Mondo 18 Giugno 2018 10:36

OMS, ecco nuove classificazioni internazionali: inserita dipendenza da videogiochi e “arriva” la medicina tradizionale

La classificazione ICD è lo strumento che consente ai professionisti del mondo sanitario di parlare una lingua comune e di condividere informazioni con colleghi di tutto il mondo. La versione aggiornata verrà presentata a maggio 2019 all’Assemblea mondiale della sanità ed entrerà in vigore dal primo gennaio 2022

OMS, ecco nuove classificazioni internazionali: inserita dipendenza da videogiochi e “arriva” la medicina tradizionale

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha presentato la nuova classificazione internazionale delle malattie (ICD-11). Tra i nuovi capitoli che sono stati inseriti figura la medicina tradizionale, cui si affidano milioni di persone in tutto il mondo ma che non era mai entrata a far parte del sistema. Un’altra sezione dedicata alla salute sessuale riunisce patologie che erano state precedentemente categorizzate in altri modi: il disturbo di identità di genere, ad esempio, rientrava tra le malattie mentali. Infine, come annunciato mesi fa, l’utilizzo compulsivo di videogiochi è stato incluso nella sezione dedicata alle dipendenze.       

L’aggiornamento che è stato presentato ha richiesto più di dieci anni di lavoro e una partecipazione senza precedenti degli operatori sanitari che hanno inviato più di 10mila proposte di modifica. Questa versione è migliorata sotto diversi aspetti rispetto alle precedenti: riflette ovviamente i progressi compiuti dalla medicina e dalla ricerca scientifica e permetterà di collezionare meglio i dati che riguardano la sicurezza in sanità, rendendo identificabili e limitabili quegli eventi non necessari che possono causare danni alla salute. Per la prima volta, inoltre, la classificazione è completamente elettronica ed è molto più semplice da consultare.

L’ICD-11 verrà presentata a maggio 2019 all’Assemblea mondiale della sanità per l’adozione da parte degli stati membri ed entrerà in vigore dal primo gennaio 2022. La versione presentata è un’anteprima che consente agli stati di iniziare a conoscere la nuova classificazione, preparare le traduzioni necessarie e formare gli operatori sanitari per utilizzarla.

La classificazione ICD è lo strumento utilizzato per identificare i trend e le statistiche di salute in tutto il mondo e contiene 55mila codici unici di lesioni, malattie e cause di morte. Consente ai professionisti del mondo sanitario di parlare una lingua comune e di condividere informazioni con colleghi di tutto il globo. È anche lo strumento utilizzato dalle assicurazioni sanitarie per i rimborsi che dipendono dal codice ICD, dai programmi sanitari nazionali e da coloro che monitorano i progressi della salute globale e determinano la distribuzione delle risorse ad essa destinate.

«L’Organizzazione Mondiale della Sanità è molto fiera della classificazione internazionale delle malattie – ha dichiarato il Direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus -. Ci aiuta molto a capire cosa fa ammalare o morire le persone e ad agire di conseguenza, prevenendo la sofferenza e salvando molte vite».

LEGGI ANCHE: OMS, AL VIA L’ASSEMBLEA MONDIALE. L’AGENDA DEL DIRETTORE TEDROS: PIÙ’ SANITÀ PER TRE MILIARDI DI PERSONE 

Articoli correlati
La commissione nominata dall’Oms critica la Cina: «Poche azioni forti e incisive all’inizio dell’epidemia»
Il documento prodotto dal gruppo indipendente nominato dall’Oms sottolinea le inefficienze ed i fallimenti della risposta internazionale e nazionale alla pandemia. La stessa Oms «avrebbe dovuto dichiarare in anticipo un’emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale»
Incubo terza ondata, i numeri tornano a salire in tutto il mondo
Risalgono i contagi in tutto il mondo, gli esperti temono la terza ondata. Al primo posto gli Stati Uniti con 3 milioni di nuovi casi in 15 giorni, segue il Regno Unito vittima della variante inglese. Italia ottava con tasso di mortalità ancora alto. In Cina si torna a morire per Covid
OMS a Wuhan, Regimenti (Lega): «Si valutino tutte le piste per indagine su origine del virus»
«Tutte le ipotesi dovrebbero essere valutate attentamente: la struttura genetica della SARS-CoV-2 non esclude un'origine del virus in laboratorio» spiega il medico e europarlamentare della Lega Luisa Regimenti
31 dicembre 2020, un anno dai primi casi di “polmonite sconosciuta”
Il dg Oms Tedros Ghebreyesus, nel discorso di Capodanno, ripercorre questi 365 giorni di pandemia e invita alla solidarietà tra paesi come vera arma contro il virus
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»