Salute 17 Ottobre 2019

Ricerca, Garattini: «Italia ha la metà di ricercatori rispetto alla media europea. Per rilanciarla serve meno burocrazia»

Il Presidente dell’Istituto Mario Negri, in occasione della giornata a porte aperte, racconta i campi in cui stanno lavorando i suoi ricercatori: «Traumi, rene e arresto cardiaco, siamo pronti a procedere alla sperimentazione clinica»

di Federica Bosco

Quattordicimila pubblicazioni scientifiche, 700 ricercatori, 10 dipartimenti e 50 laboratori: questi i numeri dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri di Milano che da 58 anni è un punto di riferimento della sanità italiana sotto la guida del suo fondatore il Professor Silvio Garattini, che nella giornata di porte aperte alla città ha lanciato un appello alle istituzioni.

«La cosa importante è che si rendano conto che la ricerca non è una spesa, ma un investimento e quindi facilitino la ricerca anziché renderla sempre più complicata e soggetta a vincoli burocratici». Parole dure che il fondatore dell’Istituto Mario Negri non risparmia all’indirizzo di una politica troppe volte assente. «Naturalmente abbiamo bisogno anche di maggiori risorse perché il nostro Paese ha la metà dei ricercatori della media dei Paesi europei – denuncia – e quindi siamo veramente a basso livello e soprattutto perdiamo molti dei nostri cervelli. Non solo, il Paese è molto poco reattivo, i nostri governi non amano la ricerca scientifica e non si rendono conto che senza ricerca non c’è progresso e soprattutto nel nostro campo c’è bisogno di ricerca per migliorare il Servizio sanitario nazionale».

LEGGI ANCHE: FARMACI, GARATTINI: «NECESSARIA REVISIONE DEI PRONTUARI NAZIONALI. SU RANITIDINA DARE INFORMAZIONI CORRETTE»

Da voi qual è oggi la ricerca più importante che potrebbe essere ad una svolta?

«Stiamo facendo una ricerca sull’arresto cardiaco, abbiamo trovato un gas nobile Argon che riesce a diminuire i danni celebrali indotti dall’arresto cardiaco. Abbiamo fatto molte ricerche sulle culture e sugli animali da esperimento e oggi siamo pronti ad andare in clinica. Un’altra area molto importante è quella che riguarda i traumi cranici, anche qui abbiamo modelli sperimentali e abbiamo visto che dei prodotti che vengono sviluppati dalle cellule staminali proteggono dai danni, non solo dai danni immediati, ma anche a lungo termine e anche qui siamo pronti con la ricerca clinica. Infine, c’è un progetto ambizioso che si svolge prevalentemente nella struttura di Bergamo che riguarda la possibilità di realizzare un rene umano dalle cellule staminali. È un programma che richiederà molti anni, ma ci appassiona perché potrebbe corrispondere alla grande necessità di organi che abbiamo oggi e che purtroppo non riusciamo a coprire solo con le donazioni».

Articoli correlati
«I debolmente positivi non infettano». La ricerca del San Matteo di Pavia lo conferma
Uno studio su 280 pazienti clinicamente guariti e ancora positivi certifica che solo il 3% risulta in grado di infettare. Anche per il professor Remuzzi «va comunicato ai cittadini»
Giornata senza tabacco, Pacifici (Iss): «4 milioni di italiani hanno fumato di più durante il lockdown, proteggiamo i giovani»
Con un intervento al convegno organizzato dall'Istituto superiore di sanità, il professor Garattini ha chiarito: «Fumatori hanno più possibilità di prendere forme gravi di Covid-19». L'esperta ha proseguito: «Bloccare l'interferenza delle multinazionali di tabacco»
Covid-19, Clavenna (Mario Negri): «Ripartenza differenziata tra regioni può essere utile. Su idrossiclorochina dati contrastanti»
Antonio Clavenna, Direttore del Dipartimento Salute Pubblica dell'Istituto Mario Negri, spiega: «Noi facciamo ricerca di base, stiamo lavorando sul recettore ACE 2 che è quello attraverso cui il virus entra nelle cellule». Sull’andamento della curva non si sbilancia: «I dati sono poco leggibili, ci sono troppe persone in casa a cui non viene fatto il tampone»
Genetica e alimentazione contro le malattie, la mission dell’Italian Institute of Planetary Health: «Studiamo i cibi come fossero farmaci»
«Il 40-50% dei tumori dipende da cattiva alimentazione» sottolinea Giuseppe Remuzzi, direttore dell’Istituto Mario Negri, che ha dato vita al nuovo istituto. «Vogliamo sapere se un determinato alimento aumenta l’espressione dei geni che ci proteggono dai tumori o diminuisce l’espressione dei geni che li inducono»
Ricerca, porte aperte al Mario Negri di Milano. Mosconi: «Più fondi pubblici per la ricerca indipendente»
L’Istituto milanese ha ospitato sette scuole lo scorso week end e spiegato ai ragazzi le attività dell’Istituto. In tutto oltre 600 persone. «Abbiamo riscontrato grande interesse per le malattie neurologiche e oncologiche» sottolinea Paola Mosconi, Laboratorio di ricerca per il coinvolgimento dei cittadini in sanità
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare