Voci della Sanità 8 Giugno 2020

Uneba: «La rete sul territorio è fondamentale per proteggere dal Covid-19»

La più rappresentativa organizzazione di categoria del settore sociosanitario e assistenziale concorda con la Corte dei Conti e lancia un appello a Governo e Parlamento: «Modifichiamo l’articolo 48 del Cura Italia»

«L’ha chiarito la Corte dei Conti: la carenza di investimenti sulle strutture territoriali – spiega Uneba in un comunicato – ha reso l’Italia più fragile di fronte al Covid19, e i primi a pagare le conseguenze di questa fragilità sono stati proprio le donne e gli uomini di queste strutture: anzitutto le persone ospiti, ma senza dimenticare lavoratrici e lavoratori».

«Ora – prosegue Uneba – è tempo di imparare la dolorosa lezione di marzo, aprile e maggio 2020. Per non ripetere gli stessi errori». Lo chiede, con un appello a Governo e Parlamento, il Comitato Esecutivo di Uneba , la più rappresentativa organizzazione di categoria del settore sociosanitario e assistenziale, con la forza di quasi 1000 enti associati in tutta Italia, quasi tutti non profit di radici cristiane.

LEGGI ANCHE: DA SENIOR ITALIA FEDERANZIANI ALLARME PER 24 MILIONI DI CRONICI: «RIAPRIRE SUBITO ATTIVITÀ SPECIALISTICA TERRITORIALE» 

LA VOCE DELLA CORTE DEI CONTI

«Una adeguata rete di assistenza sul territorio – si legge nel Rapporto 2020 sul coordinamento della finanza pubblica- Sintesi” della Corte dei Conti – non è solo una questione di civiltà a fronte delle difficoltà del singolo e delle persone con disabilità e cronicità, ma rappresenta l’unico strumento di difesa per affrontare e contenere con rapidità fenomeni come quello che stiamo combattendo. L’insufficienza delle risorse destinate al territorio ha reso più tardivo e ha fatto trovare disarmato il primo fronte che doveva potersi opporre al dilagare della malattia e che si è trovato esso stesso coinvolto nelle difficoltà della popolazione, pagando un prezzo in termini di vite molto alto».

PARI TRATTAMENTO PER STRUTTURE RESIDENZIALI E CENTRI DIURNI

«Uneba – continua – rivolge un appello al Parlamento e al Governo perché intervengano a sostegno del settore. Perché farlo significa intervenire a sostegno di anziani non autosufficienti, persone con disabilità, minori senza sostegno famigliare, persone con dipendenze, sofferenti psichici. E perché non intervenire significa indebolire l’Italia di fronte al Covid19 o ad altre epidemie».

LEGGI ANCHE: FASE 2, ZAMPA (SOTTOSEGRETARIO SALUTE): «SERVE RISPOSTA IMMEDIATA DELLA MEDICINA DEL TERRITORIO. TEST SIEROLOGICI SERVONO A POCO»

«Uneba chiede che le pubbliche amministrazioni corrispondano agli enti gestori dei servizi residenziali sociosanitari o assistenziali quanto avevano messo a bilancio di corrispondere loro prima dello scoppio della pandemia. Si tratta, in sostanza, di estendere alle strutture residenziali quanto l’articolo 48 della legge 27 del 24 aprile 2020 (conversione in legge del decreto Cura Italia) garantisce alle attività sociosanitarie e socioassistenziali nei centri diurni per anziani e persone con disabilità».

GLI ENTI HANNO AVUTO SPESE IMPREVISTE ED ENTRATE BLOCCATE

«Del resto – prosegue Uneba – la pandemia ha portato alle strutture residenziali – prime tra tutte quelle per anziani- un enorme peso di impegno e responsabilità. Ha portato loro costi straordinari non previsti: l’acquisto di mascherine e DPI per personale e ospiti; l’adeguamento degli ambienti alle nuove norme; la necessaria formazione del personale; e, soprattutto, più ore di lavoro da dedicare alle persone accolte, per proteggerle dal Covid19».

«Ha portato loro un calo delle entrate, per il blocco dei nuovi ingressi di ospiti. Che si somma a quote sanitarie, corrisposte dagli enti locali per ogni ospite, spesso da tempo ferme o inadeguate. Vi si aggiunge un clima di sfiducia alimentato anche da scarsa conoscenza sul campo del settore dell’assistenza, specie non profit, o dal desiderio di scaricare sul settore colpe non sue».

MIGLIAIA DI POSTI DI LAVORO A RISCHIO

«Se non si rinforzano le strutture sociosanitarie e socioassistenziali sul territorio, molto minore sarà la protezione che potranno offrire. E non solo. Non poche di queste strutture rischiano, in assenza di interventi, di cadere loro stesse vittime del Covid19. Di dover chiudere o ridimensionare le attività al servizio dei più fragili, con inevitabili conseguenze sui posti di lavoro».

DAL NORD AL SUD, PASSIVI E INCERTEZZE –

«Attraverso tutta Italia – conclude Uneba – dalle federazioni regionali Uneba arrivano testimonianze di difficoltà già presenti e di forte incertezza sul futuro, con molti enti non profit che prevedono di chiudere l’anno in passivo. Alcune regioni già prevedono situazioni drammatiche. Presto potrebbero arrivare le prime dichiarazioni di stato di crisi aziendale».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
E se il nuovo coronavirus non fosse così nuovo?
Emergono alcuni studi che mostrano una risposta immunitaria in pazienti non toccati dal Covid-19. Alessandro Sette (La Jolla Institute, California): «Si tratta di linfociti T e questo non basta, non si è immuni»
di Tommaso Caldarelli
Fondazione Senior Italia, al via la campagna Festa dei Nonni
Il Premio “Festa dei Nonni 2020” alla memoria di medici e infermieri deceduti nella lotta al Covid. Premiati anche i nipotini che non hanno lasciato soli i nonni nelle RSA, gli psicologi dell’emergenza e i volontari di Croce Rossa Italiana e Protezione Civile
OMCeO Milano, un libro per raccontarne storia e prospettive. Rossi: «Serve un piano pandemico»
Il presidente dell'Ordine dei Medici: «13% di medici milanesi colpiti da Covid, troppi. Impariamo dagli errori del passato. Non si risparmia sulla sanità»
di Federica Bosco
Magi (OMCeO Roma): «Prima che sia emergenza vera le Regioni si dotino dei Dpi per tutelare medici e pazienti»
«In questo modo eviteremo anche la chiusura degli ambulatori ospedalieri e territoriali e la conseguente sospensione delle cure a milioni di cronici - dichiara il Presidente dell’Omceo Roma Antonio Magi - è necessario monitorare la situazione per far lavorare in sicurezza i nostri colleghi e tutelare i pazienti»
Coronavirus, decine di migliaia di studi pubblicati: «Così sono infruibili»
Una squadra di ricerca applica algoritmi di machine learning a oltre 30mila pubblicazioni. La scoperta? «Studi genetici, biomolecolari e test di laboratorio sono sottorappresentati»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 24 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...