Salute 21 Ottobre 2021 17:14

Vaccini antinfluenzali in farmacia, c’è l’accordo. Tobia (Federfarma): «Grande riconoscimento»

Il Segretario Nazionale commenta il protocollo che dà alle farmacie un ruolo ancora più importante sul territorio. Ma riusciranno le farmacie a reggere tra tamponi rapidi e vaccinazioni (anti-Covid e antinfluenzali)? «Ce la faremo alla grande»

Vaccini antinfluenzali in farmacia, c’è l’accordo. Tobia (Federfarma): «Grande riconoscimento»

La Conferenza Stato-Regioni ha dato l’ok definitivo all’intesa sul Protocollo firmato da Governo, Regioni, Federfarma e Assofarm per la somministrazione dei vaccini antinfluenzali da parte dei farmacisti. Oltre all’attività di screening della popolazione attraverso test rapidi e l’inoculazione dei vaccini anti-Covid direttamente in farmacia, si aggiunge un nuovo, importantissimo tassello nell’attività delle farmacie italiane.

Tobia (Federfarma): «Grande riconoscimento nell’ottica della farmacia dei servizi»

«Possiamo dire – afferma il Segretario Nazionale di Federfarma, Roberto Tobia, a Sanità Informazione – che questo è un ulteriore traguardo raggiunto dalla farmacia e dai farmacisti italiani nell’ottica della piena realizzazione della farmacia dei servizi. Un riconoscimento di un ruolo attivo del farmacista che dà la possibilità ai cittadini di effettuare la vaccinazione antinfluenzale contestualmente alla vaccinazione anti-Covid. Tutto questo – spiega ancora Tobia – nel momento in cui i dati dell’OMS ci dicono che la virulenza dell’influenza in questo inverno potrebbe molto probabilmente essere più elevata, proprio in relazione al fatto che il virus, per le ragioni a noi tutti conosciute, lo scorso anno non ha circolato».

Boom di test rapidi in farmacia

Ma, come detto, quello della vaccinazione antinfluenzale è solo l’ultimo impegno in ordine di tempo che le farmacie italiane hanno preso per l’attività di lotta alla pandemia. Tant’è che in questi ultimi giorni le farmacie italiane, causa obbligo di Green pass anche nel lavoro privato, hanno processato un elevatissimo numero di tamponi. La richiesta è così alta che la Federazione degli Ordini dei Farmacisti (FOFI) ha chiesto la possibilità di ampliare ancora di più le capacità di screening delle farmacie a livello nazionale. Il Commissario all’emergenza Figliuolo ha chiesto dunque a Regioni e Province autonome di permettere alle farmacie di effettuare tamponi antigenici rapidi anche oltre gli orari di servizio e nei giorni di chiusura, anche a persone che non si erano prenotate.

«Farmacie affrontano aumento richieste tamponi senza problemi»

«Siamo arrivati anche ad 800mila test in un solo giorno – spiega Roberto Tobia – ma non abbiamo avuto difficoltà nel farlo. È vero che in alcuni casi si sono create delle code davanti alle farmacie e in altri qualche tafferuglio dovuto però all’inciviltà di qualche facinoroso, ma posso dire che le farmacie hanno affrontato senza problemi anche questo banco di prova».

Nessun contrattempo neanche dal punto di vista dell’approvvigionamento dei tamponi: «Abbiamo letto qualche notizia che ci metteva in allarme circa la disponibilità dei test rapidi da parte della distribuzione intermedia, con conseguenze ovviamente anche nelle farmacie. Posso dire che non ci sarà nessuna carenza di tamponi – conferma Tobia –. Si tratta di un problema che non esiste». Ma riusciranno le farmacie a far fronte a tutti questi impegni, tra tamponi e vaccinazioni anti-Covid e antinfluenzale? «Ce la faremo alla grande», risponde Tobia.

«Grande soddisfazione per aumento fondo sanitario»

Tobia vuole infine esprimere la sua soddisfazione per l’annunciato aumento delle risorse contenute nel Fondo sanitario nazionale: «Si tratta di una notizia davvero importante – spiega – che finalmente trasformerà ogni euro investito nella sanità in un investimento nella salute dei cittadini». Per Tobia si tratta di un «risultato fondamentale» in quanto «fino ad oggi abbiamo guardato alla spesa sanitaria, e nel nostro caso a quella farmaceutica, facendo attenzione ai costi. Ora, grazie a questo provvedimento, possiamo cominciare a parlare di investimenti». Il Segretario di Federfarma vuole poi «dare atto del lavoro fatto al Ministro Speranza e a tutte le istituzioni che si sono dimostrate disponibili ad agevolare questo importante passaggio», volto a «garantire e tutelare la salute dei cittadini».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Il Nobel per la Medicina ai «genitori» dei vaccini a mRNA contro il Covid e non solo
Drew Weissman, 64 anni, e Katalin Karikò, 68 anni, sono i due nuovi vincitori del Nobel per la Medicina 2023. I due scienziati hanno sviluppato la tecnologia che ha permesso, nel giro di pochissimi mesi, di sviluppare i vaccini anti-Covid a mRNA, che hanno salvato milioni di vite umane nel mondo
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
Covid: pericolo scampato? Non per i pazienti fragili: l’appello di AIP OdV
Le infezioni da Sars-CoV-2, così come le altre malattie virali, rimangono un elemento di allerta. In Italia, infatti, si contano ancora circa 30 morti al giorno per infezioni Sars-CoV-2, molti dei quali fanno parte dei cosiddetti «pazienti fragili» (sono 1 su 5 in Italia)
I vaccini anti-Covid hanno salvato oltre 1 milione di vite in Europa
I vaccini contro Covid-19 hanno salvato almeno 1.004.927 vite in Europa, tra dicembre 2020 e marzo 2023. Lo ha stimato una nuova ricerca presentata al Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive (ECCMID) in corso a Copenaghen, in Danimarca. La stragrande maggioranza delle vite salvate, il 96%, erano individui di 60 anni d'età o più
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...