Salute 6 Novembre 2018

Ginecologia, Scambia (Sigo): «Nuove terapie allungheranno sopravvivenza pazienti con tumore ovarico»

Il presidente della Società italiana di ginecologia e ostetricia fa il punto sul Congresso Sigo, Aogoi e Agui appena concluso: «Si è dibattuto di salute femminile a 360 gradi. Fondamentale affrontare temi carenza specialisti e integrazione università-SSN»

Immagine articolo

Ottobre si è concluso con quattro giorni di congresso di ginecologia e ostetricia. Sigo, Aogoi e Agui si sono riunite a Roma per discutere della salute di tutte le fasi della vita di una donna, dall’adolescenza alla menopausa, ma anche delle nuove frontiere e ostacoli della professione, dalla responsabilità professionale all’integrazione ospedale-territorio, dalla carenza di specialisti alla formazione. Giovanni Scambia, presidente della Società italiana di ginecologia e ostetricia, ci ha inoltre parlato dell’importanza di nuove tecnologie, soprattutto nell’ambito della formazione, e nuove terapie, come «un nuovo farmaco che consente di prolungare di tre anni la sopravvivenza delle pazienti con tumore ovarico». Da affrontare, poi, il problema del numero insufficiente di ginecologi, destinato a peggiorare dopo il 2020, ricordando sempre che «la ginecologia italiana è considerata una delle migliori al mondo».

LEGGI ANCHE: GINECOLOGIA, QUANTO CONTA IL DIALOGO CON LE PAZIENTI. A RACCONTARLO UNA GIOVANE SPECIALIZZANDA

Presidente Scambia, che congresso è stato quello di quest’anno?

«Sono stati dei giorni molto interessanti. Si è dibattuto di salute femminile a 360 gradi, dall’adolescenza alla menopausa, e di temi di interesse socio-sanitario; abbiamo discusso di temi generali come il costo dei farmaci e del Sistema sanitario. Oggi nel mondo della ginecologia ci sono importanti innovazioni: abbiamo ad esempio un farmaco con target molecolare che consente di prolungare la sopravvivenza delle pazienti con tumore ovarico di 3 anni; abbiamo poi tante novità nel settore materno-fetale. Credo che il Congresso sia stato quindi molto soddisfacente per tutti, con tanta partecipazione e soprattutto tanti giovani».

Qual è il ruolo che la tecnologia svolge oggi in ginecologia?

«È un ruolo importantissimo, soprattutto in chirurgia, perché oggi tante delle procedure chirurgiche che facciamo sono tecnologizzate, robotizzate, mini invasive. Lo è per quanto riguarda la parte molecolare, perché oggi si parla di medicina personalizzata e molte delle nostre patologie possono essere caratterizzate da un punto di vista biologico, e quindi trattate in maniera personalizzata e adattata alla singola paziente che abbiamo di fronte. Lo è tanto, infine, nella formazione che è cambiata completamente, per cui abbiamo centri di simulazione del parto, parliamo di simulazione chirurgica, parliamo di formazione a distanza».

A proposito di formazione, la carenza di specialisti è un problema che riguarda anche la ginecologia?

«È un discorso che vale anche per la ginecologia. È un tema di interesse nazionale sul quale dovremo riflettere, partendo dall’integrazione tra l’università ed il Sistema sanitario. Credo che sarà uno dei temi più dibattuti nei prossimi anni, perché sappiamo bene che dopo il 2020 ci sarà un ulteriore calo di specialisti e dovremo quindi vedere come e cosa fare».

In questo panorama, quali sono gli obiettivi che la Sigo si pone?

«La Sigo si pone intanto di aiutare i ginecologi italiani a formarsi e a formarsi in maniera continua; si pone poi come l’interlocutore istituzionale del ministero della Salute per tutti i temi della salute femminile; si pone come società che vuole fotografare la situazione attuale con tante rilevazioni in campo nazionale per dare i dati reali che riguardano l’assistenza sanitaria in Italia, ricordandosi sempre che la ginecologia italiana, da un punto di vista scientifico e clinico, è considerata oggi una delle migliori al mondo».

LEGGI ANCHE: FNOPO AL MINISTRO GRILLO: «RIBADIRE CENTRALITÀ DELL’OSTETRICA NELLA PROMOZIONE E PREVENZIONE DELLA SALUTE FEMMINILE»

Articoli correlati
Formazione ECM, società scientifiche: «Senza aggiornamento diagnosi e terapie errate»
Inchiesta ANSA sulla formazione ECM e sul 20% di medici non in regola. Anche le associazioni dei pazienti e dei consumatori in pressing: «Sia fatta rispettare la legge». Gli accademici: «Un medico non adeguatamente aggiornato - sottolineano - si rischia di ritardare la diagnosi di una malattia importante»
Caserta teatro di “Sipps & fimpaggiorna 2019 – Le nuove frontiere della pediatria”
C’è la Ginecologia in età evolutiva al centro del Corso di formazione dal titolo “Sipps & fimpaggiorna 2019 – le nuove frontiere della pediatria: dall’inquadramento clinico alla diagnosi al trattamento”, in programma il prossimo 27 febbraio presso il Golden Tulip Plaza Hotel di Caserta. A partire dalle ore 17:00 e fino alle ore 21:00, pediatri di […]
L’empatia in ostetricia e ginecologia, al via il congresso regionale Aogoi in Emilia-Romagna
Recuperare la fiducia nel rapporto tra medico e paziente, riscoprendo l’importanza del dialogo e creando un argine contro le fake news. Sarà questo uno dei temi affrontati nel corso del 16esimo congresso regionale dell’Emilia Romagna dell’Associazione Ostetrici Ginecologi Ospedalieri Italiani (Aogoi), che quest’anno vede il coinvolgimento della Società Italiana di Ginecologia Ostetricia (Sigo) a cui […]
Ostetricia: quando gli uomini sono una minoranza. Le storie di due professionisti al vertice di un mestiere ‘rosa’
Elio Lopresti e Michele Trinchese sono 2 dei 300 ostetrici italiani a fronte di 22mila donne che svolgono la professione. «Una scelta in controtendenza ma non ci sentiamo discriminati, anzi»
di Isabella Faggiano
Chirurgia robotica, con il 100esimo robot Da Vinci Italia al top in Europa. Utilizzo sempre più diffuso in Urologia
L’ultimo apparecchio è stato installato al Policlinico di Catania. La macchina moltiplica fino a 10 volte la normale visione dell’occhio umano e permette maggiore precisione. Artibani (SIU): «Professione chirurgica rivoluzionata da nuove tecnologie»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...