Mondo 12 febbraio 2018

Il Turismo Medicale vale 100 miliardi di dollari. L’Italia si candida tra le destinazioni primarie

«La posta in palio è alta», afferma Alessandro Santambrogio, cofondatore e direttore marketing di Intercare, la prima Fiera e Congresso Internazionale di Turismo Medicale che ha organizzato a Milano un convegno sul fenomeno

Dopo cibo, cultura, moda e design anche la salute si candida a diventare, a pieno titolo, uno dei tratti distintivi del Made in Italy per portare l’Italia tra le destinazioni primarie di Turismo Medicale. Un fenomeno, quello della ricerca di cure in luoghi diversi da quello di residenza, che ha un valore stimato globale di oltre 100 miliardi di dollari all’anno e che interessa circa 10 milioni di pazienti.  

E l’Italia? Secondo le stime dell’Osservatorio OCPS-SDA Bocconi il nostro Paese genera oggi un valore pari a 2 miliardi di euro, che secondo gli osservatori internazionali potrebbe arrivare a 4, implementando l’offerta di servizi sanitari e turistici offerti agli stranieri. Il saldo per ora è ancora negativo, con circa 200.000 italiani che vanno oltre confine cercando, prevalentemente, prestazioni meno care in chirurgia dentale, estetica e ricostitutiva o trapianto dei capelli. Solo 5.000 gli stranieri arrivati in Italia – principalmente da Paesi Arabi, Russia, Svizzera, Balcani – spinti però dalla ricerca di trattamenti ad alto tasso di specializzazione in neurologia, cardiochirurgia, oncologia, chirurgia bariatrica e ortopedia. Questo si riflette sulla spesa media che oscilla tra i 20 e i 70mila euro, senza calcolare le spese generate dal corollario turistico.

«La posta in palio è alta», afferma Alessandro Santambrogio, cofondatore e direttore marketing di Intercare, la prima Fiera e Congresso Internazionale di Turismo Medicale che, per la prima volta, ha organizzato a Milano con BIT, fiera leader nel Turismo, un convegno dal titolo “Turismo Medicale: una risorsa strategica per il sistema turistico e sanitario italiano”.

«Il costo sempre minore del trasporto aereo – spiega Santambrogio – ha notevolmente migliorato l’accessibilità alle cure, soprattutto per pazienti che provengono da Paesi con sistemi sanitari carenti o che hanno lunghe liste di attesa. Questo fattore, unito alla disponibilità sempre maggiore di informazioni sul web, traina la crescita di un comparto che, in poco tempo, ha raggiunto valori considerevoli e continua a crescere a ritmo sostenuto».

Il turismo medicale coinvolge una filiera articolata e complessa che include la ricerca medica, la qualità delle strutture ospedaliere e del personale, i servizi di viaggio e ristorazione, l’offerta culturale e di svago, la comunicazione nonché le regolamentazioni fiscali, quelle legate ai visti e alla privacy e le normative europee sull’accessibilità delle cure. Per svilupparlo è nato Acesis, la società che controlla Intercare, Destination Health e ItalyCares, che ha nella sua mission sia lo sviluppo del turismo medicale sia il supporto alle aziende ospedaliere che desiderano proporsi sui mercati esteri.

«Quando abbiamo iniziato a studiare il settore del Turismo Medicale – racconta Santambrogio, uno dei soci fondatori di Acesis e l’ideatore dell’ecosistema di brand – ci siamo resi conto di come questo non fosse un punto di partenza, bensì un punto di arrivo di un processo culturale, tecnologico, organizzativo, logistico e, ovviamente, medico in cui ogni parte è strettamente interconnessa alle altre. Focalizzarsi solo sull’aspetto di portare pazienti verso gli ospedali dimenticando tutti gli altri aspetti è non solo semplicistico ma rischia di essere dannoso per gli stessi ospedali e, alla lunga, per la credibilità di un’intera destinazione».

Ma cosa spinge gli italiani a farsi curare all’estero e gli stranieri a venire qui in Italia? Circa il 46% dei turisti medicali viaggia per ricevere cure migliori di quelle disponibili nello Stato di residenza; il 22% perché il costo delle cure nel proprio Paese è troppo elevato; il 18% perché la tipologia di cure non è disponibile nella nazione di residenza; il 10% perché la qualità delle cure non è all’altezza; il 4% perché il tempo di attesa è troppo elevato. Circa il 70% dei pazienti si muove per cercare trattamenti legati al miglioramento della qualità della vita (come la riabilitazione o la chirurgia estetica) o al miglioramento dello stato psicofisico generale (come le terme). Nel 2014, sono stati 340.000 gli italiani che sono andati all’estero in cerca di cure: principalmente in Croazia (16,7%), Ungheria (14,6%) e Romania (13%). Fuori dall’Europa la prima destinazione sono gli Stati Uniti.

LEGGI ANCHE: DA FIRENZE AGLI USA PER UN TRIAL DISPONIBILE ANCHE A PISA. QUANDO IL TURISMO SANITARIO DIVENTA UN PARADOSSO

Articoli correlati
Turismo sanitario, per evitare le lunghe liste d’attesa gli inglesi scelgono l’Italia
Firmato un accordo tra il Salvator Mundi e l’organizzazione inglese Operations Abroad Worldwide per accogliere a Roma pazienti provenienti dal Regno Unito. Problemi strutturali del servizio pubblico britannico, risparmio economico e la possibilità di richiedere il rimborso delle spese sostenute tra le cause dell’esodo di oltre 50mila pazienti
Da Firenze agli USA per un trial disponibile anche a Pisa. Quando il turismo sanitario diventa un paradosso
Ilaria Ciancaleoni Bartoli, Direttrice dell’Osservatorio Malattie Rare O.Ma.R., racconta la storia di una bambina con una patologia rarissima, protagonista del viaggio: «In Italia la ricerca c’è, ma dobbiamo informare meglio le persone delle opportunità che il Paese offre»
Epatite C, OMCeO Roma denuncia un’organizzazione ucraina per turismo sanitario
Il  fenomeno  del  cosiddetto  “turismo  sanitario”  che  spinge  molti  pazienti  a  cercare  cure  e procurarsi  farmaci  in  altri  Paesi  desta  forte  preoccupazione  nel  mondo  medico,  sia  per  gli  aspetti  strettamente  connessi  alla  sicurezza  e  adeguatezza  dei trattamenti  e  dei  medicinali proposti, sia per le implicazioni commerciali e speculative. Per tali motivi l’Ordine provinciale di  Roma  dei Medici‐Chirurghi  e  degli  Odontoiatri (OMCeO)  ha  presentato  nei  giorni  scorsi denuncia‐querela  alla  competente  Procura  della  Repubblica  […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...