Mondo 18 giugno 2018

OMS, ecco nuove classificazioni internazionali: inserita dipendenza da videogiochi e “arriva” la medicina tradizionale

La classificazione ICD è lo strumento che consente ai professionisti del mondo sanitario di parlare una lingua comune e di condividere informazioni con colleghi di tutto il mondo. La versione aggiornata verrà presentata a maggio 2019 all’Assemblea mondiale della sanità ed entrerà in vigore dal primo gennaio 2022

Immagine articolo

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha presentato la nuova classificazione internazionale delle malattie (ICD-11). Tra i nuovi capitoli che sono stati inseriti figura la medicina tradizionale, cui si affidano milioni di persone in tutto il mondo ma che non era mai entrata a far parte del sistema. Un’altra sezione dedicata alla salute sessuale riunisce patologie che erano state precedentemente categorizzate in altri modi: il disturbo di identità di genere, ad esempio, rientrava tra le malattie mentali. Infine, come annunciato mesi fa, l’utilizzo compulsivo di videogiochi è stato incluso nella sezione dedicata alle dipendenze.       

L’aggiornamento che è stato presentato ha richiesto più di dieci anni di lavoro e una partecipazione senza precedenti degli operatori sanitari che hanno inviato più di 10mila proposte di modifica. Questa versione è migliorata sotto diversi aspetti rispetto alle precedenti: riflette ovviamente i progressi compiuti dalla medicina e dalla ricerca scientifica e permetterà di collezionare meglio i dati che riguardano la sicurezza in sanità, rendendo identificabili e limitabili quegli eventi non necessari che possono causare danni alla salute. Per la prima volta, inoltre, la classificazione è completamente elettronica ed è molto più semplice da consultare.

L’ICD-11 verrà presentata a maggio 2019 all’Assemblea mondiale della sanità per l’adozione da parte degli stati membri ed entrerà in vigore dal primo gennaio 2022. La versione presentata è un’anteprima che consente agli stati di iniziare a conoscere la nuova classificazione, preparare le traduzioni necessarie e formare gli operatori sanitari per utilizzarla.

La classificazione ICD è lo strumento utilizzato per identificare i trend e le statistiche di salute in tutto il mondo e contiene 55mila codici unici di lesioni, malattie e cause di morte. Consente ai professionisti del mondo sanitario di parlare una lingua comune e di condividere informazioni con colleghi di tutto il globo. È anche lo strumento utilizzato dalle assicurazioni sanitarie per i rimborsi che dipendono dal codice ICD, dai programmi sanitari nazionali e da coloro che monitorano i progressi della salute globale e determinano la distribuzione delle risorse ad essa destinate.

«L’Organizzazione Mondiale della Sanità è molto fiera della classificazione internazionale delle malattie – ha dichiarato il Direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus -. Ci aiuta molto a capire cosa fa ammalare o morire le persone e ad agire di conseguenza, prevenendo la sofferenza e salvando molte vite».

LEGGI ANCHE: OMS, AL VIA L’ASSEMBLEA MONDIALE. L’AGENDA DEL DIRETTORE TEDROS: PIÙ’ SANITÀ PER TRE MILIARDI DI PERSONE 

Articoli correlati
Migranti, Foad Aodi (AMSI): «Con il rapporto Oms sul “falso mito” che gli immigrati portano malattie, è finita la pacchia degli spot da bar»
Grande soddisfazione viene espressa dall’Associazione Medici di Origine straniera in Italia (AMSI) e dalla Confederazione Internazionale-Unione Medica Euro Meditteranea (UMEM) insieme a tutte le associazioni aderenti al movimento Internazionale Uniti per Unire, dopo il recente rapporto curato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha sancito la totale inconsistenza delle teorie che affermano che «gli immigrati portano […]
Il primo rapporto OMS sulla salute di migranti e rifugiati, che non portano malattie
Migranti e rifugiati arrivano in Europa in buona salute, ma gli spostamenti e le condizioni di vita nei Paesi ospitanti aumentano il rischio di malattie
ISS, Ricciardi saluta e fa un bilancio: «Conti risanati e contributi importanti, dai vaccini all’Ilva. Con Grillo nessuna polemica»
Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, che lascia dopo quattro anni e mezzo, sottolinea: «Percorso impegnativo ed entusiasmante. Abbiamo stabilizzato 473 unità di personale e destinato 16 milioni di euro a logistica e tecnologie». Nel suo futuro la presidenza della Federazione mondiale delle Società di Sanità pubblica. Da ultimo l’incarico nel Comitato scientifico della Fondazione “Italia in Salute” di Federico Gelli
Salute e clima, l’OMS alla COP24: «L’accordo di Parigi può salvare un milione di persone l’anno»
Maria Neira, direttrice del dipartimento Salute pubblica e determinanti ambientali dell’OMS, riassume a Sanità Informazione le raccomandazioni del rapporto presentato a Katovice: «Stop a combustibili fossili, nuova pianificazione urbanistica e maggiore coinvolgimento degli esperti della salute»
I cambiamenti climatici causeranno 250mila morti l’anno. Ricciardi (ISS): «È armageddon a fuoco lento»
A Roma la prima conferenza sugli effetti dei cambiamenti climatici sulla salute. Il 13 l'incontro ISS-Mattarella. Il messaggio di Maria Neira (OMS) alla COP24: «La battaglia per il clima non è solo degli ambientalisti. Pensiamo anche alla nostra salute, poi parliamo del pianeta. Forse così, dopo 24 conferenze, arriveremo a risultati concreti». E anticipa le linee d’azione che l’Organizzazione Mondiale della Sanità presenterà mercoledì a Katovice
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...