Mondo 22 Ottobre 2021 15:15

In Inghilterra niente restrizioni e crescono i contagi. La testimonianza: «Ma gli ospedali sono vuoti»

Un cardiologo italiano a Londra: «Il vaccino ha abbassato la virulenza del virus, ma troppo lassismo e una campagna vaccinale debole su giovani e booster rischiano di aggravare la situazione in inverno»

di Federica Bosco
In Inghilterra niente restrizioni e crescono i contagi. La testimonianza: «Ma gli ospedali sono vuoti»

Il numero di persone risultate positive al virus Sars-Cov-2 nel Regno Unito è aumentato negli ultimi giorni superando i 50.000 contagi giornalieri. È di nuovo allarme Covid in Uk, quindi, anche se negli ospedali la situazione sembra essere sotto controllo, come conferma Francesco Logiudice, cardiologo italiano che lavora a Londra. «Sui media la situazione è dipinta peggio di quanto non sia in realtà – dichiara – perché se l’aumento dei casi positivi è evidente, non significa che gli ospedali sono ingolfati e le terapie intensive piene. Sicuramente i contagi devono essere monitorati, bisogna stare attenti e gli stessi rappresentanti del sistema sanitario nazionale dicono al governo di non aspettare che la situazione peggiori».

Un “liberi tutti” che desta preoccupazione

A destare preoccupazione sembra essere il “liberi tutti” che da qualche tempo è stato adottato in Gran Bretagna e, per effetto del quale, i cittadini non usano più alcun accorgimento. Un addio alla mascherina, all’uso del gel e al distanziamento che potrebbe avere serie conseguenze. «I locali sono pieni, i cittadini vanno ovunque senza mascherina e anche dove esiste ancora un obbligo lo ignorano – ribadisce a più riprese il medico -. C’è molto lassismo, occorre però fare qualcosa perché stiamo andando verso i mesi invernali, ci sarà l’influenza, più positivi girano e maggiore sarà la possibilità che qualcuno finisca in ospedale».

Il successo dei vaccini, nonostante l’impennata dei contagi

Dando uno sguardo ai dati statistici, negli ultimi tre mesi il numero dei contagi è salito al punto che si è allineato con i dati dello stesso periodo del 2020, quando ancora non era iniziata la campagna vaccinale. Tra luglio e ottobre 2021 in Gran Bretagna ci sono stati poco più di tre milioni di casi, con 79.000 persone che sono finite in ospedale. Nello stesso periodo dello scorso anno, i contagi sono stati poco più di 2,7 milioni, ma più di 185.000 persone hanno avuto bisogno di cure ospedaliere.

«Ma non cadiamo nell’errore di pensare che il vaccino non sia servito a nulla – rimarca Logiudice – anzi se diamo una lettura corretta possiamo osservare che rispetto a dodici mesi fa, il numero dei ricoverati è diminuito del 50% e addirittura del 75% di coloro che sono finiti in terapia intensiva. Quindi se da un lato il vaccino non ha frenato i contagi, dall’altro ha ridotto la virulenza del virus».

Le parole di Logiudice trovano conferma anche nella sua esperienza personale. «Sono stato tra i primi ad essere vaccinato ad inizio 2021 e dopo sei mesi è evidente che la carica anticorpale sia diminuita. Tre settimane fa ho contratto il Covid, ma se non fosse per la perdita dell’olfatto, potrei dire che è stato un raffreddore di stagione».

«Il caso Gran Bretagna non si ripeterà in Italia»

Secondo quanto riportato dai giornali inglesi, la percentuale di persone risultate positive al coronavirus è aumentata in Inghilterra e in Galles mentre è diminuita in Irlanda del Nord e Scozia. «Esistono regole differenti – spiega il medico italiano – più rigide in Scozia, meno in Inghilterra e Galles, l’Irlanda ha una densità di popolazione più bassa e quindi vive già distanziata. Di sicuro il comportamento dei cittadini incide sulla curva dei contagi. In Italia difficilmente si verificherà quanto sta accadendo ora in Uk perché la gente è più responsabile. La campagna vaccinale sui più giovani sta riscuotendo un discreto successo. Da noi invece solo il 15% dei ragazzini tra gli undici e i tredici anni è stato vaccinato mentre la maggior parte dei casi di chi ha contratto il Covid negli ultimi mesi rientra in quella fascia, che viene sottoposta regolarmente a tampone ogni 15 giorni».

Nessuna campagna vaccinale per la terza dose

«Il terzo vaccino, che in Uk si farà solo con Pfizer, oggi va a rilento ed è uno dei motivi per cui i numeri dei contagi tendono ad aumentare – conclude Logiudice dando alcune semplici indicazioni per evitare il peggio -. Come uscire da questo tunnel? È importante continuare ad usare la mascherina nei luoghi pubblici, lavarsi spesso le mani e fare il vaccino».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Cosa si può fare (o non fare) in zona gialla?
Ora che, dopo mesi di un’Italia interamente bianca, abbiamo di nuovo una Regione in zona gialla (il Friuli Venezia Giulia), è bene rinfrescarsi la memoria su quali limitazioni vengono di nuovo imposte per limitare il contagio da Covid-19. In particolare ora che al green pass si è aggiunto il super green pass. Ma cosa si […]
Variante Omicron, Speranza al G7: «Ora supportare concretamente vaccinazione nei Paesi più fragili»
Le parole del Ministro della Salute nell’incontro convocato per discutere della nuova variante proveniente dal Sudafrica. Intanto sono 33 i casi confermati ma nessun morto o caso grave
Il primo ospedale Covid d’Italia si tinge di rosa. A Castel San Giovanni nasce l’ospedale delle donne
Cattadori (U.O. Qualità e Ricerca): «Abbiamo trasformato una grande difficoltà, come quella della gestione dell’emergenza Covid, in un’opportunità. Durante la pandemia era necessario continuare a garantire cura e assistenza in sicurezza e ci siamo attrezzati per farlo»
di Isabella Faggiano
Nuova variante sudafricana, Ricciardi: «Allarmarsi no, preoccuparsi sì»
L’Italia ha vietato l’ingresso da 8 Paesi. Il consulente del ministro Speranza: «Le esperienze del passato c’insegnano che queste misure, spesso, risultano tardive. La sudafricana potrebbe anche essersi già diffusa. Non sappiamo se questa variante provocherà danni alla copertura vaccinale, ma pare essere ancora più contagiosa della Delta»
di Isabella Faggiano
Gimbe: +27% di nuovi casi in una settimana, aumentano anche decessi e ospedalizzazioni
Secondo il presidente della Fondazione Cartabellotta: «Per contenere la quarta ondata nel nostro Paese sul fronte vaccini è indiscutibile la necessità di raggiungere il maggior numero possibile di persone non ancora vaccinate, e così come l’allentamento delle misure restrittive deve essere graduale, la loro re-introduzione deve essere tempestiva»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 novembre, sono 262.221.568 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.208.466 i decessi. Ad oggi, oltre 7,95 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano