comune non capirebbe per quale motivo, in caso di ripresa della pandemia, si dovrebbero applicare le stesse restrizioni a chi è vaccinato e a chi non lo è». E sui vaccini: «È un gesto di egoistico altruismo»
Vaccini, Fials: «Patentino di immunità per chi opera in reparti sensibili»
«Ricorrere all’obbligo è sempre un po’ una sconfitta della ragione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 ottobre, sono 239.611.288 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.882.126 i decessi. Ad oggi, oltre 6,57 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?