Mondo 29 Gennaio 2018

UK, crisi NHS: anche la Brexit tra le cause. Ricciardi: «Promessi 350 milioni a settimana ma la sanità è stata definanziata di 17 miliardi»

Crisi NHS e SSN a confronto: «In Inghilterra buona organizzazione senza sostegno politico; in Italia la politica è favorevole ma c’è un problema di gestione»

Immagine articolo

Il Sistema Sanitario inglese ha affrontato, nelle scorse settimane, la crisi più grave degli ultimi 30 anni. Decine di migliaia di interventi chirurgici sono stati rimandati, altrettanti pazienti hanno atteso per ore di essere visitati su barelle nei corridoi degli ospedali, per non parlare di coloro che hanno atteso il loro turno direttamente nelle ambulanze parcheggiate fuori le strutture. Una crisi legata alla particolare gravità e infettività dell’influenza di quest’inverno, spiegano i quotidiani inglesi, ma che potrebbe invece essere più strutturale di quanto venga ammesso.

Un duro colpo per il governo di Sua Maestà, viste soprattutto le promesse che erano state fatte durante la campagna elettorale per la Brexit: gli esponenti favorevoli ad uscire dall’Unione Europea avevano infatti promesso che 350 milioni di sterline alla settimana sarebbero stati deviati dai fondi europei per essere immessi nel sistema sanitario britannico. Anche queste, forse, le motivazioni che hanno spinto il Ministro della Salute Jeremy Hunt e il Primo Ministro Theresa May a scusarsi con i cittadini per la situazione che si è venuta a creare.

«È indubbio che l’attuale governo abbia fortemente definanziato il sistema sanitario inglese ed abbia sottostimato l’impatto che questo definanziamento avrebbe avuto sui servizi», sostiene il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Walter Ricciardi. «Le promesse fatte durante la campagna elettorale non sono state rispettate: si è trattato di falsa propaganda, visto che in realtà l’NHS è stato definanziato per quasi 17 miliardi di sterline».

La Brexit stessa, poi, è stata ulteriore elemento di complicazione: «Non ci sono più medici ed operatori sanitari che vogliono andare a lavorare in Inghilterra. Anzi, chi sta già lì se ne vuole andare. Questo sta determinando un’enorme crisi del personale: i concorsi sono vuoti, non ci va nessuno. E tutta questa situazione deriva da una mancanza di supporto politico ad un sistema che tutto sommato era invece ben organizzato», spiega il Presidente ISS.

Ma è possibile che la stessa situazione si presenti anche in Italia? «Sì, assolutamente, il rischio c’è ma per motivazioni diverse», risponde Ricciardi. «In Inghilterra la causa è la mancanza di supporto politico in presenza di una buona organizzazione; in Italia, al contrario, manca una buona organizzazione ma c’è il supporto politico di tutti gli schieramenti. Nessuna forza politica oggi è ostile al Servizio Sanitario Nazionale, anzi, sono tutti favorevoli, dall’estrema sinistra all’estrema destra. Ma c’è un problema di governance e di gestione. Una governance così frammentata come quella che è venuta a crearsi con la responsabilità concorrente tra Stato e Regioni determina inevitabilmente enormi conflitti e, per le Regioni più deboli, una grande problematica a recuperare».

«E poi – prosegue Ricciardi – in Italia c’è un problema di gestione operativa: ormai tutte le Regioni sono in pareggio di bilancio ma, in alcune aree del Paese, a scapito dei servizi. Un esempio per tutti: al sud l’assistenza domiciliare è inesistente, al centro è quasi inesistente e al nord è appena accennata, con l’eccezione dell’Emilia Romagna. E questi sono i problemi che portano poi i cittadini ad essere scontenti. Quindi sì, il Servizio Sanitario Nazionale potrebbe avere, nei prossimi anni, esiti simili a quelli che oggi sta vivendo l’NHS, anche se per motivazioni diverse», conclude.

LEGGI ANCHE: NHS NEL CAOS, 50MILA INTERVENTI RIMANDATI. ECCO COSA STA SUCCEDENDO NEL REGNO UNITO

Articoli correlati
Walter Ricciardi: «Senza Mes e la partita europea l’Italia è morta»
Il consigliere del ministero della Salute per l'emergenza Covid-19: «Servono assunzioni, e questo regionalismo differenziato in sanità non ha mai funzionato bene»
di Tommaso Caldarelli
Rapporto Osservasalute: solo 0,2% in più per la sanità in 10 anni. Ricciardi: «Ssn decentrato ha mostrato debolezza»
Dal 2010 al 2018 33 mila posti letto in meno. Durante la pandemia differenze regionali nella cura e gestione dei pazienti. Veneto la più virtuosa. Il direttore dell'Osservatorio: «Antiscientifico e illogico affidare sanità alle regioni»
Coronavirus, Walter Ricciardi coordinerà relazioni con organismi internazionali. Speranza: «No a scelte unilaterali»
«La nostra risposta è rapida ed efficace ed il SSN all'altezza della situazione. Paese sia unito» ha detto il ministro della Salute
Virus cinese, sale l’allerta in Italia. Ricciardi: «Evitare che contagiati arrivino da noi». Rezza: «Non è da escludere stop ai voli»
Intanto un gruppo di esperti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità ha visitato Wuhan, la città della Cina interna da dove si è diffuso il virus all'origine della polmonite virale
Lotta ai Tumori, l’Europa in prima linea con la Mission Board for Cancer. Walter Ricciardi: «Nuovo approccio»
Tra i membri della mission europea è stato nominato anche l’italiano Walter Ricciardi: «Ridurre l’enorme diseguaglianza nell’accesso ai farmaci». E sull'Italia conferma «Non sono accessibili ovunque allo stesso modo. Basti pensare alla Calabria»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 24 settembre, sono 31.870.904 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 976.311 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 24 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...