Mondo 29 gennaio 2018

UK, crisi NHS: anche la Brexit tra le cause. Ricciardi: «Promessi 350 milioni a settimana ma la sanità è stata definanziata di 17 miliardi»

Crisi NHS e SSN a confronto: «In Inghilterra buona organizzazione senza sostegno politico; in Italia la politica è favorevole ma c’è un problema di gestione»

Immagine articolo

Il Sistema Sanitario inglese ha affrontato, nelle scorse settimane, la crisi più grave degli ultimi 30 anni. Decine di migliaia di interventi chirurgici sono stati rimandati, altrettanti pazienti hanno atteso per ore di essere visitati su barelle nei corridoi degli ospedali, per non parlare di coloro che hanno atteso il loro turno direttamente nelle ambulanze parcheggiate fuori le strutture. Una crisi legata alla particolare gravità e infettività dell’influenza di quest’inverno, spiegano i quotidiani inglesi, ma che potrebbe invece essere più strutturale di quanto venga ammesso.

Un duro colpo per il governo di Sua Maestà, viste soprattutto le promesse che erano state fatte durante la campagna elettorale per la Brexit: gli esponenti favorevoli ad uscire dall’Unione Europea avevano infatti promesso che 350 milioni di sterline alla settimana sarebbero stati deviati dai fondi europei per essere immessi nel sistema sanitario britannico. Anche queste, forse, le motivazioni che hanno spinto il Ministro della Salute Jeremy Hunt e il Primo Ministro Theresa May a scusarsi con i cittadini per la situazione che si è venuta a creare.

«È indubbio che l’attuale governo abbia fortemente definanziato il sistema sanitario inglese ed abbia sottostimato l’impatto che questo definanziamento avrebbe avuto sui servizi», sostiene il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Walter Ricciardi. «Le promesse fatte durante la campagna elettorale non sono state rispettate: si è trattato di falsa propaganda, visto che in realtà l’NHS è stato definanziato per quasi 17 miliardi di sterline».

La Brexit stessa, poi, è stata ulteriore elemento di complicazione: «Non ci sono più medici ed operatori sanitari che vogliono andare a lavorare in Inghilterra. Anzi, chi sta già lì se ne vuole andare. Questo sta determinando un’enorme crisi del personale: i concorsi sono vuoti, non ci va nessuno. E tutta questa situazione deriva da una mancanza di supporto politico ad un sistema che tutto sommato era invece ben organizzato», spiega il Presidente ISS.

Ma è possibile che la stessa situazione si presenti anche in Italia? «Sì, assolutamente, il rischio c’è ma per motivazioni diverse», risponde Ricciardi. «In Inghilterra la causa è la mancanza di supporto politico in presenza di una buona organizzazione; in Italia, al contrario, manca una buona organizzazione ma c’è il supporto politico di tutti gli schieramenti. Nessuna forza politica oggi è ostile al Servizio Sanitario Nazionale, anzi, sono tutti favorevoli, dall’estrema sinistra all’estrema destra. Ma c’è un problema di governance e di gestione. Una governance così frammentata come quella che è venuta a crearsi con la responsabilità concorrente tra Stato e Regioni determina inevitabilmente enormi conflitti e, per le Regioni più deboli, una grande problematica a recuperare».

«E poi – prosegue Ricciardi – in Italia c’è un problema di gestione operativa: ormai tutte le Regioni sono in pareggio di bilancio ma, in alcune aree del Paese, a scapito dei servizi. Un esempio per tutti: al sud l’assistenza domiciliare è inesistente, al centro è quasi inesistente e al nord è appena accennata, con l’eccezione dell’Emilia Romagna. E questi sono i problemi che portano poi i cittadini ad essere scontenti. Quindi sì, il Servizio Sanitario Nazionale potrebbe avere, nei prossimi anni, esiti simili a quelli che oggi sta vivendo l’NHS, anche se per motivazioni diverse», conclude.

LEGGI ANCHE: NHS NEL CAOS, 50MILA INTERVENTI RIMANDATI. ECCO COSA STA SUCCEDENDO NEL REGNO UNITO

Articoli correlati
Regione Lazio, Walter Ricciardi consigliere per ricerca e innovazione. Zingaretti: «Onorato che un grande scienziato come lui abbia dato disponibilità»
L’ex presidente dell’Iss collaborerà a titolo gratuito. Il governatore del Lazio: «Sono onorato che un grande medico e protagonista della scienza italiana metta a disposizione a titolo gratuito la propria esperienza e competenza per la nostra comunità»
ISS, Ricciardi saluta e fa un bilancio: «Conti risanati e contributi importanti, dai vaccini all’Ilva. Con Grillo nessuna polemica»
Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, che lascia dopo quattro anni e mezzo, sottolinea: «Percorso impegnativo ed entusiasmante. Abbiamo stabilizzato 473 unità di personale e destinato 16 milioni di euro a logistica e tecnologie». Nel suo futuro la presidenza della Federazione mondiale delle Società di Sanità pubblica. Da ultimo l’incarico nel Comitato scientifico della Fondazione “Italia in Salute” di Federico Gelli
Iss, dopo le dimissioni di Ricciardi lasciano anche Remuzzi, Santoro e Vitale. E scoppia la polemica
Dopo le dimissioni di Walter Ricciardi, altri tre figure apicali lasciano l’Istituto Superiore di Sanità. Si tratta di Giuseppe Remuzzi (componente del Cda), Armando Santoro e Francesco Vitale (membri del Comitato scientifico). A scatenare la polemica, le dichiarazioni di Remuzzi sulle motivazioni alla base delle dimissioni, riportate dall’Ansa, secondo le quali l’indipendenza scientifica dell’ente non […]
Walter Ricciardi lascia la guida dell’Istituto Superiore di Sanità
Dopo un anno da Commissario e a tre anni e mezzo dalla sua nomina a Presidente, Walter Ricciardi, dal primo gennaio, lascia la guida dell’Istituto Superiore di Sanità per potersi dedicare pienamente all’attività di ricerca e accademica
Revoca membri Consiglio superiore di sanità, Ricciardi (ISS): «Sono scienziati di fama internazionale, Ministro avrebbe dovuto almeno ringraziarli»
Il Presidente dell’Istituto superiore di sanità commenta la scelta di revocare i trenta membri non di diritto del Css: «È comprensibile che il Ministro voglia un organismo di cui si fidi, ma molti si sono rammaricati»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...