Politica 5 Febbraio 2019

Consiglio Superiore di Sanità, nominati i 30 membri non di diritto. Grillo: «Tra loro scienziati di fama mondiale. Merito dev’essere bussola»

Confermati alcuni uscenti come Dallapiccola e Scambia. Mantovani lascia per impegni internazionali così come Garattini che continuerà però a lavorare al tavolo della Governance farmaceutica. Il presidente sarà «un nome condiviso, di prestigio e che interpreterà pienamente l’alto mandato scientifico del Consiglio», sottolinea la titolare della Salute

Immagine articolo

Come preannunciato dal Ministro della Salute Giulia Grillo, è arrivata la lista dei 30 membri non di diritto del Consiglio Superiore di Sanità. Tra i nomi spiccano quelli di Franco Locatelli, Direttore del Dipartimento di Onco-Ematologia Pediatrica dell’Ospedale Bambino Gesù, Giulio Cossu, Ordinario di Medicina Rigenerativa all’Università di Manchester, e i riconfermati Giovanni Scambia, Direttore Scientifico Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli Irccs Univ. Cattolica, e Bruno Dallapiccola, Direttore Scientifico dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù.

«La squadra è finalmente pronta e sono molto orgogliosa e felice di presentarla a tutti. Abbiamo scelto il top assoluto per esclusivi meriti scientifici e in trasparenza. Il merito dev’essere finalmente la bussola che orienta le nomine in questo Paese», afferma il Ministro della Salute che ha sottolineato come la scelta sia avvenuta confrontando titoli e competenze.

LEGGI ANCHE: REVOCA DEL CONSIGLIO SUPERIORE DI SANITA’, GIULIA GRILLO: «HO DECISO DI DARE SEGNALE DI DISCONTINUITA’. ALCUNI MEMBRI POTRANNO ESSERE RINOMINATI»

Due mesi fa aveva destato polemiche la revoca dei membri del Consiglio Superiore di Sanità, fatta dalla Grillo per «dare un segnale di discontinuità», un metodo però contestato dalle opposizioni e anche da qualche componente dell’organo.

«La selezione, laboriosa e meticolosa, ha privilegiato personalità di chiara fama, inseriti tra i “Top Italian Scientists” con alta reputazione internazionale sulla base dei contributi scientifici pubblicati, del numero di citazioni e dell’impatto che questi lavori hanno avuto nel progresso clinico-scientifico mondiale – dichiara il ministro. – Orientamento politico, religioso, preferenze personali non rientrano in questi sistemi di valutazione».

Dopo l’insediamento dei 30 membri, il Css deciderà il nuovo presidente che sarà, specifica il ministro: «Un nome condiviso, di prestigio e che interpreterà pienamente l’alto mandato scientifico del Consiglio».

«Sono stati reclutati scienziati italiani di fama mondiale nell’ambito delle neuroscienze, dei trapianti di cellule staminali, dello studio di malattie rare. Esperti di scienze omiche (in particolare genomica e proteomica) immunologi e virologi, tra i quali un membro della Commissione Nobel. Ben quattro di loro sono italiani che hanno lasciato il nostro Paese per vari motivi e lavorano oramai da molti anni in importanti istituzioni internazionali con funzioni dirigenziali apicali», continua Grillo che aggiunge: «Nessuno meglio di loro potrà dare un contributo sostanziale nel rilanciare la ricerca competitiva dell’Italia nello scenario internazionale, suggerire le tecnologie diagnostico-terapeutiche necessarie su cui investire, proporre modelli di organizzazione, suggerire linee di ricerca traslazionale con ricadute certe sul Ssn. Infine per gettare i semi necessari a ricostituire gruppi di ricerca competitivi capaci di formare i nostri giovani scienziati e attrarre i migliori dall’estero. Il futuro è nella valorizzazione della ricerca».

Tra le personalità selezionate figurano alcuni autorevoli scienziati già presenti nel precedente Consiglio ai quali il ministro ha rinnovato l’incarico. Così puntualizza ancora il sottosegretario Armando Bartolazzi: «Purtroppo alcuni di questi, tra i quali il Prof. Alberto Mantovani avevano da tempo rassegnato le dimissioni a causa dei numerosi impegni internazionali. Il contributo prezioso di questi scienziati ci è stato comunque assicurato anche se non in maniera continuativa nello spirito di una sana e proficua collaborazione. Un ringraziamento è dovuto al Prof. Silvio Garattini, decano del Css, che sarà ancora fortemente impegnato per questo ministero nel difficile tavolo della Governance Farmaceutica in stretta collaborazione con AIFA e al Prof. Edoardo Boncinelli per i preziosi consigli e per la disponibilità dimostrata” specifica Bartolazzi».

