Mondo 19 giugno 2018

UK, Theresa May “regala” 20 miliardi di sterline per i 70 anni del servizio sanitario grazie alla Brexit. E a più tasse

Il Primo Ministro britannico intende mantenere la promessa sbandierata nella campagna elettorale per l’uscita dall’Unione Europea: i contributi al bilancio di Bruxelles saranno destinati al NHS. Ma per gli esperti i conti non tornano…

Immagine articolo

Il Primo Ministro inglese Theresa May ha annunciato di voler destinare 20 miliardi di sterline l’anno al sistema sanitario. Come promesso nella campagna elettorale per la Brexit, dopo aver lasciato l’Unione Europea, il Regno Unito destinerà i contributi ora richiesti da Bruxelles ad un National Health Service in evidente difficoltà, con scioperi, manifestazioni in tutto il Paese e cancellazione di migliaia di interventi chirurgici nei mesi scorsi.

La May lo considera un regalo per il settantesimo anniversario del NHS, ma per gli esperti i conti non tornano. C’è chi sospetta che la Brexit non comporterà alcun risparmio per le casse dello Stato che, anzi, saranno indebolite e perderanno 15 miliardi di sterline l’anno. Inoltre, va considerato che il Regno Unito continuerà a pagare l’Unione Europea per diversi anni, per sanare una “tassa d’uscita” di circa 39 miliardi di sterline.

LEGGI ANCHE: UK, CRISI NHS: ANCHE LA BREXIT TRA LE CAUSE. RICCIARDI: «PROMESSI 350 MILIONI A SETTIMANA MA LA SANITÀ È STATA DEFINANZIATA DI 17 MILIARDI» 

Ed è stata infatti la stessa May ad aver ammesso che i risparmi della Brexit non saranno sufficienti e che, al contrario, i contribuenti dovranno partecipare «in un modo più giusto ed equo» per supportare il servizio sanitario. Le tasse aumenteranno, quindi.

L’annuncio arriva dopo due anni di importanti divisioni nel Paese e nel governo, particolarmente fragile in questo periodo. Ma è considerato anche un rischio politico: il messaggio principale lanciato dal Partito Conservatore negli ultimi otto anni è il rigore fiscale; parlare di aumenti delle tasse potrebbe quindi aprire la strada a facili critiche da parte del Labour e far perdere un numero non indifferente di sostenitori, e di voti.

Inoltre il denaro annunciato sarà destinato solo ai servizi sanitari essenziali, come ospedali, medicina generale e promozione della salute mentale, escludendo quindi quei servizi per la salute pubblica che vanno dalle campagne contro il fumo alla prevenzione dell’obesità, considerati comunque fondamentali per la salute della popolazione e per la sostenibilità dell’assistenza sanitaria.

LEGGI ANCHE: TURISMO SANITARIO, PER EVITARE LE LUNGHE LISTE D’ATTESA GLI INGLESI SCELGONO L’ITALIA

Articoli correlati
Fiaso, l’orgoglio dei manager della sanità: «Abbiamo salvato il SSN». Ripa di Meana: «Ora fondo per innovazione e sblocco assunzioni»
A Roma il ventennale della Federazione Italiana Aziende sanitarie e ospedaliere che ha riunito i dirigenti di 170 aziende sanitarie. Il Presidente: «Abbiamo reso il sistema capace di produrre a costi sostenibili qualità. Chiediamo siano sbloccati i contratti»
La storia di Mark Harmon: «Mio figlio si è ammalato e sono diventato medico a 42 anni»
«Ho sempre lavorato nel settore commerciale. Poi mio figlio si è ammalato e a 42 anni sono diventato un medico. È stata la scelta migliore che abbia mai fatto». La storia che Mark Harmon racconta sul Guardian è di quelle che sembrano uscite da un film, una di quelle alla sliding doors: chissà cosa sarebbe […]
Regno Unito, effetto Brexit sulla farmaceutica: Ema taglia fuori GB da contratti futuri
L’Agenzia europea del farmaco spiega di aver preso questa decisione perché non sa se la Gran Bretagna continuerà a lavorare con i Paesi Ue nel settore farmaceutico dopo il marzo 2019
Il medicinale costa troppo e il paziente di 8 anni chiede alla farmaceutica di abbassarne il prezzo
Luis Walker, 8 anni, malato di fibrosi cistica, ha scritto una lettera alla Vertex chiedendo di rendere disponibile il farmaco di cui ha bisogno
Carenza medici in GB: dopo la Brexit la formazione potrebbe essere più breve
Le regole europee impongono agli aspiranti medici un percorso formativo di almeno cinque anni. Una volta che la Gran Bretagna se ne sarà liberata con la Brexit, potrà decidere di accorciare il periodo di formazione necessario per poter esercitare la professione. Sarebbe questa, secondo quanto riportato dal Telegraph, una delle possibili soluzioni cui il Regno […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Liste d’attesa, Aceti (Cittadinanzattiva): «Prima voce di segnalazione per malcontento cittadini. Ecco cosa cambia con Piano Nazionale»

«50 milioni per abbattimento e interventi regionali. Ridiamo le gambe al SSN per tornare in piedi» Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Formazione

Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno

Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Ane...