Mondo 11 maggio 2018

Turismo sanitario, per evitare le lunghe liste d’attesa gli inglesi scelgono l’Italia

Firmato un accordo tra il Salvator Mundi e l’organizzazione inglese Operations Abroad Worldwide per accogliere a Roma pazienti provenienti dal Regno Unito. Problemi strutturali del servizio pubblico britannico, risparmio economico e la possibilità di richiedere il rimborso delle spese sostenute tra le cause dell’esodo di oltre 50mila pazienti

Immagine articolo

«Per evitare le lunghe liste d’attesa, quasi quasi mi faccio operare in Italia». Sembrerà un paradosso, ma è il ragionamento che, da oggi, faranno ogni anno circa 750 inglesi. Sono tanti, infatti, i pazienti britannici che l’ospedale romano Salvator Mundi International Hospital si aspetta di accogliere, dopo aver firmato un accordo con Operations Abroad Worldwide, il primo agente britannico di turismo sanitario.

Con un sistema sanitario pubblico costretto ad affrontare sempre più difficoltà, strutture private decisamente più care rispetto a quelle italiane, un aumento del 46% delle infezioni ospedaliere, e la possibilità di richiedere il rimborso delle spese sostenute per farsi curare in un altro Paese membro dell’Unione Europea, sono sempre più, infatti, i cittadini britannici che decidono di affidarsi a medici e strutture straniere. E da oggi, grazie a questo accordo, sarà più semplice per loro venire a Roma. Operations Abroad Worldwide offre ai pazienti d’Oltremanica un pacchetto chirurgico a prezzo fisso che include un livello completo di assistenza, compresa la diagnosi, la chirurgia, la riabilitazione e l’assicurazione post-intervento di 12 mesi. Un “Total Care Package” che consente, appunto, agli inglesi interessati al turismo sanitario, di accorciare notevolmente i tempi: affidandosi ad una struttura come il Salvator Mundi, l’intero iter può terminare in sole due settimane, mentre per un’operazione all’anca, al ginocchio o di neurochirurgia all’interno del NHS è necessario attendere almeno tre anni.

LEGGI ANCHE: UK, CRISI NHS: ANCHE LA BREXIT TRA LE CAUSE. RICCIARDI: «PROMESSI 350 MILIONI A SETTIMANA MA LA SANITÀ È STATA DEFINANZIATA DI 17 MILIARDI» 

«Abbiamo deciso di siglare questo accordo con il Salvator Mundi – spiega a Sanità Informazione l’amministratrice delegata di Operations Abroad Worldwide Ruth Taylor – perché il sistema sanitario italiano ha un’ottima reputazione all’estero, è uno dei migliori al mondo. Inoltre questo ospedale è già una struttura internazionale in termini di gestione e amministrazione, cosa che renderà molto piacevole l’esperienza dei pazienti stranieri che verranno curati qui».

Ovviamente il budget che i pazienti hanno a disposizione, oltre alla tipologia di intervento di cui hanno bisogno, è decisivo nella scelta della destinazione: «Se il budget è limitato – prosegue la dottoressa Taylor – vengono scelti Paesi più economici come la Polonia, la Repubblica Ceca o l’Ungheria. Se rientra in una fascia media si preferiscono Francia, Germania, Spagna o Italia, dove comunque si risparmia circa il 30% di quanto richiesto da una struttura privata del Regno Unito».

In ogni caso, il paziente, una volta tornato a casa, potrà richiedere il rimborso delle spese sostenute fino alla cifra che il sistema pubblico avrebbe speso se quell’intervento fosse stato eseguito nell’ambito del NHS. È quanto prevede la normativa europea sulle cure transfrontaliere. Sorge spontaneo quindi il dubbio su che cosa succederà dopo la Brexit: «Non ne ho idea – risponde sorridendo la Taylor -, questa è una domanda da un milione di dollari. Non penso che la Brexit impatterà sul turismo sanitario, iniziato molto prima che la normativa entrasse in vigore. Ma bisognerà forse fare un discorso a parte per quanto riguarda la possibilità di richiedere il rimborso delle spese. Ancora non possiamo sapere cosa accadrà, dipenderà dagli accordi che verranno presi».