Di seguito l’elenco dei 30 nuovi membri non di diritto del Css:

Prof. Sergio ABRIGNANI Ordinario di Patologia Generale – Università di Milano
Prof. Adriano AGUZZI Direttore dell’Istituto di Neuropatologia di Zurigo
Prof. Mario BARBAGALLO Ordinario di Geriatria – Università di Palermo
Prof. Mario Alberto BATTAGLIA Ordinario di Igiene e Salute Pubblica – Università di Siena
Prof. Luca BENCI Docente di diritto sanitario – Università di Firenze
Prof. Renato BERNARDINI Ordinario di Farmacologia – Università di Catania
Prof. Giuseppe CAMPANILE Ordinario di Scienze e Tecnologie Animali – Università “Federico II” di Napoli
Prof. Claudio COBELLI Ordinario di Bioingegneria – Università di Padova
Prof. Giulio COSSU Ordinario di Medicina Rigenerativa – Università di Manchester
Prof. Giuseppe CURIGLIANO Prof. Ass. di Oncologia Medica – Università di Milano
Prof. Bruno DALLAPICCOLA Direttore Scientifico dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
Prof. Domenico DE LEO Prof. Ordinario di Medicina Legale – Università di Verona
Prof.ssa Paola DI GIULIO Prof. Ass. di Scienze Infermieristiche – Università di Torino
Prof. Marco FERRARI Ordinario di Malattie Odontostomatologiche – Università di Siena
Prof. Carlo FORESTA Ordinario di Endocrinologia – Università di Padova
Prof.ssa Silvia GIORDANO Ordinario di Istologia – Università di Torino
Prof. Andrea GIUSTINA Ordinario di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo – Università S. Raffaele di Milano
Prof. Andrea LAGHI Prof. Ordinario di Radiologia – Università La Sapienza di Roma
Prof. Franco LOCATELLI Direttore Dip. di Onco – Ematologia Pediatrica dell’Ospedale Bambino Gesù
Prof. Francesco LONGO Prof. Ass. Dip. Analisi Politiche e Management Pubblico – Università Bocconi di Milano
Prof. Vito MARTELLA Prof. Ordinario di Malattie Infettive degli animali domestici – Università di Bari
Prof.ssa Maria G. MASUCCI Prof.ssa Ord. di Virologia – Karolinska Institute di Stoccolma – Membro Commissione Nobel
Prof. Marco MONTORSI Rettore dell’Università HUMANITAS
Prof. Paolo PEDERZOLI Prof. Ordinario di Chirurgia Generale – Università di Padova
Prof. Giuseppe REMUZZI Direttore dell’Irccs “Mario Negri” di Milano
Prof. Camillo RICORDI Prof. di Chirurgia e Medicina dei Trapianti cellulari – Università di Miami (USA)
Prof. Massimo RUGGE Prof. Ordinario di Anatomia Patologica ed Oncologia – Università di Padova
Prof. Giovanni SCAMBIA Direttore Scientifico Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli Irccs Univ. Cattolica
Prof. Fabrizio STARACE Direttore Dip. Salute Mentale e Dipendenze Patologiche – AUSL di Modena
Prof. Paolo VINEIS Prof. Ordinario di Epidemiologia – Imperial College di Londra

Articoli correlati
CSS, una infermiera vicepresidente. Di Giulio: «Cittadini e professionisti al centro del mio mandato»
Per la prima volta un infermiere entra nel Consiglio Superiore di Sanità: «Contenta del riconoscimento dato alla professione. Fondamentale attivare canali di comunicazione con chi dirige i servizi delle professioni sanitarie e con chi lavora sia in territorio che in ospedale o nelle strutture residenziali»
Vaccini, emendamento M5S-Lega cancella obbligo certificazione. Zingaretti: «Nel Lazio non si cambia»
La norma a prima firma Sileri-Cantù-Fregolent prevede che «la presentazione della documentazione comprovante l'effettuazione delle vaccinazioni non costituirà più requisito di accesso al servizio, alla scuola, al centro di formazione professionale». Il sottosegretario Bartolazzi frena: «Nessun passo indietro sulla volontà di una legge di buon senso che garantisca il diritto all'istruzione e il diritto alla salute di tutti». Magi (OMCeO Roma): «Senza obbligo politica dovrebbe dirci come intende garantire le coperture»
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
CSS, l’oncoematologo Locatelli nominato presidente. Intervista al genetista Cossu: «Porterò in Consiglio la mia esperienza nella medicina rigenerativa»
Nella prima riunione, al vertice del Consiglio Superiore di Sanità nominato l’oncologo noto per aver seguito il caso del piccolo Alex al Bambino Gesù. «La medicina rigenerativa è una delle medicine del futuro: adeguata per malattie genetiche, infarto o Parkinson, ma non per la cura dei tumori», sottolinea il professore Giulio Cossu VIDEO INTERVISTA COSSU - VIDEOINTERVISTA VINEIS
di Isabella Faggiano
Consiglio Superiore Sanità, bufera su presunta ‘schedatura’ membri. Grillo: «Nessun dossier, solo raccolta di informazioni». Ma Pd chiede dimissioni
Nel documento, poi pubblicato dallo stesso Ministro, ci sono i membri del CSS e le loro eventuali esperienze politiche. La difesa: «Assurdo accusare di epurazione e fascismo, di allarme per la democrazia un ministro che legittimamente si informa sul profilo pubblico di membri di una commissione». Fuoco di fila delle opposizioni: i democratici valutano la mozione di sfiducia. Il farmacologo Garattini: «Giusto scegliere componenti ma serviva un modo più elegante»
Farmaci, Silvio Garattini: «Sono diventati dei beni di consumo, ritornino ad essere degli strumenti di salute»
Il fondatore del“Mario Negri” ha partecipato alla stesura delle linee guida per la nuova governance farmaceutica: «Qualità, efficacia, sicurezza e valore terapeutico aggiunto sono i criteri necessari per la valutazione dei nuovi farmaci»
di Isabella Faggiano