Salute 21 Ottobre 2021 17:14

Vaccini antinfluenzali in farmacia, c’è l’accordo. Tobia (Federfarma): «Grande riconoscimento»

Il Segretario Nazionale commenta il protocollo che dà alle farmacie un ruolo ancora più importante sul territorio. Ma riusciranno le farmacie a reggere tra tamponi rapidi e vaccinazioni (anti-Covid e antinfluenzali)? «Ce la faremo alla grande»

Vaccini antinfluenzali in farmacia, c’è l’accordo. Tobia (Federfarma): «Grande riconoscimento»

La Conferenza Stato-Regioni ha dato l’ok definitivo all’intesa sul Protocollo firmato da Governo, Regioni, Federfarma e Assofarm per la somministrazione dei vaccini antinfluenzali da parte dei farmacisti. Oltre all’attività di screening della popolazione attraverso test rapidi e l’inoculazione dei vaccini anti-Covid direttamente in farmacia, si aggiunge un nuovo, importantissimo tassello nell’attività delle farmacie italiane.

Tobia (Federfarma): «Grande riconoscimento nell’ottica della farmacia dei servizi»

«Possiamo dire – afferma il Segretario Nazionale di Federfarma, Roberto Tobia, a Sanità Informazione – che questo è un ulteriore traguardo raggiunto dalla farmacia e dai farmacisti italiani nell’ottica della piena realizzazione della farmacia dei servizi. Un riconoscimento di un ruolo attivo del farmacista che dà la possibilità ai cittadini di effettuare la vaccinazione antinfluenzale contestualmente alla vaccinazione anti-Covid. Tutto questo – spiega ancora Tobia – nel momento in cui i dati dell’OMS ci dicono che la virulenza dell’influenza in questo inverno potrebbe molto probabilmente essere più elevata, proprio in relazione al fatto che il virus, per le ragioni a noi tutti conosciute, lo scorso anno non ha circolato».

Boom di test rapidi in farmacia

Ma, come detto, quello della vaccinazione antinfluenzale è solo l’ultimo impegno in ordine di tempo che le farmacie italiane hanno preso per l’attività di lotta alla pandemia. Tant’è che in questi ultimi giorni le farmacie italiane, causa obbligo di Green pass anche nel lavoro privato, hanno processato un elevatissimo numero di tamponi. La richiesta è così alta che la Federazione degli Ordini dei Farmacisti (FOFI) ha chiesto la possibilità di ampliare ancora di più le capacità di screening delle farmacie a livello nazionale. Il Commissario all’emergenza Figliuolo ha chiesto dunque a Regioni e Province autonome di permettere alle farmacie di effettuare tamponi antigenici rapidi anche oltre gli orari di servizio e nei giorni di chiusura, anche a persone che non si erano prenotate.

«Farmacie affrontano aumento richieste tamponi senza problemi»

«Siamo arrivati anche ad 800mila test in un solo giorno – spiega Roberto Tobia – ma non abbiamo avuto difficoltà nel farlo. È vero che in alcuni casi si sono create delle code davanti alle farmacie e in altri qualche tafferuglio dovuto però all’inciviltà di qualche facinoroso, ma posso dire che le farmacie hanno affrontato senza problemi anche questo banco di prova».

Nessun contrattempo neanche dal punto di vista dell’approvvigionamento dei tamponi: «Abbiamo letto qualche notizia che ci metteva in allarme circa la disponibilità dei test rapidi da parte della distribuzione intermedia, con conseguenze ovviamente anche nelle farmacie. Posso dire che non ci sarà nessuna carenza di tamponi – conferma Tobia –. Si tratta di un problema che non esiste». Ma riusciranno le farmacie a far fronte a tutti questi impegni, tra tamponi e vaccinazioni anti-Covid e antinfluenzale? «Ce la faremo alla grande», risponde Tobia.

«Grande soddisfazione per aumento fondo sanitario»

Tobia vuole infine esprimere la sua soddisfazione per l’annunciato aumento delle risorse contenute nel Fondo sanitario nazionale: «Si tratta di una notizia davvero importante – spiega – che finalmente trasformerà ogni euro investito nella sanità in un investimento nella salute dei cittadini». Per Tobia si tratta di un «risultato fondamentale» in quanto «fino ad oggi abbiamo guardato alla spesa sanitaria, e nel nostro caso a quella farmaceutica, facendo attenzione ai costi. Ora, grazie a questo provvedimento, possiamo cominciare a parlare di investimenti». Il Segretario di Federfarma vuole poi «dare atto del lavoro fatto al Ministro Speranza e a tutte le istituzioni che si sono dimostrate disponibili ad agevolare questo importante passaggio», volto a «garantire e tutelare la salute dei cittadini».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
Il Calendario dei vaccini per la vita, a Firenze l’evento Simedet: «Sviluppare programmi di formazione ed informazione»
L'evento il 27 settembre a Firenze, a cura dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi e della Simedet, Società italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
Via alle prenotazioni per i vaccini aggiornati, ora cosa bisogna fare?
I nuovi vaccini si possono prenotare sui siti regionali già utilizzati per le dosi precedenti. Priorità alle persone over 60, fragili e operatori sanitari
In Italia via libera ai vaccini «aggiornati», che fine faranno i «vecchi»?
L'Aifa ha approvato i due vaccini aggiornati sulla variante Omicron 1. Ma l'Italia ha ancora oltre 2 milioni di dosi di vaccini «vecchi» da utilizzare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi