Voci della Sanità 1 Aprile 2020

Sanità privata chiede ammortizzatori sociali. Cgil Cisl Uil: «Paradossale con pandemia in corso. Regione Lazio ci convochi»

«In queste ore stiamo ricevendo tante richieste di attivazione della cassa integrazione (fis) da parte delle strutture della sanità privata del Lazio. Non possiamo che esprimere il nostro più profondo sconcerto e la nostra rabbia, anche a fronte dell’enorme peso che la pandemia da coronavirus sta riversando sugli operatori sanitari del pubblico e del privato». […]

«In queste ore stiamo ricevendo tante richieste di attivazione della cassa integrazione (fis) da parte delle strutture della sanità privata del Lazio. Non possiamo che esprimere il nostro più profondo sconcerto e la nostra rabbia, anche a fronte dell’enorme peso che la pandemia da coronavirus sta riversando sugli operatori sanitari del pubblico e del privato».

Così in una nota i segretari generali di Fp Cgil Roma e Lazio, Cisl Fp Lazio e Uil Fpl Roma e Lazio, Giancarlo Cenciarelli, Roberto Chierchia e Sandro Bernardini, che chiedono alla Regione Lazio un incontro urgente, con sindacati e imprenditoria sanitaria, per affrontare la situazione.

«Riteniamo che in questo momento di emergenza sanitaria – prosegue la nota – sia davvero un paradosso che la Regione non si preoccupi di decidere rispetto al fatto che moltissime strutture private stanno chiedendo di ricorrere agli ammortizzatori sociali per i loro dipendenti, tra cui infermieri, oss, tecnici, terapisti, ostetriche, profili di assistenza. Proprio quando si sta cercando di reclutare più personale possibile, e in Italia si fa addirittura ricorso alla solidarietà internazionale per chiamare operatori dall’estero, qui i datori di lavoro pensano a fare cassa sulle spalle dei lavoratori e dello Stato, mentre chi dovrebbe controllare fa finta di non vedere» sottolineano Cenciarelli, Chierchia e Bernardini.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, SINDACATI DIFFIDANO AZIENDE SANITARIE: «FORNIRE NECESSARI DPI PER GARANTIRE INCOLUMITÀ O INIZIATIVE LEGALI»

«Da ogni parte, Regione compresa, si chiede che anche la sanità privata faccia la propria parte, mettendo a disposizione strutture e personale. Tanto più che nel Lazio il privato accreditato copre il 40% delle prestazioni del sistema sanitario regionale – continuano i tre segretari – . Ma nonostante questo, si lascia che la voracità dell’imprenditoria abbia il sopravvento su un interesse collettivo che mai come ora è per tutti evidente. E’ inaccettabile che la prima linea di contrasto all’emergenza, invece di essere sostenuta, venga indebolita, addirittura con le riduzioni retributive connesse all’attivazione del fondo di integrazione salariale. Considerando poi che anche il decreto Cura Italia prevede che il personale sanitario delle strutture private possa continuare a prestare la propria opera a sostegno del servizio pubblico».

«Dalla Regione Lazio, ci aspettiamo maggiore attenzione rispetto ad una tematica tanto delicata e pretendiamo un’immediata convocazione insieme alle associazioni datoriali – concludono i sindacalisti – . Il personale sanitario sta già pagando un prezzo altissimo sia umano che professionale, non permetteremo che sia addirittura beffato in nome di un’idea distorta di profitto che in emergenza nazionale nessuno può tollerare».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Coronavirus e influenza, la sfida della diagnosi differenziale fra urgenze e necessità di precisione
Cauda (Gemelli): «Secondo uno studio il 25% dei francesi non ha alcuna intenzione di sottoporsi alla vaccinazione contro il coronavirus. Servirà uno sforzo importante da parte di infettivologi e medici di famiglia»
di Tommaso Caldarelli
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 647.674 (31.084 in più rispetto a ieri). 215.085 i […]
GIMBE: «Epidemia fuori controllo. Senza immediate chiusure locali, servirà un mese di lockdown nazionale»
L’ultimo monitoraggio rileva un aumento del 108% dei decessi e dell’89% dei nuovi casi. Sul fronte ospedaliero +5.501 ricoveri e +541 in terapia intensiva. Dati ed evidenze scientifiche dimostrano che le misure dei tre Dpcm sono insufficienti e tardive e che i valori di RT sottostimano ampiamente la velocità con cui si diffonde il virus
Tamponi rapidi dai medici di famiglia: sì all’accordo ma i sindacati sono divisi
Siglato l’accordo con la Sisac per l’effettuazione dei tamponi rapidi dai medici di famiglia. Raggiunta l’intesa con la medicina generale, contrari anche Smi e Cgil. Scotti (Fimmg): «Pronti ad assumerci ulteriori responsabilità, ma sempre nel rispetto della sicurezza»
Identificato e colpito il tallone di Achille del SARS-CoV-2. Lo studio della Sapienza
I risultati del lavoro, in pubblicazione sulla rivista Pharmacological Research, aprono la strada a strategie innovative per la terapia medica di questo tipo di infezioni virali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...