Si dice felice e soddisfatto dell’accordo siglato con Operations Abroad Worldwide l’amministratore delegato del Salvator Mundi, Michele Casciani: «È il risultato di un lavoro molto lungo, che ancora non è finito e che è parte di una strategia di riorganizzazione dell’ospedale secondo me molto interessante, perché cerca di trovare uno spazio diverso per la sanità privata. Se sviluppata in maniera corretta, etica ed economicamente sostenibile, l’industria della sanità può diventare una quota molto importante del PIL, come avviene in molti Paesi: la Germania, ad esempio, ogni anno produce oltre un miliardo di euro per attività sanitarie con pazienti stranieri. Noi italiani siamo ancora lontani da questi numeri, pur avendo professionalità uguali se non migliori della Germania. Quindi questo è per noi un momento importante, l’inizio di un percorso interessante e promettente».

LEGGI ANCHE: IL TURISMO MEDICALE VALE 100 MILIARDI DI DOLLARI. L’ITALIA SI CANDIDA TRA LE DESTINAZIONI PRIMARIE

Un ospedale, il Salvator Mundi, già molto internazionale, vista la partnership con il network UPMC (University of Pittsburgh Medical Center), provider internazionale del settore sanitario e uno dei maggiori sistemi non-profit degli Stati Uniti dedicato alla ricerca, alla salute e alla formazione: «La presenza di UPMC al Salvator Mundi International Hospital – spiega Giovanni Vizzini, Direttore medico di SMIH-UPMC – rappresenta un impegno concreto per lo sviluppo di aree cliniche, per consentire l’accesso a servizi sanitari specializzati e per sviluppare progetti di ricerca».

«E poi – aggiunge il responsabile del reparto di cardiologia Cesare Greco – offriamo ai pazienti che vorranno venire qui dall’estero la possibilità di essere in una clinica al centro di una città meravigliosa, con una vista incredibile, di cui il turismo sanitario inglese sicuramente beneficerà». Ed effettivamente, se la terrazza su cui si è svolta la conferenza stampa ha lasciato senza fiato noi, farà senz’altro innamorare anche i sudditi di Sua Maestà.

Articoli correlati
La storia di Mark Harmon: «Mio figlio si è ammalato e sono diventato medico a 42 anni»
«Ho sempre lavorato nel settore commerciale. Poi mio figlio si è ammalato e a 42 anni sono diventato un medico. È stata la scelta migliore che abbia mai fatto». La storia che Mark Harmon racconta sul Guardian è di quelle che sembrano uscite da un film, una di quelle alla sliding doors: chissà cosa sarebbe […]
Il medicinale costa troppo e il paziente di 8 anni chiede alla farmaceutica di abbassarne il prezzo
Luis Walker, 8 anni, malato di fibrosi cistica, ha scritto una lettera alla Vertex chiedendo di rendere disponibile il farmaco di cui ha bisogno
Morbillo, nessun allarme di casi dall’Italia al Regno Unito
Il ministero della Salute – come da impegni presi dal ministro Giulia Grillo nel corso della recente conferenza stampa sul tema dei vaccini – attraverso la Direzione generale della prevenzione sanitaria, rende note le informazioni scambiate sui casi di morbillo nell’ultimo semestre tra il nostro Paese ed il Regno Unito (UK), per mezzo del sistema […]
I medici di famiglia inglesi vogliono far pagare una tassa ai pazienti che fissano appuntamenti non necessari
I medici di famiglia del Regno Unito hanno proposto una tassa di 5 sterline per scoraggiare la popolazione ad andare nello studio quando non necessario. Come immaginabile, l’iniziativa ha alzato un polverone. Secondo i promotori, servirebbe a far riflettere i pazienti sul reale bisogno del medico, suggerendo i casi in cui le loro richieste possono […]
UK, Theresa May “regala” 20 miliardi di sterline per i 70 anni del servizio sanitario grazie alla Brexit. E a più tasse
Il Primo Ministro britannico intende mantenere la promessa sbandierata nella campagna elettorale per l’uscita dall’Unione Europea: i contributi al bilancio di Bruxelles saranno destinati al NHS. Ma per gli esperti i conti non tornano…
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila