Salute 20 Giugno 2018

Malattie rare, Bruno Dallapiccola (Bambino Gesù): «Analisi genomiche sono il futuro. Finalmente risposte concrete»

«Con i test genetici le patologie ereditarie possono essere diagnosticate prima della nascita» l’intervista al genetista di fama mondiale e Direttore scientifico dell’Ospedale della Santa Sede

Immagine articolo

Il numero di malattie rare conosciute e diagnosticate oscilla tra le 7mila e le 8mila secondo i dati dell’Osservatorio delle Malattie Rare, ma è una cifra che cresce con l’avanzare della scienza. In base ai dati coordinati dal registro nazionale malattie rare dell’Istituto Superiore di Sanità, in Italia si stimano 20 casi di malattie rare ogni 10mila abitanti e ogni anno sono circa 19mila i nuovi casi segnalati. Il 20% delle patologie colpisce pazienti in età pediatrica.

«La diagnosi precoce è fondamentale» dichiara ai nostri microfoni Bruno Dallapiccola, Direttore scientifico dell’Ospedale romano Bambino Gesù, una delle eccellenze a livello mondiale nel panorama pediatrico.

LEGGI ANCHE: OMS, ECCO LA NUOVA CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DELLE MALATTIE: INSERITE DIPENDENZA DA VIDEOGIOCHI E MEDICINA TRADIZIONALE

«Nel nostro ospedale abbiamo attivato in tutti i settori pediatrici (che sono quaranta) dei modelli d’intervento per arrivare il più presto possibile alla diagnosi». «Per quel che riguarda le malattie rare – prosegue Dallapiccola – lo snodo più interessante oggi è la possibilità di fare analisi genomiche al costo di 500 Euro che rispetto al passato è un prezzo ragionevole».

«Grazie alla ricerca oggi – aggiunge – di fronte ad un paziente con una probabile malattia genetica, in oltre il 55% dei casi, riusciamo ad arrivare ad una diagnosi soddisfacente». Arrivare ad una diagnosi e ad una prognosi precoce, nel caso di una malattia rara, non solo permette al paziente di curarsi anticipatamente ma anche di poter prevedere nel futuro una presunta ereditarietà postera.

LEGGI ANCHE: MALATTIE CRONICHE, ACETI (CITTADINANZATTIVA): «TANTO FUMO E NIENTE ARROSTO. PAZIENTI SENZA RISPOSTE»

«Questo significa poter fermare la trasmissione ereditaria nelle famiglie – spiega il Direttore – mettere un punto fermo ad un flusso continuo e capire il meccanismo della malattia e la modalità migliore per intervenire in maniera mirata sul paziente e naturalmente, nel caso di ricorrenza familiare, poter offrire degli interventi di monitoraggio delle gravidanze».

«Tutto questo, oggi, lo facciamo routinariamente nell’ambito di un progetto istituzionale che vede il Bambino Gesù coinvolto con altri istituti in Italia e nel mondo e direi che questa è una delle strade maestre da seguire che ci conduce a risposte concrete che, fino a qualche anno fa, non riuscivamo a dare».

POTREBBE INTERESSARE: FUMARE IN GRAVIDANZA: TUTTE LE CONSEGUENZE PER IL NASCITURO

 

Articoli correlati
MonitoRare: presentato il V Rapporto sulla condizione delle persone con Malattia Rara in Italia
Presentata oggi alla stampa nella Sala Caduti di Nassirya del Senato, su iniziativa della Senatrice Paola Binetti, Presidente del Gruppo Interparlamentare delle Malattie Rare, la V edizione del Rapporto sulla condizione delle persone con Malattia Rara in Italia realizzato dalla Federazione Italiana Malattie Rare UNIAMO F.I.M.R. Onlus con il contributo non condizionato di Assobiotec, l’Associazione […]
Malattie rare, il 28 giugno è la giornata mondiale dedicata alla Fenilchetonuria
Si svolgerà il 28 giugno la giornata mondiale dedicata alla fenilchetonuria (PKU), malattia metabolica che in Italia, considerate tutte le varianti, colpisce 1 bambino ogni 2.581 nati. Interessa circa 50.000 persone nel mondo e rappresenta la malattia rara metabolica più diffusa nel nostro Paese. Se fino a 20 anni fa la PKU era una causa […]
Immunodeficienze, arriva Ddl per favorire screening e diagnosi precoce. E c’è la novità “tessera del paziente”
Presentato alla Camera Disegno di legge dai deputati Pd Siani, Pagano e De Filippo che mira a fornire alle regioni strumenti per indirizzare così i pazienti a un percorso terapeutico garantito alla stessa maniera su tutto il territorio. Aiuti (San Raffaele Telethon): « Il fatto di mettere a disposizione queste nuove tecnologie su tutto il territorio nazionale consentirebbe di rendere più omogenea l’approccio alla cura, con terapie mirate farmacologiche, col trapianto di cellule staminali ematopoietiche, con la terapia genica in alcuni casi specifici»
Atrofia spinale, Lauro (Famiglie SMA): «Terapia genica ci fa sperare, lottiamo per portarla in Europa. Ma non dite che è ‘la cura più costosa al mondo’»
Negli USA la Food and Drug Administration ha approvato un farmaco per i bambini sotto i due anni di vita dal costo record: 2,1 milioni di dollari. La Presidente di Famiglie SMA: «È sbagliato mettere l’accento sul costo di una terapia che comunque è rivolta a una piccola porzione di popolazione di una malattia rara, quindi un numero davvero ridotto». A giugno via a un progetto pilota di screening neonatale
di Giovanni Cedrone
“Sei rara ma ti riconosco”, le quattro giornate di SIMPE per le Malattie Rare
L’ottava edizione del PediaCampus ruota intorno alle Malattie Rare dell’età infantile. Maria Giuliano, presidente SIMPE Campania: «Noi pediatri di famiglia veri e propri caregiver, fondamentale una formazione di altissimo livello»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...